“E’ stato bellissimo debuttare in De Kuip sotto la guida di mio padre”

giovedì 23 dicembre 2021 alle 00:30
Chris Major• Ultimo aggiornamento: 22:07

La Kitchen Champion Division è stata utilizzata per decenni come incubatore di talenti nazionali e internazionali e anche in questa stagione diversi calciatori con potenziale stanno vagando per il secondo livello. Voetbalzone, media partner ufficiale della Kitchen Champion Division, mette in evidenza uno di questi talenti ogni settimana, questa volta concentrandosi su Sem Steijn, che sta sfondando il campionato ADO Den Haag in questa stagione.

Scritto da Chris Meijer

La prova più tangibile dell’ottima metà di stagione è in primo piano in casa Steijn. Il primo è lo Scudetto di Bronzo del Campionato, che ha ricevuto la scorsa settimana come miglior talento del secondo periodo. “Il pallone è stato autografato ed è nell’armadietto. Mi diverto a guardarlo”, dice sorridendo Sim Stegen. A fine novembre il ventenne centrocampista è stato bravo a catturare una tripletta nel secondo all’andata della vittoria per 5-1 sull’FF Dordrecht, lasciando così Kars Jens con il pallone sotto il braccio: “E’ qualcosa di speciale, la prima tripla della tua carriera. Non si sa mai se ce ne sarà un secondo, quindi puoi avere il primo”. È ancora una battaglia vedere chi raccoglierà le palline più abbinate all’interno della selezione di ADO Den Haag in questa stagione? Dopotutto, Thomas Verheydt ha già 1. Con un sorriso: “No, no, siamo una squadra insieme. Quindi non lo combattiamo”.

L’articolo continua sotto il video

Sergio Ramos si arrossa e il Paris Saint-Germain perde punti | Lorient – Paris Saint-Germain | Mette in risalto

Altri video

Prima della partita in casa contro il NAC Breda, Steijn ha ricevuto il Bronze Championship Shield da padre Maurice per il miglior talento del secondo periodo.

Secondo Steijn, la squadra è il segreto del successo di ADO Den Haag. “Ero un centrocampista e ho segnato molti gol, ma penso che aiuti molto il fatto che la squadra stia facendo bene. C’è un buon attaccante con cui sono un buon duo. Sta andando bene, è un grande squadra in cui giochi a calcio. Non puoi separare questo dai miei successi. personalità “, spiega Steijn. Con 11 gol e due assist in venti partite di campionato, forse una delle sorprese più grandi in questo momento è all’ADO Den Haag. Prima dell’inizio di questa stagione, Steijn doveva ancora fare il suo debutto ufficiale per il club quando si è unito al settore giovanile all’età di nove anni.

“Ovviamente ho dovuto essere paziente. Ma alla fine ce l’ho fatta e mi sento bene. Non solo è successo, ho dovuto lavorare sodo per questo. Tanto meglio che alla fine ha funzionato”, ha annuito Stegen. Al momento, ha trascorso un anno e mezzo della sua carriera fuori L’Aia, seguendo le orme di suo padre, Maurice. Sarebbe stato diverso se avesse già avuto occasioni da prima squadra all’ADO Den Haag più velocemente? “Non avrebbe fatto alcuna differenza, no. Il fatto che sono andato all’ufficio turistico è stato solo per la situazione familiare. Mio padre si è iscritto da tre anni e non poteva viaggiare avanti e indietro. Poi ho dovuto vivere mio e non credo che sarei sopravvissuto. È stato anche bello entrare. Un passo in un ambiente diverso, l’ho vista come un’avventura. Essere così lontano ha avuto un ruolo enorme nel punto in cui mi trovo ora. “

READ  Wolff deluso per il punto extra di Verstappen in Qatar: "Un po' fastidioso"

“È stato bello seguire mio padre per un anno e mezzo, e questo è stato un bene per la mia carriera. Ho imparato molto soprattutto nell’ufficio del turismo. Anche viaggiare all’estero è stata una bella esperienza, era una cultura completamente diversa. Sei crescendo da lì, potresti vederlo ora”, continua. Steijn ha fatto parte della prima selezione del VVV-Venlo per una stagione e aveva solo diciassette anni quando ha fatto il suo debutto in Olanda sotto il padre durante l’andata contro il Feyenoord. “È stato fantastico debuttare al De Kuip con mio padre. Penso che probabilmente ho dovuto lavorare ancora di più per il mio debutto. Allora eravamo un gruppo di sei persone (insieme a Steijn Simon Janssen, Yahcuroo Roemer, Evert Linthorst, Aaron Bastiaans e Stan van Dijck, editore) che erano di grande talento. È stato lo stesso per me come per questi ragazzi”.

Steijn ha fatto il suo debutto in Eredivisie per conto del VVV-Venlo, nel dicembre 2018. Un anno dopo, ha giocato anche contro l’sc Heerenveen, partita in cui ha segnato il suo primo gol da professionista.

Quando suo padre ha firmato con Al Wahda nell’estate del 2019, Stein ha deciso di andare ad Abu Dhabi dopo aver esitato per un po’. “Guardando indietro, non me ne sono pentito per un momento. È stata una grande avventura. Vivi in ​​una cultura diversa, conosci altre persone: tutto è diverso da quello che è qui”. Stegen descrive i suoi sei mesi negli Emirati Arabi Uniti come “vacanze a volte”. “Dopo l’allenamento ho iniziato a fare cose divertenti. In spiaggia, o mangiare qualcosa. Tutto è possibile. Hanno tutto lì: dalla Formula 1 all’UFC alle più grandi star che sono arrivate. Fa molto caldo ovviamente. Ci siamo allenati in giro sei, ma dopo c’erano ancora quaranta gradi molto caldi All’inizio andavo in giro tutti i giorni con la testa molto rossa Ti alleni per meno tempo, che è una grande differenza Un’ora, forse un’ora e mezza In inverno la temperatura è un po’ meglio e possiamo allenarci un po’ di più Calcio Lei è più fisica. E ci sono altre cose che entrano in gioco, come la fede”.

Nonostante la nomina di Stegen Senior ad Al Wahda sia scaduta dopo tre partite, la famiglia è rimasta ad Abu Dhabi. Steijn ha ancora l’opportunità di lavorare con un altro club negli Emirati Arabi Uniti, ma ha scelto di tornare all’ADO Den Haag in inverno. “Mi è dispiaciuto essere tornato senza una famiglia. Ma mi sono anche divertito a giocare di nuovo nell’ADO. È stato anche bellissimo. È sempre stato il mio sogno giocare nella prima squadra dell’ADO. Lo volevo ancora, quindi sono tornato per esso.” Tuttavia, i diciotto mesi che seguirono non furono sempre facili. ADO Den Haag è stato a volte un vero piccione e i giocatori in movimento Steijn non hanno mai fatto parte della selezione della partita. “Quando vedi che le cose vanno male, inizi a chiederti perché non hai avuto la tua occasione.”

READ  I punteggi moderati del Barcellona hanno tanto bisogno della vittoria in Champions League grazie a Pique Champions League

Steijn e Luuk Koopmans festeggiano la vittoria del primo periodo. Questo è stato catturato dopo una vittoria per 2-6 su MVV Maastricht, in cui Steijn ha segnato due volte.

Il fatto che non meno di diciannove giocatori abbiano lasciato la Eredivisie dopo la retrocessione la scorsa estate ha dato a Sixty la sensazione che questa potrebbe essere una stagione rivoluzionaria. “C’erano meno finanziamenti, meno budget e meno giocatori, quindi ora era il momento di dimostrarlo. Ho avuto questa opportunità e l’ho afferrata con entrambe le mani. Ero pronto per questo, sì. Questo è quello che dicevano tutti intorno a me. ” E nonostante il fatto che molti giocatori se ne siano andati e che sia stato molto turbolento all’ADO Den Haag negli ultimi mesi, la prestazione in campo è molto stabile. “Molti giocatori sono partiti, ma anche alcuni giocatori sono tornati ed erano molto importanti per noi. Abbiamo un gruppo più ravvicinato, quindi sono migliorato in questo senso”.

In questo momento, ciò si traduce nel quinto posto nella divisione Kitchen Champion, anche se ADO Den Haag sarebbe diventato il secondo giunto se non avesse perso sei punti a causa di un budget sbilanciato. Tuttavia, la partecipazione ai playoff per la promozione è già certa dopo aver vinto il titolo del primo periodo. “Il titolo del periodo è stato molto bello. Vengo da L’Aia e sono sempre stato un fan di ADO, quindi è fantastico vincere un premio. Perché vedo il titolo del periodo come un premio. Fortunatamente non me lo tolgono più, è stato bello poter festeggiare con i fan”. Steijn di solito gioca come il centrocampista più offensivo dietro l’attaccante Verheydt. “Sapevo di poter fare gol, ma ora sono tanti. Si può dire che le cose stanno andando bene. Non posso certo lamentarmi. Mi piacciono le partite e sono anche importante per la squadra”.

Se tutto va bene, Steijn può preparare qualcosa in questa stagione che suo padre può fare essi Fallimento del club: promozione in Eredivisie. “No, come giocatore è promosso con il NAC. Non con l’ADO. Quindi c’è ancora qualcosa da fare”, ha sorriso Stegen. Tuttavia, non c’è assolutamente alcun dubbio che c’è una battaglia tra il padre – che ha giocato un totale di 98 partite per l’ADO Den Haag e ha lavorato come giovane, assistente temporaneo e infine capo allenatore all’Hofstad dopo la sua carriera – e suo figlio. “Era un tipo di giocatore completamente diverso da me, quindi non è proprio giusto paragonarci. Era un numero sei con una buona gamba sinistra che non è mai andata in area di rigore. Io sono un trequartista e un giocatore solo in in area di rigore. Di nuovo bene. Siamo riusciti a giocare insieme perfettamente a centrocampo? Sarebbe stato il massimo. Sì, va bene”.

READ  Annullato il duello decisivo Atalanta-Villarreal e pareggio per lo United dopo lo scivolone di Donny van de Beek | calcio

Stegen festeggia un gol durante la partita di andata contro il Mer City.

“Tiene tutto sott’occhio ed è sempre presente quando può. Di solito ricevo un SMS poco dopo una partita. ‘Hai giocato bene’, ‘Bel goal’, ‘Infelice’ o ‘Un po’ meno'”. impatto breve. Poi a casa ne parliamo di più. Ne parliamo molto: di come stanno andando le cose, cosa si può migliorare e cosa posso fare in modo più intelligente. Puoi fare qualcosa con quel consiglio, ovviamente”. Steijn può esprimere chiaramente ciò che pensa possa essere migliore. “Voglio prendere più palloni e svolgere i miei compiti difensivi un po’ meglio. Correre in modo intelligente o fare pressione: c’è ancora un profitto da fare. Ho notato che migliora più giochi che gioco. Sono migliorato fisicamente, e questa era la cosa principale. Hai fatto grandi passi avanti nell’ultimo anno e mezzo. Giocare è la scuola migliore. Sto giocando con fiducia ora, sono più calmo con la palla, più intelligente e quindi sto facendo scelte migliori. Ho notato che stai facendo dei passi in queste cose.”

Quali sono i suoi obiettivi dopo una prima metà di stagione così buona? “Personalmente non ho ancora un vero obiettivo. Il mio unico obiettivo per questa stagione era diventare titolare. Inoltre non volevo pormi obiettivi precisi, perché dopo avresti fatto pressione su di loro e non ho Non voglio. Al momento funziona bene, quindi continuo a farlo”, risponde Steijn. Il suo contratto con l’ADO Den Haag scade la prossima estate. “ADO non ha scelta. Quindi parleremo di un nuovo contratto, che è ancora aperto”. Ampio sorriso: “Suppongo che basti per firmare un nuovo contratto”.

Sostantivo: Sim stage
data di nascita: 12 novembre 2001
club: Ado den Haag
posizione: centrocampista
punto di forza: Mira, passaggio, tecnica

Voetbalzone è media partner ufficiale della divisione Kitchen Champion

Fai clic qui per interviste esclusive, talent scout, lavori attuali e il programma nella pagina della divisione Kitchen Champion.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24