“Discorso del trono” europeo von der Leyen: la crisi di Corona dimostra il vantaggio dell’unione | Corona virus

L’Europa è in un nuovo anno in cui mette alla prova la sua “forza di carattere”. Ma può superare questo test. La Federazione lo ha dimostrato con il suo approccio alla gestione della pandemia di Corona. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha affermato questa mattina nel suo secondo discorso sullo stato dell’Unione, l’equivalente europeo del nostro discorso dal trono.




In esso, ha dichiarato inequivocabilmente che l’Europa è il leader mondiale. “Un anno fa non sapevamo se avremmo trovato un vaccino, ora il 70 per cento della popolazione adulta è stato vaccinato e siamo stati in grado di condividere metà della nostra scorta di vaccini con altri 130 paesi”. L’Europa ha anche risposto con forza a Corona dal punto di vista economico. “Ci sono voluti otto anni per riprendersi dalla crisi finanziaria, e ora la maggior parte degli Stati membri è tornata al livello pre-crisi quest’anno e il resto seguirà l’anno prossimo”. Per Van der Leyen, questo indica la necessità di una cooperazione europea. L'”unione della salute” su cui sta lavorando Bruxelles deve preparare meglio l’Europa alle nuove crisi sanitarie. “Un’epidemia locale non dovrebbe trasformarsi di nuovo in una pandemia”. Molta attenzione va ora dedicata alla vaccinazione del “resto del mondo”, per la quale l’Europa fornisce ancora una volta 200 milioni di dosi. Sono pronte 1,8 miliardi di dosi per un possibile terzo giro di iniezioni in Europa.

“ispirato dalla giovinezza”

Il cambiamento climatico è una delle grandi nuove sfide che l’Europa deve affrontare. Von der Leyen ha affermato di voler trarre ispirazione dai giovani, “che credono nell’essere responsabili del nostro pianeta”. Non ha annunciato nuove iniziative nel campo del cambiamento climatico.

READ  L'AEX è ancora leggermente al di sotto del record

Bene su molti altri livelli. L’anno prossimo si terrà un vertice speciale avviato dal presidente Macron per rafforzare la difesa europea e la crisi afgana ha dimostrato la sua necessità. Anche l’Europa vuole (ri)guadagnare slancio attraverso la digitalizzazione. Vuole anche una minore dipendenza dall’importante mercato dei semiconduttori, non solo per ragioni di competitività ma anche per ragioni di posizione dominante. L’obiettivo è avere il nostro “ecosistema di chip”, “che assicurerà sia la nostra fornitura che l’ulteriore sviluppo tecnologico”.


Citazione

Quando le aziende realizzano un profitto, è grazie alla nostra infrastruttura, protezione sociale e capacità educativa

Ursula von der Leyen.

recessione

Il presidente della Commissione ha anche indicato le aree della politica in cui c’è poco movimento. Il lavoro sulla politica europea dell’immigrazione è “dolorosamente lento” a causa delle grandi contraddizioni tra gli Stati membri, e anche la lotta all’evasione fiscale può essere accelerata. “Quando le aziende realizzano un profitto, è attraverso la nostra infrastruttura, protezione sociale e capacità educativa. Pagare le tasse in seguito è questione di equità e giustizia”. Von der Leyen ha parlato di “aliquota minima dell’imposta sui dividendi” e di “divulgazione di profitti nascosti”.

Von der Leyen ha grandi aspettative dai giovani europei, che hanno sofferto molto per il Corona e che vogliono essere ricompensati per la loro pazienza con i giovani europei il prossimo anno. Ha anche una giovane donna che “mi ha rubato il cuore quest’estate” come ospite speciale: l’italiana Beatrice Vio, medaglia d’oro paralimpica. Ha vinto questa medaglia dopo 119 giorni di ricovero ospedaliero in pericolo di vita. Secondo von der Leyen, il suo motto – se qualcosa sembra impossibile, si può fare – è stato anche il motto dei fondatori dell’Europa più di 60 anni fa e può ispirare l’attuale generazione di leader.

Pietro R. de Vries

Nel suo libro State of the Union, questa mattina von der Leyen ha menzionato anche il nome Peter R. de Fries. Appartiene alla triste lista dei giornalisti recentemente assassinati, prima di lui Daphne Caruana Galizia (Malta) e Jan Kociak (Slovacchia).

Von der Leyen ha annunciato una legge che garantisce la libertà dei media e ha immediatamente inviato una raccomandazione al Parlamento per una migliore protezione dei giornalisti. “Perché quando difendiamo la libertà dei media, difendiamo anche la nostra democrazia”.

Guarda i nostri video delle migliori notizie in questa playlist.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24