Dopo l’omicidio di Coles: la fine di una generazione

Trent’anni fa, la mattina del 18 luglio 1991, fu sparato ad Andre Coles. Era il leader del Partito Socialista di Liegi. L’inchiesta sull’omicidio ha rivelato casi di corruzione che hanno scosso alle fondamenta il mondo politico belga.

“Amico, non siamo il tipo che muore nel suo letto.” Questo è ciò che Andre Coles ha detto al suo caro amico Paul Vanden Poignantes, dopo essere stato rapito due anni fa. Quanto a lui, aveva ragione.

La mattina di giovedì 18 luglio 1991, intorno alle 7:25, Coles, 63 anni, lasciò il condominio La Colline lungo l’Avenue de l’Observatoire a Liegi, accompagnato dalla sua giovane fidanzata Marie-Helen Guerrett. Stava andando verso la sua macchina parcheggiata quando uno dei due uomini smascherati usciti dai cespugli ha aperto il fuoco. Il suo primo colpo ha colpito Cools appena sopra la laringe e ha reciso un’arteria principale. Cools è stato chiuso con un secondo gol al collo. Il frettoloso Gewert è stato gravemente ferito da un terzo proiettile.

Gli inquirenti hanno subito preso in considerazione un omicidio politico. L’attacco ha evocato i ricordi dell’esecuzione del comunista Julian Lahout, che si dice abbia gridato “Vive la république” nel 1950 quando Boudewijn ha prestato giuramento come principe reale. Questo percorso politico condusse presto il magistrato Veronique Ancia ai casi di corruzione che sconvolsero il mondo politico belga. Perché senza l’uccisione di Coles, lo scandalo di corruzione che circonda l’acquisto di elicotteri da combattimento Agusta da parte dell’esercito belga e la ristrutturazione del vecchio Mirage da parte del produttore di aerei francese Dassault non sarebbero emersi.


L’indagine su omicidio e corruzione ha causato il caos politico.

L’indagine su omicidio e corruzione ha causato il caos politico. Il 23 dicembre 1998, la Corte di Cassazione ha emesso dure sentenze contro l’ex Segretario della NATO e Ministro degli Affari economici Willy Claes, l’ex Ministro della Difesa Guy Quim e l’ex capo del Partito Socialista Guy Spittels. Insieme a loro sono stati incriminati un certo numero di dipendenti del governo e del partito e un avvocato d’affari e costruttore di aerei francese, Serge Dassault.

Ma il caso di corruzione non aveva niente a che fare con l’omicidio di Coles. È stato progettato da Liegi il Macellaio attorno a Richard Taxquet, un ex gendarme che ha servito come segretario di gabinetto Alain van der Best. In qualità di ministro vallone per il governo locale e gli affari assistiti, Coles ha portato Taxquet nel suo gabinetto, che ha consegnato a Van der Best nel 1990.

Van der Best era un letterato perso nell’ambiente politico. Spesso cercava conforto sotto il tappo. Anche prima che iniziassero i crimini, si suicidò. Taxket ei suoi associati italiani, che organizzavano le loro attività all’interno e intorno al gabinetto di Van der Pest, reclutarono due sicari tunisini in Sicilia e fornirono loro armi. Gli è stato chiesto di liquidare un signore della droga. I due sono stati successivamente condannati a 25 anni di carcere nel loro paese d’origine.

Follia a Liegi

La causa esatta dell’omicidio non è stata determinata. Taxkett, insieme ad altri detenuti, è stato rilasciato presto dopo una sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. Taxket, che si dichiarava innocente, era stato condannato dai colpevoli sulla base di testimonianze non identificate, quindi. “Non sappiamo perché Coles sia stato ucciso, ma state certi che lui stesso conosce il momento in cui si è trovato faccia a faccia con il suo assassino”, ha detto in seguito un veterano del PS. Tutta Liegi sapeva che Coles, che spesso si aggirava armato, amava circondarsi di archi discutibili come quelli intorno a Taxquette. Ha minacciato la persona sbagliata tra questi? Forse, perché l’intimidazione faceva parte del suo repertorio abituale.

READ  La media company Berlusconi risolve anni di controversie con i francesi

Andre Coles non piaceva ed era temuto. L’odio era una virtù per PS’er.

Coles, per il quale la forza non significa nulla se non osi abusarne, ha introdotto Folly a Liegi, dal nome del socialista italiano Bettino Craxi. Questo consisteva nella manipolazione di contratti governativi e nella vendita di società private. Poiché si ricordava solo di aver aggiunto i numeri, Fernand Detail, auditor e tesoriere di PS, lo aiutò ad aiutare Coles. Con lui sviluppò un enorme potere attraverso le società municipali controllate da PS intorno a ospedali pubblici, aziende idriche, elettriche e altre società di servizi. Quando aveva particolarmente bisogno di soldi, rivendicava – e otteneva – la presidenza della compagnia assicurativa di Omob, oggi Ethias. Gli imprenditori Wallon e Bruxelles hanno partecipato regolarmente all’udienza del sabato presso la sede principale di Flémalle per discutere di affari.

Coles non era amato, aveva paura. L’odio era una virtù per PS’er. Odiava senza pari Leo Tindemans, non a causa del fallimento dello statuto di Egmont, ma perché un membro del CVP aveva vietato la caccia agli uccelli nel 1972 come ministro dell’agricoltura.

Cools è stato infine distribuito solo a Chivas Regal. Ogni incongruenza è stata eliminata. Negli ultimi anni prima della sua morte, lasciò una tale scia di distruzione nel suo partito da interrompere la sua carriera. Anche Willie Claes, che guidava l’unità BSP-PSB con Cools, ha ammesso durante gli interrogatori del cancelliere Francis Fisher della Corte di Cassazione: “Ad essere onesti, non ho tenuto Cools particolarmente nel mio cuore”. L’unitariano Jack Yerna ha sospirato dopo il tentativo di assassinio: “Spero che il vuoto lasciato dalla morte di Coles non venga riempito”.

READ  Come tratta l'Italia del generoso sostegno europeo a Corona?

vuoto di potere

Non ha posto nel complesso dei grandi leader socialisti valloni. Questo nipote di un operaio di Kempen, il cui padre era morto nel campo tedesco di Mauthausen, sembrava inizialmente destinato al ruolo del Terzo Piano di segretario ricevente nel Comitato di assistenza pubblica di Flemal. Durante il grande sciopero invernale del 1960-1961, Coles fu una delle guardie del corpo del leader dello sciopero André Renard, che lo seguì brevemente nel Movimento Popolare Vallone. Fu il suo grande compagno, Joseph-Jean Merleau – JJ per quelli a lui più vicini – che lo condusse bruscamente a Bruxelles come ministro del bilancio nel penultimo governo di Gaston Eskins.

La carriera di Coles viene sconvolta dalla morte di Merlow, ucciso in un incidente stradale nel 1969, e due anni dopo, del collega contemporaneo Freddy Terwan, nonché collega truffatore che era anche ministro in quel governo. Cools si è subito tuffato nel vuoto energetico di Liegi e Vallone da cui sono partiti.

Dopo la caduta dell’ultimo governo Eskens, in cui era vice primo ministro, Coles ha assunto la co-presidenza del partito, insieme a Jos van Ende di Anversa. Diventerà anche presidente del consiglio di amministrazione, dopo che PS e SP si separarono nel 1978. Nel 1981 lo scettro del PS passò agli Spitael, la cui carriera politica terminò davanti alla Corte di Cassazione.

Dopo che lo scandalo Agusta ha colpito i socialisti fiamminghi, che hanno ricevuto decine di milioni di franchi sia dall’elicotterista italiano che da Dassault, l’amministratore delegato Louis Topback ha giustamente parlato di “fine di una generazione”. Meri Hermanus, uno dei membri del Partito socialista condannato dal veto, è andato oltre e ha definito i socialdemocratici belgi “un albero appassito che vuole conservare le sue foglie morte”. Quella mattina a Liegi, Coles non fu l’unica vittima.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24