Erdogan rilascerà il critico Osman Kavala dopo le pressioni europee?

Dal carcere di massima sicurezza di Silivri a Istanbul, Kavala a volte fa sentire la sua voce. Scrive articoli di opinione e risponde agli sviluppi del suo caso tramite il suo avvocato.

Dal suo cellulare, Kavala risponde a una serie di domande con un messaggio del NOS. Prima di tutto, dice che funziona bene in queste condizioni. “Mi sento bene. I messaggi di sostegno che ricevo e le chiamate per essere rilasciate dall’estero mi danno forza. Mi sento meglio nei giorni in cui parlo con mia moglie, e quando sento la voce di mia madre – chi è così vecchio? Solo in una cella. Leggo molto, soprattutto fiabe. “Questo mantiene la sua salute mentale”.

Scrive sulle accuse contro di lui che si basano esclusivamente su “teorie del complotto”. “Suppongo che vogliano sostenere la teoria che la rivolta di Gezi sia stata una cospirazione esterna per rovesciare il governo. L’unica base per questa teoria su di me è che simpatizzavo con i manifestanti di Gezi e avevo una relazione con la Open Society Foundation di George Soros.”

dichiarazione insolita

Erdogan aveva precedentemente chiamato Kavala a “I resti di Soros”In riferimento all’imprenditore ungherese-americano George Soros, che, come Kavala, sostiene molti progetti sociali, la Soros Open Society Foundation, che finanzia principalmente progetti europeisti, ha dovuto lasciare la Turchia nel 2018 sotto forte pressione.

Kavala dice che la sua prigionia è un avvertimento per i suoi colleghi. “È un messaggio per tutti coloro che sono attivi nella società civile. Non dovrebbero essere coinvolti in questioni che ostacolano il governo”.

READ  Un padre vendicativo uccide "l'amante" della figlia diciannovenne dopo averlo venduto a una banda di prostituzione | All'estero

Era “un po’ sorpreso” quando ha sentito la chiamata degli ambasciatori. “Ci sono state dichiarazioni simili prima, dal Consiglio d’Europa e dal Parlamento europeo. È insolito per gli ambasciatori farlo e più simbolicamente sorprendente. Ma data la reazione del presidente, non credo che questa dichiarazione contribuisca al mio rilascio anticipato. “

Ritiene che le pressioni del Consiglio d’Europa possano portare a uno sviluppo positivo del suo caso. Il Consiglio deciderà alla fine di questo mese se avviare un procedimento penale contro la Turchia. Quindi il paese potrebbe essere ritirato dal diritto di voto o addirittura sospeso. “Penso che ci sia una possibilità che sarò rilasciato nella prima metà del prossimo anno”.

Quattro anni di speranza

Il caso contro Kavala continua venerdì. Ad ogni udienza, il suo avvocato, Tolga Aitur, tiene conto della possibilità del suo rilascio. Ma poiché è impossibile prevederlo, non vuole pensarci troppo. “Quattro anni fa, speravamo in quel momento ogni giorno”, dice. “Il nostro diritto a un processo equo è stato violato molte volte. Tutto ciò che possiamo fare è ripetere che Osman Kavala deve essere rilasciato immediatamente”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24