Disturbi tra gli utilizzatori di dispositivi per l’apnea: ‘Non posso vivere senza di loro’

Mary Charse, 63 anni, di Recruitment a Gelderland, ha dormito con l’apnea per circa dodici anni. Non può vivere senza di essa. Quando la scorsa settimana è emersa la notizia che Philips mette in guardia contro l’uso del dispositivo perché le particelle di schiuma e i gas nocivi possono essere inalati, ho provato a dormire una notte senza la maschera aggiuntiva. Ora lei risponde: “Non succederà più”. “Ero al verde quando mi sono svegliato. E un mal di testa. Non sei te stesso. Come eri una volta.”

Lo ammette l’Associazione Apnea, inondata di domande dalla scorsa settimana. “Molti membri ci hanno detto che ci provano davvero, due o tre notti senza un dispositivo, ma decidono comunque di usarlo di nuovo. Nonostante i rischi”, afferma il membro del consiglio Marijek I Jeff. Radio NOS 1 notizie.

primo dottore

I Paesi Bassi hanno circa 50.000 utenti di questi dispositivi. Philips ha consigliato in anticipo ai pazienti di interrompere l’uso delle macchine e di consultare un medico. Ora che sono note maggiori informazioni, l’Associazione olandese dei medici del polmone e della tubercolosi (NVALT) raccomanda di non smettere di usarlo prima di aver consultato il medico. Phillips è d’accordo.

I pazienti possono visitare il sito Web di un ospedale o di un centro di cura per chiedere consiglio a un medico e scrivere a NVALT, Philips e Apnea Society in una lettera congiunta. “Ci sono persone che hanno una media di cinquanta pause nel loro respiro all’ora”, dice IJff. “Se non usi un dispositivo del genere, ti svegli al mattino precipitosamente.”

Inoltre, l’apnea aumenta il rischio a lungo termine di malattie cardiovascolari. Raro: “Quindi sì, qual è peggio? Quando viene utilizzato, ci sono poche possibilità di inalare sostanze nocive o miseria se non viene utilizzato? Lo so”.

READ  I prezzi dell'energia stanno aumentando a causa di anni di assenza di politica

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24