Disgusto in Spagna dopo gravi abusi su gay: “Cresce odio”

La Spagna ha risposto con orrore all’aggressione di un gay di 20 anni a Madrid. L’uomo è stato accoltellato al volto con un coltello domenica sul balcone. Gli aggressori hanno anche graffiato la parola “maricon” (“frocio”) nelle sue natiche.

L’uomo ha raccontato che otto persone vestite di nero e mascherate hanno compiuto l’attacco. La polizia ha avviato un’indagine nel quartiere Malasana, luogo dell’attentato, sorprendentemente noto per essere un quartiere tollerante e multiculturale. Ci sono poliziotti che guardano le immagini delle telecamere di sicurezza dei negozi. Inoltre, si stanno rintracciando i numeri di cellulare delle persone che si trovavano nei pressi del luogo dell’attentato.

Le manifestazioni stanno arrivando

Stasera sono previste manifestazioni nelle città di tutta la Spagna e questo fine settimana è stata annunciata una protesta a livello nazionale a Madrid. Secondo i gruppi di interesse, la violenza contro le persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender è aumentata negli ultimi anni, anche se non tutte le vittime hanno osato denunciarlo.

“L’odio verso gay, lesbiche e transgender è in aumento. I gruppi di estrema destra stanno alimentando l’avversione per gli omosessuali. Preferirebbero non vederci camminare in città durante le parate del gay pride, o prestare attenzione all’omosessualità durante le lezioni a scuola”. Un dato di fatto”, afferma Ignacio Paradero dell’organizzazione gay FELGTB.

I politici hanno condannato l’aggressione dell’uomo. Il primo ministro Sanchez vuole tenere una riunione d’emergenza del comitato che monitora i “crimini d’odio” nel Paese venerdì. I ministri del suo governo di sinistra hanno protestato contro le dichiarazioni del partito populista di destra Fox, che ha identificato gli immigrati come i principali responsabili delle violenze contro gli omosessuali.

READ  Famiglia: proiettile belga all'aeroporto di Kabul | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24