Diventa sempre più difficile coltivare le olive salate “La Dritta”

L’agricoltura italiana risente sempre più del cambiamento climatico. Inverno che ritorna inaspettato, temperature altissime e forti grandinate in orari anomali. Le conseguenze sono disastrose, sia in termini economici – secondo le stime, danni pari a 14 miliardi di euro negli ultimi 10 anni – sia sulla biodiversità. I prodotti agricoli italiani rischiano di perdersi o di perdere il loro suolo originario.

“Questa è La Drita.” Giuseppe Scorano, 32 anni, indica l’oliveto vicino al frantoio della sua famiglia a Pianella, un piccolo villaggio dell’Abruzzo nel centro Italia a circa 200 chilometri a est di Roma. Solo qui su queste colline cresce una varietà di olive. È una specie protetta e una delle più antiche Denominazione di Origine Protetta (DOP) o Denominazione di Origine Protetta per l’olio d’oliva in Italia. Scorrano è orgoglioso della sua azienda, del suo paese e delle sue tradizioni familiari.

Il bisnonno di Scorano, che si chiamava anche Giuseppe, acquistò l’impianto a pressione e i terreni annessi dal suo capo durante la prima guerra mondiale. Il proprietario terriero scommise che l’unico figlio di Scorano sarebbe morto al fronte per poter ricomprare il terreno per poco. Il proprietario ha sbagliato a indovinare, e ora, a distanza di più di un secolo, la famiglia Scorrano possiede circa 10 ettari di uliveto con circa 1.200 piante.

Inoltre, la famiglia possiede altri 20 ettari di cereali e pomodori, che è una superficie agricola media per gli standard italiani. Scorrano produce tra i 50.000 e i 60.000 chilogrammi di olive all’anno. Adatto per circa 4000 litri di olio d’oliva.


Il cambiamento climatico è già costato agli agricoltori italiani 14 miliardi di euro in dieci anni

Lorenzo Bazzana, economista della Coldiretti

retto

La famiglia Scorrano coltiva principalmente La Dritta (il dritto), una varietà di olivo presente solo in questa parte d’Italia. “È un’oliva locale che cresce qui da tempo immemorabile”. Pianella si trova di fronte ad una collina, che insieme ad altre colline forma una sorta di conca in cui si precipita l’aria salmastra dell’Adriatico. Per questo l’olio La Dritta ha un sapore leggermente salato oltre ad un retrogusto deciso e un po’ amarognolo.

Il testo continua sotto la cornice.

Serie sui cambiamenti climatici

Il nostro clima sta cambiando a causa del riscaldamento globale. Gli agricoltori e gli orticoltori ne subiscono le conseguenze come nessun altro. Siccità, caldo e precipitazioni estreme sono fenomeni di cui bisogna tenere conto. Ecco perché questo argomento è stato scelto per la serie Summer 2021. Cosa significa il cambiamento climatico per le aree rurali di tutto il mondo? La produzione alimentare sta cambiando? Coltiviamo altre colture? Dove sono i problemi maggiori? Ci sono opportunità? In questa serie di articoli su come il mondo sta rispondendo al cambiamento climatico.

READ  autorità fiscali olandesi. Per questo è utile per le aziende italiane

Il frutteto si sviluppa su più colline. Il lato nord della collina prende meno sole e le olive maturano più tardi e hanno un sapore diverso da quelle del lato sud. Oltre al fatto che questa differenza fa bene al gusto, fa bene anche alla produzione. “La raccolta delle olive è stata già effettuata sul lato sud all’inizio di ottobre, sul lato nord due settimane dopo”, spiega Scorano.

giovane albero di 25 anni

La Dritta è un’oliva rustica che storicamente ha fornito un raccolto abbastanza consistente. Gli ulivi tendono a non produrre alcun frutto dopo tre o quattro anni buoni, ma La Dritta non ha tale intervallo durante l’anno. “Questi alberi qui sono ancora giovani, circa 25 anni”, Scorano indica gli alberi vicino all’impianto di pressione. Produce la maggior parte dei tipi di olive, circa 40 chilogrammi all’anno. La resa dei vecchi alberi sta lentamente diminuendo.

Le olive La Dritta stanno attraversando un momento più difficile. © Angelo Van Shayk

Scorrano attribuisce il lento declino della produzione al cambiamento climatico. In Abruzzo sta diventando più caldo e più secco e allo stesso tempo le piogge sono sempre più concentrate e più intense. “Fino a dieci anni fa, la produzione era piatta, dopodiché abbiamo notato un forte calo della produzione ogni due o tre anni, fino al 40, 50 percento”. Il 2014 e il 2016 sono stati anni particolarmente drammatici.

cabine di produzione di olio

L’Italia è il secondo produttore di olive e olio d’oliva al mondo dopo la Spagna e prima della Grecia. Nel 2020 la produzione di petrolio si è fermata a circa 290mila tonnellate, ovvero oltre 70mila tonnellate in meno rispetto all’anno precedente. Nel 2010 in Italia si producevano ancora più di mezzo milione di tonnellate di olio d’oliva.

Parte di questo calo produttivo è dovuto in parte al batterio Xylella fastidiosa, che da anni circola in Puglia. Il tacco della scarpa italiana è la regione più importante del paese per la produzione di olive. Un’altra parte importante è dovuta alle mutevoli condizioni meteorologiche. Il tempo in Italia sta diventando sempre più volatile e imprevedibile.

READ  KSV Waregem ha giocato l'ultima partita al Templov 20 anni fa: "Sapevamo che era finita"

Danni causati dal gelo tardivo

“Il cambiamento climatico ha reso il clima ancora più estremo”, ha affermato Lorenzo Bazzana, economista dell’organizzazione degli agricoltori Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti (Coldiretti). Abbiamo sempre avuto una gelata tardiva, per esempio. Se le piante sono ancora dormienti, non c’è bisogno di preoccuparsi. Ma a causa delle alte temperature, le piante germinano prima, quindi le stesse gelate tardive ora possono causare molti più danni rispetto a dieci o venti anni fa.

Giuseppe Scorano nell'oliveto.
Giuseppe Scorano nell’oliveto. © Angelo Van Shayk

Anche le tempeste fredde e le forti piogge sono più pesanti di vent’anni fa e gli intervalli tra le piogge si stanno allungando e si asciugano. La pioggia che di solito cade in tre mesi ora cade in poche ore. In questo modo l’acqua diventa un problema”, conclude Bazana. L’acqua piovana provoca inondazioni e frane e scorre più velocemente in mare. “Per questo non possiamo nemmeno usare l’acqua per l’irrigazione”.

14 miliardi di euro

Secondo l’Associazione degli agricoltori, il cambiamento climatico è già costato agli agricoltori italiani 14 miliardi di euro negli ultimi dieci anni. “Questa è una stima approssimativa”, ammette Bazana. Ma lo notiamo anche nei termini più rigorosi che le compagnie di assicurazione mettono in atto. Sta diventando sempre più difficile per gli agricoltori assicurarsi, ad esempio, contro le gelate tardive.

Anche la biodiversità sta diminuendo drasticamente a causa dei cambiamenti climatici. Molte specie vegetali e animali sono già scomparse e molte altre stanno lottando per sopravvivere. “La Drita rischia di scomparire”, afferma l’olivicoltore Scorrano. È un tipo di oliva che è protetto dalla DOP, questo è l’unico luogo in cui cresce questa oliva. Ma coltivare La Drita sta diventando sempre più difficile.

Difficile da adattare

Gli alberi più vecchi, in particolare, stanno avendo difficoltà ad adattarsi alle mutevoli condizioni, quindi Scorrano sta coltivando sempre più anche altre specie. “Vedi quegli alberelli laggiù?” Si riferisce a piccoli alberi che convergono nel punto più basso della valle.

Il prodotto finale proviene dal frantoio, dove vengono frante anche le olive dei contadini circostanti.
Il prodotto finale proviene dal frantoio, dove vengono frante anche le olive dei contadini circostanti. © Angelo Van Shayk

Le giovani piante sono alte circa 40 cm, lunghe 4 metri e larghe 2 metri. Tradizionalmente, c’è una distanza di circa 6-8 metri tra gli ulivi, soprattutto per favorire l’impollinazione da parte del vento. Questo è un tipo di oliva diverso e moderno. FS17, derivato dal Frantoio, una tradizionale varietà di olive italiane. Fa un buon olio, ma non è La Dritta. Solo noi ce l’abbiamo qui.

READ  In Honduras in bancarotta, i ricchi investitori possono costruire il proprio modello di città

Scorrano coltiva il moderno olio d’oliva FS17 per proteggere la sua attività dall’eccessiva volatilità finanziaria e per proteggere le sue proprietà dagli effetti del cambiamento climatico. Di conseguenza, le cinquecento varietà di olive in Italia sono sotto pressione. Questo vale anche per alcuni tipi di cereali, verdure e frutta. Un’altra conseguenza del cambiamento climatico è che le colture che prima non esistevano in Italia possono ora essere improvvisamente piantate dagli agricoltori.

Banana e avocado

“La linea dell’olivo si sta spostando verso nord”, afferma Bazana dell’organizzazione degli agricoltori Coldiretti. Ma ora ci sono agricoltori in Sicilia che coltivano banane e avocado. Quindi ci sono anche nuove possibilità, ma resta da vedere se anche la quantità di acqua e il terreno sono appropriati per quelle colture, così come le temperature.

Scorrano cammina tra gli ulivi secolari – “questo è un albero che ha più di duecento anni” – verso la pianta secolare che appartiene all’azienda. Oltre a coltivare le olive stesse, stanno premendo la produzione di gran parte degli agricoltori della zona.

“Vedi là una quercia?” Scorrano punta in tutta la valle. La casa del bracciante del mio bisnonno era lì. Abbiamo comprato quel pezzo di terra in primavera”, dice con orgoglio. Si trova sul terreno acquistato dall’uomo che porta il suo nome. “Lo dobbiamo a lui per continuare a far crescere La Drita, nonostante tutto”.

Dettagli della Compagnia

Giuseppe Scorano (32 anni) è la quinta generazione dell’azienda agricola iniziata più di cento anni fa dal bisnonno. Su una superficie di 30 ettari si trovano circa 1200 piante di olivo, adatte a circa 4000 litri di olio all’anno. Scorrano coltiva anche cereali e pomodori. Il suo fatturato annuo oscilla tra i 60.000 e i 70.000 euro. Scorrano si trova in Abruzzo, che comprende la vetta più alta dell’Appennino (2.914 metri) con il Gran Sasso, una costa di 133 chilometri e il Parco Nazionale più antico d’Italia, con tanto di specie di orso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24