Elezioni presidenziali italiane: incertezza politica e rischi collaterali per i mercati

Di Christopher Dembek, responsabile della ricerca macroeconomica presso Saxo Bank

Al via il processo per l’elezione del nuovo presidente italiano. Di solito non si vota. Questa volta è diverso. Il presidente in carica Sergio Mattarella, eleggibile per un altro mandato, non si candiderà alla rielezione. Si dimetterà il 3 febbraio. L’attuale presidente del Consiglio, Mario Draghi, è il primo candidato a succedergli.

Ciò porterà a elezioni anticipate e a un nuovo periodo di instabilità politica per l’Italia, la peggiore di sempre. È certamente la prima volta nella storia recente che un’elezione presidenziale italiana ha un significato economico. È probabile che questo sia un evento di rischio in coda per i mercati finanziari.

La missione di Draghi non è ancora finita

Draghi ha portato la stabilità politica in Italia. Affronta bene l’emergenza sanitaria e le sue conseguenze. Inoltre, ha completato e approvato l’arduo processo di definizione dei progetti e raggiungimento degli obiettivi iniziali e di riforma per accedere ai fondi previsti dal Next Generation Recovery Package dell’UE. L’Italia è il maggior beneficiario. A breve dovrebbe ricevere la prima rata di 191,5 miliardi di euro (prestiti e contributi).

Ma c’è altro da fare. Draghi non ha ancora avuto il tempo di affrontare i problemi strutturali dell’economia italiana. Uno di questi motivi è il rallentamento della produttività. I dati OCSE mostrano che le aziende italiane con meno di 10 dipendenti, che costituiscono gran parte del modello di business italiano, hanno una produttività del lavoro inferiore rispetto alle loro coetanee. In media, il valore aggiunto per addetto nelle aziende italiane è inferiore del 35% rispetto alle aziende tedesche.

READ  L'inflazione è salita di nuovo. Perché la Banca centrale europea non osa alzare i tassi di interesse?

Alcune delle possibili ragioni della minore produttività in Italia sono la minore spesa per la ricerca (1,4% del PIL nel 2018 rispetto al 2,4% della media OCSE secondo i più recenti dati disponibili) unita a investimenti insufficienti nell’istruzione e all’accumulo di ritardi nell’introduzione il nuovo. tecniche. A questo proposito, gli investimenti individuati dal governo italiano (vedi tabella sotto), che saranno finanziati attraverso il Next Generation Recovery Package dell’UE, potrebbero rappresentare una significativa opportunità per rilanciare la crescita della produttività del lavoro. Fare questi investimenti richiederà stabilità politica, che crediamo solo Draghi possa raggiungere.

Investimenti chiave per rilanciare crescita e produttività individuati dal governo italiano (presentato dall’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte nell’autunno 2020)

economia italiana

Cosa succede se ?

Se Draghi sarà eletto presidente, le elezioni parlamentari si terranno un anno prima, nel 2022 anziché nel 2023. I sondaggi indicano che i partiti di estrema destra (Liga e Fratelli d’Italia), insieme a Forza Italia, potrebbero indire elezioni. vincere. Questo potrebbe portare a un altro periodo di instabilità politica in Italia, il peggiore di sempre. Le elezioni presidenziali italiane non sono ancora sul radar degli investitori. Ma in caso di elezioni anticipate, aspettati un grave risveglio, turbolenze di mercato e volatilità delle obbligazioni nel mercato dell’EDP.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24