Dopo il disastro in Afghanistan, la NATO è diventata un momento di dubbio

Alcune riletture dure, come una di lunga dichiarazione congiunta La riunione dei ministri degli Esteri della Nato del 14 aprile, dedicata all’Afghanistan, Paese in cui l’organizzazione transatlantica è presente sin dagli attentati contro gli Stati Uniti nel 2001. Questa volta si trattava di confermare il ritiro delle forze internazionali dopo L’accordo di Doha firmato da Stati Uniti e talebani nel febbraio 2020.

In una lunga dichiarazione in sette punti, i ministri hanno fatto riferimento al governo afghano che adottano misure per mantenere la stabilità e la sicurezza e promuovere la pace.. Dipendono da questo ‘Un passo cruciale verso la riconciliazione afghana’ occupazione “Tutela dei diritti fondamentali di tutti i cittadini afghani”. Il testo si conclude con una dichiarazione: “Nessuno dovrebbe dubitare della posizione della Nato: continuerà”, ha detto. (…) Per aiutare l’Afghanistan a garantire pienamente la sua sicurezza”.

Pertanto, dopo vent’anni di presenza continuativa nel Paese, non è stato possibile misurare l’esatto stato delle forze coinvolte, misurare il fallimento del brevetto costruzione della nazione, Ricostruire uno stato fallito. Nemmeno una stima della debolezza di un apparato militare e di sicurezza addestrato, in miliardi di dollari, dal 2015, nell’ambito della missione di Resolute Support of the Atlantic Alliance.

A giugno, una settimana prima di un vertice dei capi di Stato e di governo a Bruxelles per confermare la decisione di ritirare le truppe, Jens Stoltenberg, il segretario generale dell’organizzazione, era a Washington per incontrare il presidente Joe Biden. In questa occasione, chiaramente non aveva obiezioni al ritiro pianificato, che non fu mai discusso tra gli Alleati.

Mancanza generale di preparazione

In una riunione dei ministri della difesa a febbraio, la delegazione statunitense ha effettivamente affermato che non è così “non finito” Quanto a questo dibattito, che alla fine non si sarebbe svolto, lasciando gli europei alle loro domande, mentre in Afghanistan c’erano 1.100 tedeschi, 800 britannici e 750 italiani. Logo della NATO “Insieme all’estero” – Tutti insieme all’inizio, insieme alla fine: sembravano vivi.

READ  Short sportivo: Nimer Abdel Aziz sostituisce il Modena Club Trentino | sport

Poche voci si sono levate all’interno dell’alleanza per sottolineare i pericoli legati alla fine della missione afghana. In ogni caso, la richiesta di un’autentica consultazione e coordinamento con gli alleati, nel caso in cui l’evacuazione si rivelasse più complicata del previsto. Né queste domande sono state prese in considerazione, né lo stato d’animo dei 300.000 soldati afgani che dovevano proteggere e aiutare a stabilizzare la fragile situazione emersa due decenni dopo. “Nessuno qui vuole vedere questo esercito come inefficace, corrotto e inesistente”., Strumento per le risorse interne della NATO.

Hai il 66,07% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24