Esempio Italia per l’Olanda: ‘Rompere tutti i legami con la mafia in detenzione’ | All’estero

I Paesi Bassi citano l’Italia come esempio nella lotta alla criminalità organizzata. Per questo i ministri olandesi della giustizia e della difesa e della difesa legale sono tornati a Roma martedì, sei mesi dopo il ministro Decker.

“Non siamo qui per copiare, ma per imparare”. Il ministro della Giustizia e della Difesa Dylan Yesilkos ha chiarito lo scopo della sua visita ufficiale in Italia. Insieme a un collega delle forze dell’ordine Frank Weirwind, Jesilkos trascorre due giorni a Roma osservando come gli italiani combattono la criminalità organizzata.

Il ministro si è ispirato all’approccio italiano, soprattutto perché nasce dalla protesta sociale per i brutali omicidi dei giudici del processo Giovanni Falcone e Pavlo Porcelino trent’anni fa quest’anno. “È stato un punto di svolta e la società nel suo insieme si è rivolta contro la criminalità organizzata, che ha fatto spazio ad alcune leggi”.

Nonostante la strage di tre innocenti attorno all’inchiesta Marengo, il giornalista Peter R. Quella svolta non è ancora stata raggiunta nei Paesi Bassi, con il punto più basso dell’omicidio di de Vries, secondo il ministro. “L’indignazione nella comunità è stata di breve durata e non è stata intrapresa alcuna azione lì”.

Il ministro pensa che in politica ci sia quella consapevolezza e ora il governo sta cercando di inquadrarla con una normativa aggiuntiva. Yesilcas sottolinea così l’art. 416-bis cp; Membro di un’organizzazione mafiosa. “È un approccio olistico al problema.

Approccio efficace come hanno affermato i ministri negli ultimi due giorni. Hanno parlato con i loro omologhi italiani di giustizia e funzionari interni e hanno visitato il carcere di Repubbia a Roma, dove alcuni detenuti, soprattutto mafiosi, sono sotto sicurezza. “Sono rimasto colpito dal modo in cui gli italiani gestiscono le comunicazioni esterne”, ha affermato Weirwind, ministro della Difesa della legge. “Hanno davvero interrotto tutti i legami, quindi l’azione criminale dalla detenzione è completamente impossibile”.

READ  Ispirazione dall'Italia: rendere possibile il rinnovamento per tutti

Tutta la posta in entrata e in uscita viene controllata

Chi si trova in un regime più sicuro ha un diritto molto limitato alla privacy, tutta la posta in entrata e in uscita viene controllata, le conversazioni telefoniche vengono intercettate e i detenuti vengono monitorati mentre vengono trasmessi e ricevono visitatori. Motivo della stretta custodia preventiva. Molte organizzazioni per i diritti umani lo considerano disumano. “La legge è stata esaminata criticamente dalla Corte costituzionale e la Corte di giustizia europea l’ha vista”, ha affermato il ministro Weirwind. “In piccoli punti hanno fischiato di nuovo, ma è stato accettato che questo sistema esiste e potrebbe esistere”.


Citazione

Chiunque faccia qualcosa per un’organizzazione criminale sarà, anche occasionalmente, punito

Ministro Yesilkos

L’accettazione sociale è importante a questo proposito, il ministro Weerawind è d’accordo con i suoi colleghi. “Naturalmente l’Italia ha un passato molto tragico, che le conferisce un’ampia base nella società”.

Questa è la quarta mafia in Italia: Mafia Fociana della città di Focia, nel sud Italia. Gli attacchi sono solo all’ordine del giorno qui. Il giornalista italiano Angelo van Shayk parla di:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24