È difficile da trovare su Google, quindi incontra il Brussels Musical Group Echt! – Musica

Un disastro su Google (davvero), una sensazione nel circuito live (davvero). incontrare… davvero!

Lunedì pomeriggio, elegante terrazza sul tetto dell’hotel vicino a Louise Street. Aspettatevi il tè di tre dei quattro membri degli Echt!: il bassista italiano Federico Pecoraro, il tastierista francese Dorian Dumont e il batterista Martin Mirou, che, come il chitarrista assente Florent Junio, proviene dalla regione di Mons. Quindi è un gruppo culturalmente diversificato. “Bruxelles non può”, è il consenso del gruppo. Si ritrovarono al conservatorio e durante le tante jam session domenicali al Bonnefooi, un music café vicino ad Ancienne Belgique. “Martin ha vissuto a lungo in uno studio sopra la caffetteria”, racconta Dorian Dumont. Questo posto è diventato una specie di parco giochi per noi. Abbiamo provato al piano di sopra e al piano di sotto abbiamo provato i nostri numeri.

Lunedì pomeriggio, elegante terrazza sul tetto dell’hotel vicino a Louise Street. Aspettatevi il tè di tre dei quattro membri degli Echt!: il bassista italiano Federico Pecoraro, il tastierista francese Dorian Dumont e il batterista Martin Mirou, che, come il chitarrista assente Florent Junio, proviene dalla regione di Mons. Quindi è un gruppo culturalmente diversificato. “Bruxelles non può”, è il consenso del gruppo. Si ritrovarono al conservatorio e durante le tante jam session domenicali al Bonnefooi, un music café vicino ad Ancienne Belgique. “Martin ha vissuto a lungo in uno studio sopra la caffetteria”, racconta Dorian Dumont. Questo posto è diventato una specie di parco giochi per noi. Abbiamo provato al piano di sopra e al piano di sotto abbiamo provato i nostri numeri. Come fanno quattro persone non olandesi ad arrivare al nome di un gruppo fiammingo come Echt!? Dumont: Preferisco chiamarlo un tipico nome di Bruxelles. Ma soprattutto: è assolutamente vero, si adatta alla filosofia del gruppo. Come musicisti, le nostre radici sono nel jazz, ma come gruppo siamo principalmente influenzati da produttori e DJ: produttori di Footwork come DJ Rashad e DJ Spin, geni dell’hip-hop come J Della e vari DJ di batteria e basso. Con la differenza che suoniamo tutto “reale”, su macchine “reali”. Che il nome sia un tale disastro per Google, anche con quel punto esclamativo, siamo felici di sopportarlo. (ride) Quindi in pratica siete campioni viventi? Dumont: In qualche modo. Cerchiamo di ricreare ciò che fa J Dilla, ad esempio, con suoni, composizioni e ritmi di registrazioni di altre persone con i nostri strumenti. Prova tu! Perché riprodurre qualcosa, e fallire, spesso porta ai risultati più interessanti. Siamo ancora umani, ovviamente. Persone ispirate dai suoni di macchine programmate da altre persone. Tuttavia, penso di sentire campioni qua e là. I suoni in Champi e gli ottoni decorati in 500 grammi, per esempio. Dumont: Lapp, siamo stati colpiti! (ride) No: queste trombe sono veri corni, suonati da persone vere e registrate in chiesa con un’eco reale. Non ci sono preset digitali inclusi nel nostro album, credimi. Federico Pecoraro: Ma investiamo molto tempo nella produzione e nei mix. Non siamo una jam squad. In tutto, abbiamo trascorso sei mesi sulle registrazioni, in modo che tutto si fondesse perfettamente e il confine tra uomo e macchina scomparisse completamente. Federico, perché sei venuto a vivere a Bruxelles? Pekoraro: La ragione ufficiale, la ragione della mia famiglia, è studiare. (ride) Ma soprattutto volevo assaporare una vita diversa. Cercavo nuovi incentivi. Sono cresciuto a Lecce, nella regione più meridionale della Puglia, in Italia. Un altro mondo. Bello vivere lì, ma non c’è molto da vivere artisticamente. Sono finito a Bruxelles su consiglio di un amico. Per i primi mesi, sono stato sopraffatto dall’enorme offerta culturale e musicale della città. Jazz, rock, elettronica, la stessa sera, a volte nello stesso club? Non sapevo cosa mi fosse successo. Dumont: Impostato come reale! Può essere stabilito solo in Belgio. Una band a cui viene chiesto di suonare nei jazz café così come nelle discoteche? Non mi aspetto che accada presto, nemmeno a Parigi. Pekoraro: Questo è di bocca francese! (ride) No, Dorian ha ragione. fatto! È il nostro apprezzamento per la diversità culturale di Bruxelles e del Belgio. Solo il tempo a volte è deludente qui, devo essere onesto su questo. Ma a malapena ce ne accorgiamo quando ci alleniamo nel seminterrato di casa nostra. Scrivilo: davvero! Fa musica da seminterrato autentica, oscura e pesante. Dorian, all’inizio di quest’anno ha pubblicato un album solista. Aphexions consiste di cover di Aphex Twin, suonate al pianoforte acustico. Il risultato sembra molto dolce e persino sorprendentemente tradizionale. Dumont: “Tradizionale” non è esattamente la parola a cui sto pensando, ad essere onesti. (sorride) Voglio dire, non sapevo che Aphex Twin potesse essere così melodico. Dumont: Sono partito dal metodo che a volte usiamo per l’ispirazione in Echt!: scrivere un’intera combinazione esistente, quindi estrarre gli elementi che mi piacciono di più. Lavoro che richiede tempo. Come spartiti, le tracce di Aphex Twin suonano piuttosto pesanti, ma in tutti questi strati scopri alcuni schemi e temi coerenti. L’ho dissotterrato. Infine: dopo la tua prima giornata di Middelheim jazz, sei qua e là ad annunciare le rivelazioni del festival. Come l’hai provato? Pecoraro: Il Middleheim Jazz è stato il nostro primo “vero” grande festival. È stato incredibile. L’adrenalina è nel mio corpo da giorni. Se è così ogni volta, mi piace strisciare fuori dal nostro seminterrato più spesso. E lo dico davvero! (sorride)

READ  2 film estivi GRATUITI Feel Happy al DRU Industriepark

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24