Eve Vanderhay non è l’unico allenatore che ha subito questo destino – di Fans For Fans

Lo scorso fine settimana, Yves Vanderhay ha ottenuto la sua prima vittoria casalinga della stagione con il Circle Brugge. KV Mechelen è andato 3-1 per l’ascia su Jan Breydel. Una vittoria stranamente significava le dimissioni di Vanderhee. Uno spettacolo meraviglioso che ha suscitato molto stupore, ma non è affatto un caso isolato. Vanderhaeghe ha già preceduto Vanderhaeghe in patria e all’estero.

All’inizio di novembre, il tedesco Daniel Farke ha avuto la stessa sorte nella Premier League inglese di Norwich City. Farke – che è attivo nel club dal 2017 – ha segnato la sua prima vittoria della stagione per il Norwich al Brentford (1-2), ma ha dovuto fare i bagagli poche ore dopo quella vittoria combattuta.

Ci sono stati anche notevoli licenziamenti in passato nella stessa lega. Nell’ottobre 2015, Bob Peters ha preso la scala Westerloo (1-2) con (all’epoca) lo Sporting Lucerne. Sollievo per i Waaslanders dopo un mese senza vittorie, ma il presidente Roger Lambrecht la pensava diversamente. Ha licenziato Peters e ha nominato George Leekins come suo sostituto, cosa che sarebbe stata decisa una settimana prima. “Un colpo forte e inaspettato”, ha definito Peters le sue dimissioni.

Il colpo è stato ancora più grande per Mircea Rednick nel maggio 2013. Ha concluso una serie di vittorie consecutive sul “suo” Standard, che aveva firmato a ottobre per sistemare le cose, con una clamorosa vittoria per 7-0 sul Gent in the Play – al di fuori del finale. Ad esempio, gli abitanti di Liegi erano ancora in grado di ottenere un biglietto europeo, ma il giorno dopo, con sorpresa di tutti, Roland Duchâtelet mise il romano sulle rocce.

READ  Leclerc sui problemi al motore Ferrari: 'Niente di grave'

Può succedere in meglio, come ha dimostrato l’attuale allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti. L’allenatore italiano ha ricevuto la sua C4 a Napoli nel 2019, dopo che lui e la sua squadra hanno segnato una vittoria per 4-0 sull’RC Genk in Champions League. “Nella mia carriera da allenatore, non ho mai lasciato nessun club e mai lo farò”, ha detto il lottatore Ancelotti dopo la vittoria sul Limburgers. Poche ore dopo, dopo risultati deludenti nella sua stessa gara, il ragazzo è stato espulso.

vittoria irrispettosa

L’allenatore di successo Thomas Tuchel è stato autorizzato a firmare per il Paris Saint-Germain alla fine del 2020 dopo la vittoria per 0-4 sullo Strasburgo. L’allenatore tedesco ha regalato al Paris due titoli nazionali, quattro coppe e un posto nella Champions League europea durante la sua carriera. Non sono state le prestazioni traballanti il ​​motivo dell’esonero, ma la lite con il direttore tecnico del club Leonardo Araujo. Tuchel non si è preoccupato del licenziamento e ha vinto la Champions League la stessa stagione con il suo nuovo datore di lavoro Chelsea. Il PSG è arrivato secondo nella loro lega quell’anno e la loro avventura in CL li ha visti bloccati in semifinale.

L’incidente dell’allenatore delle giovanili italiane Massimiliano Riccini nel 2019 ha mostrato il fatto che le ragioni del licenziamento possono essere molto diverse dalla squadra perdente. Il capo dell’Invictasauro ha condiviso questa affermazione, si è scusato e ha prontamente licenziato il suo giovane allenatore. “Gli allenatori devono allenare i giovani e, soprattutto, insegnare loro qualcosa. Oggi non è successo”, ha detto prima delle dimissioni di Ricini.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24