Escludere la Russia dal sistema SWIFT o no? La Germania è sotto pressione

Lo studio sui risultati esatti per i paesi dell’euro è condotto dalla Banca centrale europea (BCE) e dalla Commissione europea.

Alcuni stati membri sono riluttanti a colpire la Russia con il sistema SWIFT. Espellendo il Paese dall’alleanza delle banche, diventerà molto difficile per la gente “ordinaria” trasferire denaro ai propri parenti in Russia, come teme, ad esempio, la Germania.

Le aziende europee soffriranno anche perché i pagamenti dai clienti oi pagamenti ai fornitori diventeranno più complessi. I ministri delle finanze dell’Unione europea si sono incontrati a Parigi per discutere, tra l’altro, delle conseguenze della situazione in Ucraina per l’economia europea.

L’Italia è finita

In precedenza l’Italia sembrava contraria alla chiusura di SWIFT da parte della Russia, ma il ministro degli Esteri ucraino ha ricevuto il sostegno del suo omologo italiano, ha riferito tramite Twitter all’inizio di questa sera.

A differenza dell’Italia, Cipro e la Germania non si sono ancora arrese. Il ministro degli Esteri tedesco ha affermato che questa misura potrebbe avere conseguenze indesiderate. Si riferiva, tra l’altro, all’impossibilità di finanziare le ONG in Russia.

La Germania non è ancora intervenuta

Annalina Barbuk ha anche affermato che, ad esempio, gli studenti russi all’estero non possono più trasferire denaro ai nonni. Secondo Beerbock, le sanzioni contro le banche sono una “spada più forte” di quella di Swift.

Il giornalista politico afferma: “Dal blocco di Germania e Italia, tra gli altri paesi, è scoppiata una tempesta di critiche. Dall’Ucraina, dagli Stati Uniti e dai paesi europei. La pressione su Germania e Italia per continuare ad applicare la punizione di Swift è grande, ” dice il corrispondente politico Vons Lampe.

READ  I 'becchini' del Belgio: trattative di governo con tanti giochi politici, ma poca sostanza - Notizie finanziarie ed economiche - Tendenze

Grande pressione sulla Germania

“L’Italia ha già dichiarato che non userà più il suo veto. Sempre più voci si esprimono nella politica tedesca. A Bruxelles, i diplomatici coinvolti si aspettano che se la Germania fermerà davvero la resistenza, la punizione di Swift potrà ancora essere inflitta. La Commissione è funzionante L’Unione Europea e la Banca Centrale Europea sono già su una mappa attenta delle conseguenze e degli impatti, quindi l’attuazione si sta avvicinando”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24