Dove mangerai esattamente in Italia nel 2022?

Ora che tutti i ristoranti hanno spento i cartelli di uscita o stanno semplicemente segnalando che questo servizio è momentaneamente non disponibile (sono giorni del giudizio?), è tempo di concentrarsi sulle nuove stelle nel cielo gastronomico.

Gli chef hanno approfittato in particolare della chiusura forzata per ispezionare e aggiornare non solo l’edificio, ma anche il menu e le pietanze. Non pensare che le persone passino il tempo con le mani legate.

Cucine creative per l’Italia 2022

Osteria Ultron, Ruda (UT)

I primi aggettivi che vengono in mente quando si descrive un ristorante chiamato Ultron nascosto tra i vigneti della pianura friulana sono eleganti e sobri. Scopri i piatti entusiasmanti, la creatività, l’alta tecnologia e il piacere degli ingredienti. Con ottimi vini e personale molto talentuoso e cordiale, non si può davvero dire perché sono quasi tutti membri della famiglia. In cucina

Asteria Ultron, Via Cardona, 19, 33050 Ruda UD, Italia

La Madernosa, Gru (CN)

Ristorante La Madernassa

Nel centro del Piemonte, vediamo la località di La Madernosa, che rende omaggio contemporaneamente all’Italia e alla Francia, unendo il meglio di entrambi i paesi nella sua cucina. Lo chef Michelangelo Mammoliti ha esperienza in entrambi i paesi e saluta i suoi follower e amici sui social media come “Il mio buongiorno si vede dal giardino”, che non è uno scherzo. Nel suo orto in zona La Madernassa, lo chef coltiva la maggior parte delle verdure e delle erbe aromatiche che usa nella sua cucina.

Ristorante Resort La Madernasse, OK. Lora, 2, 12050 Guarene CN, Italia

Petit Royal, Gormeyer (AO)

Ristorante Petit Royal

Pavlo Griffa, chef del ristorante Pettit Royal di Cormoire, ha raggiunto la sua prima stella Michelin nel 2019. Ha talento, conosce le proprie capacità, è tecnicamente molto bravo, ambizioso e competitivo. La sua cucina è in Italia, ma nel campo della gastronomia vuole trovare altre parti del mondo, deviando con attenzione dalla preparazione abituale e creando variazioni del miglior cibo italiano.

READ  In Italia, Corona Pass è il tuo "biglietto extra"

Grand Hotel Royal e Golf, Via Roma, 87, 11013 Courmayeur AO, Italia – Sito web: https://www.hotelroyalegolf.com/it/hotel-con-ristorante-e-bar-courmayeur

David Palluda – (In Enoteca & Osteria sul Canale dell’Enoteca) (CN)

David Palluda

Il Ristorante “All’Enoteca” (e un po’ più semplice Osteria) dello chef David Palluda è un punto di riferimento della cucina tipica di Lanka e Roro. Personalità e stile moderno falso o inalterato. La luce gioca un ruolo importante. Sala da pranzo e delizioso terrazzino. La cucina racconta la storia di tante casalinghe anonime in campagna, senza nostalgie e senza farsi prendere dalla tradizione, forse dal poco senso di Teja Wu. La mappa segue le stagioni dei distretti di Lanka e Roro. Rispetto della qualità degli ingredienti con colori e sapori, dal semplice al legame esclusivo e inscindibile con frutta e vino: una sorta di omaggio al Paese benedetto dai migliori prodotti di qualità in tutto il anno. Michelle ha ricevuto la stella nel 2000 e vede questo come un riconoscimento del viaggio di Roro verso l’invenzione e lo sviluppo dello stile culinario.

David Palluda All’enodeca, Via Roma, 57, 12043 Canale CN Sito web: https://www.davidepalluda.it/

Gia, Roma

Ristorante Gia Roma

Antonio Giantoni chef de “La Città Ederna” e titolare del ristorante “Gia” è stato recentemente nominato “Young Chef of the Year” dalla Michelin. Giantoni ha lavorato in tutto il mondo: dalla Francia alla Cina, ma alla fine è tornato a Roma per aprire un suo ristorante. “Gia” vi regalerà l’esperienza di un’Italia nuova, vibrante, giovane e ambiziosa, libera da inutili cliché, nuove, fresche idee, voglia di entrare in una nuova era di nuova generazione. “Gia” offre un nuovo sguardo sulla tradizione culinaria italiana.

Ristorante Jia, Via Goffredo Mameli, 45, 00153 Roma RM – Sito web: https://ziarestaurant.com/

Ceriso 47, Tropani

Cucù di Ceriso47

Gaetano Basiricò è chef e titolare di Serisso 47. Non è certo più tra i giovani chef ma si considera ancora un ricercatore e un assaggiatore gastronomico e lo dice da quando è nato. Il suo ristorante si trova nel porto di Tropani in Sicilia.

READ  30 miglior affare tutte le offerte del prime day : Prime Day Sales
Ceriso 47, Cerisso 47, 91100 via Tropani DP

Tagoreini, San Piero in Pacno (FC)

Da Corinne

Gianluca Corini è sicuramente uno chef e il suo ristorante si trova nella regione italiana dell’Emilia-Romagna. Proviene da una famiglia di ristoranti e ha fornito ottimi maestri come modello per la propria vita. La sua prima stella Michelin gli è stata assegnata nel 2019. Riassume il suo stile culinario dicendo: “Parto dai ricordi del passato e li mischio con le innovazioni che ho sperimentato. Mi piace cucinare in modo molto reale, voglio esprimermi apertamente e onestamente. Gestire gli ingredienti e ingredienti”.

Ristorante Da Corini, Via Giuseppe Verdi, 5, 47021 San Piero In Bagno FC – Sito web: https://www.dagorini.it/

Somma, Catania

Ravioli al tonno genovese

Il siciliano David Guidara viene spesso definito il “Guaco del Futuro” – il “cuoco del futuro”. Ha solo 26 anni, ma ha già dimostrato che il futuro della cucina italiana è nelle sue mani. – Creativo, basso ma esplosivo. Il ristorante dove lavora si chiama Sum, che significa “io” in latino, che descrive come un prodotto, non una persona. Cerca di raggiungere il più alto livello di umami, acidità e gusto. “Ho bisogno di venire la pelle d’oca, la bocca che si spezza.” È la stessa esperienza che il cliente vuole ottenere. Non deve essere un esercizio stilistico per mostrare quanto è bravo, ma è un’esperienza divertente per la cena. Foto: ristorantiweb.com

Hotel NH Catania Barco Tecli Aragonese, Wiley President Kennedy, 28 km 48.53, 95121 Catania CD

Bella casa, trucco

Vicino al confine francese, un anno fa Antonio Fueno e Valentina Florio hanno aperto il Gaza Fueno a Truco. Entrambi gli chef non hanno scelto cene raffinate, ma hanno scelto piatti basati sui bellissimi prodotti del mercato locale. “Non vedo l’ora di toccare il cavolo cappuccio e il cavolfiore di febbraio, per non parlare delle barbabietole e delle rape”, spiega Antonio. Un piatto d’autore è l’eleganza della pasta dal sapore provenzale che è un delizioso connubio tra il pesto di liquore e le bowlballis.

READ  Certaldo Aldo: Pok திருவிழா mon, la festa del vino che sa di buono
Ristorante Good House, Corso Cuneo, 28, 18039 IM Trucco – Sito web: https://ristorantecasabuono.com

Hostaria Ducale, Genova

Asteria Ducale a Genova

Hostaria Ducale è un progetto ambizioso guidato da David Cannavino. L’orto e il mare vanno a braccetto con il chipin, la zuppa di pesce locale, cotta a parte, con i pomodori estratti e conditi con il cardamomo – il pomodoro non lo vedi, ma lo assaggi. Cannavino esplora e integra la migliore cucina italiana e non solo. Il suo risotto, che rende omaggio a Nino Perges, lo chef genovese più amato del Novecento, è cremoso con panna acida e salsa bruna, e famoso (e laborioso) il lepre a la royal – hare a la royal, un classico francese ).

Hostaria Ducale, Salita di S. Matteo, 29/R, 16123 Genova GE – Sito web: https://www.hostariaducale.it/

Ristorante Vecchio, Asta

Filippo O’Connor ha ricevuto la stella Michelin al Vecchio Resto. Il suo menu include citazioni dei migliori colleghi che lo hanno preceduto, primo chef in Italia a ricevere tre stelle Michelin, tra cui gli chef francesi Georges Escopier e Fernand Point, nonché le prime leggende italiane, Paulo Wii e Qualidro Marquez. I piatti dell’Ohio si concentrano sulla carne, soprattutto quando si tratta di sport con le ali. Convince anche il mangiatore più scettico che cervi e daini possono intrattenere germani reali e mucche. I tre set presentano la sua magnifica anatra, petto con foie gras, ravioli con ripieno di anatra e Bernot con insalata di anatra.

Vecchio ristorante, Via Tourneuve, 4, 11100 Aosta AO – Sito web:https://ristorantevecchioristoro.it/

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24