Draghi resterà o se ne andrà? L’Europa guarda con ansia

Il primo ministro Mario Draghi ha annunciato la sua partenza la scorsa settimana dopo aver compromesso con l’alleanza del Movimento Cinque Stelle. Poiché il presidente Mattarella non accetta le sue dimissioni, gli italiani sono in grande incertezza. Oggi e domani Draghi parlerà davanti a Senato e Parlamento, e sarà chiaro se e in quali circostanze rimarrà in carica.

In ogni caso, è una crisi politica che non sembra poco italiana. “Ma questo arriverà nel momento peggiore possibile”, afferma il giornalista Anouk Boon.

Anche l’Italia è in una grave crisi economica. C’è molta disoccupazione, alta inflazione e enorme debito pubblico. “È il risultato di decenni di cattiva gestione”, afferma Boone. Poi la crisi della corona si è aggiunta a questo, facendo un grande taglio qui.

Da quando è entrato in carica nel 2021, il primo ministro Draghi sembra riportare la calma nell’economia. Dopo aver salvato l’euro dal collasso come capo della Banca centrale europea nel 2012, ora dovrebbe fare lo stesso per l’Italia.

Il budget non è tondo

Ma un buon budget per il prossimo anno è essenziale per questo. Deve essere presentato al Parlamento in ottobre, dopodiché possono iniziare i negoziati. Il Parlamento deve approvare entro la fine dell’anno.

Una crisi politica lo minaccia. Se Draghi continua in un’alleanza rivale, sarà difficile raggiungere un accordo. Se ci sono nuove elezioni, sarà ancora più difficile. “Il prossimo passo è parlare di quando dovresti davvero lavorare con quel budget”, dice Boone. “Allora vedi se riesci a finirlo in tempo dopo.”

Miliardi di Corona a rischio

Intanto in ballo ci sono anche tanti miliardi di corona per l’Italia. Per assorbire il colpo della crisi del Corona, l’Italia può contare su una grande quantità di denaro dal Corona Recovery Fund dell’Unione Europea. Agli italiani andranno circa 200 miliardi di euro dei 750 in boccia.

READ  Mattia Binotto soddisfatto di F1-75: 'Ora migliora sostanzialmente il pacchetto'

Ma ci sono condizioni rigorose ad esso collegate. Ad esempio, il sistema giudiziario italiano dovrebbe essere riformato e gli italiani dovrebbero investire di più nell’energia verde. Il presidente del Consiglio Draghi ha subito iniziato a lavorare su questo. Ha costruito intorno a lui una squadra di ministri in grado di raggiungere esattamente quegli obiettivi.

Un rombo nella coalizione o nuove elezioni potrebbero mettere a rischio quei miliardi. Il Movimento Cinque Stelle ha già ostacolato importanti piani di riforma. Alle nuove elezioni potrebbe vincere un partito populista di destra.

“Bruxelles può chiudere il rubinetto del denaro”

“Stanno andando davvero bene ora nei sondaggi”, dice Boone. “Il Movimento 5 Stelle potrebbe no, ma i partiti come Fratelli d’Italia e Forza Italia sì. Questo è il partito di Silvio Berlusconi”.

Sebbene Draghi si sia concentrato su una maggiore cooperazione europea, queste parti si stanno tradizionalmente allontanando maggiormente dall’UE. È anche noto che non hanno preso molto da vicino le normative europee. “Se l’Italia non rispetta le condizioni per i fondi dell’UE, Bruxelles può chiudere il rubinetto del denaro”, afferma Boone.

In questo caso, l’Italia perderà i miliardi necessari. Se il budget non viene raggiunto, lo stato può fallire. L’Italia potrebbe crollare come un castello di carte.

Scenario Grecia

A Bruxelles, gli sviluppi sono seguiti con preoccupazione. Le giornate in Italia sono molto interessanti anche per il resto d’Europa. “L’Italia rischia una crisi in tutta Europa”, spiega Bonn. “Bisogna rendersi conto che l’Italia è la terza economia più grande dell’Unione Europea”.

Poiché l’Italia utilizza l’euro come mezzo di pagamento, può portare con sé la valuta in caso di caduta. “Se l’economia italiana scende, c’è una specie di scenario in Grecia a rischio. Potrebbe nascere una nuova crisi dell’euro”.

READ  È innamorata e fa l'errore che fanno le donne in amore. Lei sta ascoltando.

Questo è lo scenario peggiore e non si è ancora concretizzato. “È difficile prevedere cosa accadrà”, dice Boone. “Non è nemmeno sicuro che Draghi se ne andrà. C’è stato molto appello nei suoi confronti in questi giorni. Molte persone vogliono che rimanga, da sinistra a destra. La domanda è se resisterà a quell’impulso”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24