Esperto uiguro: ora chiediamo alla Cina di ritenere responsabili i crimini | proprio adesso

L’esperto uiguro tedesco Adrian Zenz ritiene che Europa e Paesi Bassi dovrebbero annunciare severe sanzioni contro la Cina. Zenz è responsabile del rilascio di migliaia di foto di prigionieri uiguri e di decine di migliaia di documenti trapelati mercoledì, provocando un putiferio in tutto il mondo. Zenz ha detto a NU.nl. “Come paesi occidentali, non possiamo più permetterci di ignorarlo. I responsabili devono essere sanzionati principalmente all’interno del sistema cinese”.

Zenz ha ricevuto un’enorme quantità di documenti interni della polizia “qualche mese fa”. Non ha detto esattamente quando ha avuto il potere di proteggere le sue fonti. Da febbraio collabora con i media internazionali che hanno confermato l’autenticità dei documenti. Ciò ha portato a pubblicazioni in BBCEl Pais en dallo specchio

Questa non è la prima volta che emergono documenti che mostrano che gli uiguri sono imprigionati su larga scala nella regione cinese dello Xinjiang. Ma non è stato precedentemente stabilito sulla base di informazioni così dettagliate che le autorità cinesi utilizzino “campi di rieducazione” ed ex prigioni per detenere uiguri su larga scala. “Per me, questa è la madre di tutti gli hack”, dice Zenz.

Nei cosiddetti file della polizia dello Xinjiang, che sono file essere accessibile a tutti, sono elenchi di nomi e motivi per cui stanno scontando pene detentive, a volte anni. Questo potrebbe essere indossare la barba, ascoltare testi religiosi o riunire persone che potrebbero causare disordini sociali.

Ci sono anche migliaia di foto di prigionieri. Di seguito una foto di una ragazza di quindici anni, Rahil Omar, che è incarcerata. Poco si sa del suo destino e di quello degli altri. Le immagini mostrano anche come l’uomo nel famigerato “sedia tigre” Incatenato durante l’interrogatorio. Altre foto mostrano agenti di polizia pesantemente armati che picchiano e trascinano i prigionieri. Documenti dal periodo fino al 2018.

“Chiunque fugga dovrebbe essere fucilato.”

Ci sono anche istruzioni dettagliate per le guardie e discorsi di membri di alto rango del Partito Comunista, che parlano senza riserve di sparare ai prigionieri che cercano di scappare.

Uno dei testi è un discorso tenuto dall’ex leader del Partito Comunista dello Xinjiang Chen Quanguo. Dice al suo pubblico che chiunque tenti di scappare “deve essere fucilato”. Zenz: “Chen Quanguo è noto per essere un leader spietato, ma questa è un’altra cosa quando vedi questo tipo di testo in bianco e nero”.

Gli esperti non hanno dubbi sull’autenticità dei documenti. Lo ha detto mercoledì il direttore di Human Rights Watch, Kenneth Roth Deutsche Welle Ha “tutte le ragioni” per credere che i registri siano accurati.

Lo stesso Zenz afferma che è praticamente impossibile fotografare i quasi 3.000 residenti uiguri nella Cina rurale. Secondo lui, è chiaro che i testi hackerati provengono anche dal governo cinese, spesso con francobolli ufficiali.

L’UE chiede sanzioni

Ieri il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ha chiesto a cambia traccia† Vuole che la Germania diventi meno dipendente dalla Cina. Nei Paesi Bassi, il ministro Wopke Hoekstra (Affari esteri) ha reagito con maggiore cautela. Ha descritto le nuove segnalazioni di gravi violazioni dei diritti umani come “estremamente inquietanti”.

Lo studioso Zenz pensa che la risposta olandese sia troppo debole. “Perché non c’è una condanna assoluta della Cina? I fatti sono sul tavolo. È chiaro che la Cina è colpevole della massiccia oppressione degli uiguri”.

La visita del commissario Onu in Cina ‘un viaggio inutile’

Zenz non è il solo a prendere questa posizione. L’Alleanza interparlamentare sulla Cina (IPAC), un gruppo internazionale di parlamentari tra cui Tom Van de Lee (GroenLinks) e il membro del D66 Sjoerd Sjoerdsma, questa settimana ha invitato i paesi europei imporre sanzioni contro i dignitari cinesi responsabili della repressione di massa e dell’incarcerazione degli uiguri.

Concorda Zenz: “Finora l’Unione Europea ha imposto sanzioni solo a pochi cinesi. L’ex leader dello Xinjiang, uno degli artefici della persecuzione degli uiguri, non è stato ancora attuato. Per noi è tempo di agire. È sta succedendo.”

Il ministero degli Esteri cinese ha respinto i documenti violati in quanto provenienti da “forze anti-cinesi decise a screditare lo Xinjiang”. Ha anche accusato i media che coprono il caso di diffondere “bugie e voci”.

La prossima settimana, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, visiterà lo Xinjiang. È la prima volta in 15 anni che un rappresentante delle Nazioni Unite visita la Cina.

I parlamentari dell’IPAC ritengono che la visita sia una bufala, perché la Cina renderà impossibile qualsiasi indagine significativa da parte di Bachelet e del suo team facendo affidamento su misure rigorose su Corona. Zenz: “La Cina utilizzerà la visita di Bachelet per scopi propagandistici. È un viaggio inutile”.

READ  Razzi Qassam contro razzi. Iron Dome: Spiegazione della battaglia aerea in Israele

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24