Encefalite dimostrata nei pazienti con covid polmonare

Per la prima volta, i ricercatori hanno identificato una grave infiammazione nel cervello in due pazienti con “polmone Covid”. Il polmone COVID-19 è una sindrome di disturbi a lungo termine inspiegabili dal punto di vista medico a seguito dell’infezione da coronavirus. In tre soggetti di controllo nello stesso studio, l’infiammazione non è stata rilevata. Questi sono i risultati preliminari di uno studio dei medici di Amsterdam UMC e UMC Utrecht che sono stati pubblicati come stampa di prestampail che significa che non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria indipendente.

La ricerca precedente ha già mostrato l’infiammazione in vari organi, compreso il cervello, nei pazienti deceduti COVID-19. Questa infiammazione era principalmente nei nuclei olfattivi del cervello, nel tronco cerebrale e nel cervelletto. Ma finora l’encefalite non è stata diagnosticata in pazienti ancora vivi, né durante l’infezione né nel periodo successivo.

Lungi dall’essere definitivo

Le scansioni cerebrali di due pazienti nello studio olandese hanno mostrato che le cellule infiammatorie erano attive quasi ovunque nel cervello. Nel loro articolo, i ricercatori hanno scritto che i risultati erano “così sorprendenti per portata e intensità”, che hanno deciso di pubblicarli immediatamente, anche se si sono resi conto che i risultati erano “lontane dall’essere definitivi”.

Il polmone COVID-19 non è una malattia chiaramente definita e può perseguitare le persone per molto tempo dopo l’infezione da corona. I medici non capiscono esattamente come possa insorgere e cercano la causa di problemi di coagulazione del sangue, malfunzionamenti del sistema immunitario o fattori psicologici. Anche l’encefalite è stata suggerita in precedenza.

Tuttavia, la nuova scoperta non significa che sia stata trovata una spiegazione definitiva per l’origine della malattia polmonare da Covid. La prognosi dell’encefalite solo in due delle migliaia stimate di pazienti affetti da COVID-19 nei Paesi Bassi è semplicemente troppo piccola per questo.

READ  Cinque anni di ricerca e 20 milioni di euro, ma il nuovo telescopio LOFAR può essere testato

L’indagine non è ancora conclusa. Il protocollo afferma che alla fine verranno sottoposti a screening venti pazienti con sintomi di malattia polmonare da Covid, oltre a dieci volontari sani che fungeranno da riferimento. È una ricerca molto stressante, perché i partecipanti devono trascorrere un’ora e mezza nello scanner PET.

perdita dell’olfatto

Secondo i ricercatori, la marcata encefalite cronica potrebbe fornire una spiegazione per i disturbi neurologici sperimentati dai pazienti polmonari. La prima paziente è una donna sulla cinquantina che in precedenza aveva una fibromialgia. Ha contratto la corona nel dicembre 2020 ma non ha dovuto andare in ospedale. Quattro mesi dopo essere stata contagiata, ha ricevuto la sua prima vaccinazione Covid e ora è completamente immune. Ma 15 mesi dopo l’infortunio, non è più in grado di lavorare e soffre di grave affaticamento, difficoltà di concentrazione, perdita dell’olfatto, mal di testa e disturbi visivi.

Il secondo paziente è un uomo sulla sessantina che ha contratto la corona nel marzo 2020. Poi è stato ricoverato per la gravità del suo disturbo, ed è stato anche ricoverato in IC per un breve periodo per problemi respiratori. Rimase in ospedale per più di due settimane. Da quel momento, ha sofferto di estrema stanchezza e problemi di concentrazione, che lo hanno lasciato parzialmente incapace di lavorare. Quelle conseguenze persistono ormai da due anni. Questo paziente è stato successivamente vaccinato completamente contro Corona.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24