Donarumma regala all’Inghilterra una nuova scossa di rigore, aiutando l’Italia al titolo europeo Campionato europeo di calcio

Luce webAnche dopo 55 anni, il calcio non è tornato a casa, a Wembley domenica sera. In una finale, l’Italia ha vinto il rigore, lasciando gli inglesi nel profondo dolore e sconcerto.




Scritto da Sjord Mosou

Il compito era enorme, il fardello del passato era troppo grande e la pressione della nazione era troppo grande. Un sospiro di incredulità è sceso su Wembley quando il Bjrn Gipers ha fischiato dopo l’ultimo calcio di rigore del giovane inglese Bukayo Saga tra le undici e le undici ora locale.

Solo a sud dello stadio c’era un trambusto frenetico, suscitato da sezioni di tifosi italiani in festa. Fortunatamente, Leonardo Bonucci, Giorgio Cielini e altri corrono tutti verso i loro fan, felici di vincere il loro primo titolo di Campionato Europeo dal 1968.


Dopo 55 anni deludenti, nonostante il gol iniziale di Luke Shaw, la patria Inghilterra non ha trovato una soluzione con il suo fervore nazionale. L’Italia ha vinto l’emozionante battaglia, spesso basata su un secondo tempo migliore, perdendo più controllo sulla tanto attesa finale.

© AFP

Tre giovani attaccanti inglesi hanno fallito una serie di rigori, tra cui Marcus Rashford e Jadan Sancho che sono stati portati in campo da Gareth Southgate poco prima del calcio di rigore. Venticinque anni dopo che l’allenatore Wembley ha sbagliato un rigore cruciale, Southgate ora deve affrontare uno shock di rigore molto diverso – e l’Inghilterra è tutta con lui.

Una delusione farà eco nei giorni a venire perché la domenica mattina è stata una sorta di trance in tutto il Regno Unito. La prima finale dal 1966 ha scatenato scalpore per le strade di Londra, spesso contagiosa, ma a volte malsana e minacciosa, sfociando in numerosi scontri con i tifosi ubriachi.

AFP

© AFP

Circolazione nervosa

Il finale non è sempre buono, ma è nervoso, intenso e avvincente. La tensione continua in tribuna, in un momento in cui l’Italia si rafforza, dopo l’1-1 di Bonucci. Ma con l’anziano Jordan Henderson in squadra (poi sostituito), l’Inghilterra ha gradualmente riguadagnato un po’ di presa.

Reazione Può essere trovato in fondo a questo articolo. Verranno pubblicati solo i commenti con il nome completo. Lo facciamo perché vogliamo un confronto con le persone che sostengono ciò che dicono e coloro che ci mettono il loro nome. Se vuoi ancora inserire il tuo nome, puoi farlo cliccando su ‘Accedi’ in alto a destra del nostro sito.

Questa è la nostra Undici Commissione Elettorale
(Se non vedi bene la mappa, clicca sui puntini in basso a destra per ingrandirla)

Il primo tempo in particolare è stato per la maggior parte per la squadra di casa. Non da ultimo grazie al gioco avvolgente dell’allenatore della nazionale Gareth Southgate, che ha formato una squadra sul 3-4-3, con Kieran Trippier e Luke Shaw in giro con i terzini esterni. In due minuti, quella strategia ha portato al successo.

Trippier ha preso palla sulla destra del campo, Kyle Walker ha evitato la difesa italiana con una corsa superba, permettendo alla metà destra inglese di crossare completamente libera. Dall’altra parte del campo Shaw ha segnato con un drop: 1-0.

AFP

© AFP

Inferno

Quello che seguì fu come l’inferno. Le tribune affollate di Wembley hanno tremato, ruggito ed esplose durante le principali finali internazionali. Le persone si innamoravano l’una dell’altra. Il rumore riecheggiava sotto il tetto dello stadio e il rumore non si abbassava come un’onda.

L’Italia è stata davvero triste per un po’. L’attaccante Ciro Immobile sembrava preso dal panico, mentre i peggiori centrocampisti, Jorkinho e Marco Verratti, non sono riusciti a dare ritmo e sorpresa alla partita.

AFP

© AFP

Nella ripresa la prima minaccia è stata per l’Inghilterra, poi Raheem Sterling è atterrato in area di rigore e ha permesso ai Kuipers di giocare come si deve. Ma poi l’Italia attaccò sempre più fermamente, chiamando Lorenzo Inzain e Sisa the Hellman.

Il portiere Jordan Pickford ha effettuato due dure parate, prima con il tiro di Insignia e poi con la copertura di Sisa. L’Inghilterra ha difeso freneticamente, il pubblico ha sostenuto ancora una volta ma dopo 67 minuti era ancora in pareggio.

Da un calcio d’angolo, Pickford sembra all’inizio parare su un colpo di testa di Verratti, ma dal palo la palla finisce sui piedi di Leonardo Bonucci, che da distanza ravvicinata la mette a segno: 1-1.

AFP

© AFP

Diffidenza

Un sospiro di incredulità scese su Wembley. All’inizio c’erano stati d’animo, principalmente paura e frustrazione. Wembley ha tirato un sospiro quando Dominico Ferrari si è presentato da solo davanti a Bigford, ma la tensione non è mai scemata dal match.

Le opportunità erano rare durante gli straordinari. Poco prima che Federico Bernardicci entrasse, Pickford ha salvato con una mano. L’Inghilterra aveva le migliori possibilità di vincere il secondo tempo supplementare, segnando un gol, ma la decisione è arrivata a favore dell’Italia solo dopo i rigori.

Supporti AFP/DPG

© AFP / DPG Media

AFP

© AFP

Piscina tramite REUTERS

© Piscina via REUTERS


READ  Un turista olandese è stato accoltellato in faccia durante un viaggio in tram a Firenze

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24