Dopotutto, l’aereo britannico che trasporta i richiedenti asilo non si dirigerà per il momento in Ruanda

Il volo britannico, che doveva partire per il Ruanda martedì alle 22:30 per portare lì i richiedenti asilo, non partirà per il momento. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha impedito l’espulsione di sette persone.

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha bloccato l’espulsione di rifugiati dalla Gran Bretagna in Ruanda a seguito di una misura di emergenza richiesta da un immigrato iracheno. Il giudice ha stabilito che la sicurezza della popolazione del Paese africano non poteva essere garantita. L’organizzazione benefica Care4Calais ha detto martedì sera tardi.

C’erano sette londinesi indesiderabili programmati per essere trasferiti in Africa. La sentenza della Corte Europea ha comportato la cancellazione dell’intero volo.

Care4Calais è stato il primo a riferire che la Corte europea dei diritti dell’uomo aveva solo posto fine alla partenza del migrante iracheno. “Ciò significa che ora è possibile anche per gli altri sei rivendicare qualcosa del genere. Siamo molto a nostro agio”. La Corte europea dei diritti dell’uomo ha confermato questa sentenza. Un iracheno può restare per altre tre settimane. Dopo alcune ore, è diventato chiaro che nemmeno le altre sei persone sarebbero state inviate in Ruanda. Un funzionario del governo ha detto che la partenza è stata posticipata.

Il premier Johnson deluso, definisce il piano “razionale”

Ad aprile, il Regno Unito ha firmato un accordo con il Ruanda per l’accoglienza a pagamento di immigrati illegali e richiedenti asilo nel Paese africano. Il piano ha scatenato una tempesta di proteste. Gli attivisti per i diritti umani hanno cercato di impedirne l’attuazione attraverso i tribunali britannici, ma senza successo.

Con questo provvedimento, il governo di Londra vuole impedire agli immigrati dalla Francia di fare la pericolosa traversata verso l’Inghilterra. Questo accade spesso su barche traballanti con l’aiuto di trafficanti di persone.

READ  Foto della celebrazione di Boris Johnson durante il lockdown: 'Pubblicate a beneficio del pubblico britannico' | all'estero

Il primo ministro Boris Johnson ha espresso disappunto per quelli che ha definito “tentativi legali di minare percorsi sicuri per i richiedenti asilo” e ha definito il piano britannico “ragionevole”. Ha accennato al fatto che il Regno Unito stava cercando modi per attuare il piano. “Sarà necessario modificare alcune leggi in futuro? Potrebbe essere il caso e tutte queste opzioni sono sotto costante revisione”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24