Famiglie americane in lutto dopo il massacro di Kabul: Max era solo un bambino | All’estero

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti non ha ancora annunciato ufficialmente le identità dei soldati morti, ma le famiglie stanno già raccontando la loro storia. Secondo il protocollo, il Pentagono non confermerà i nomi dei soldati morti fino a 24 ore dopo che la loro morte sarà stata annunciata alle loro famiglie.

Nell’attentato, per il quale la branca afghana dello Stato Islamico ha rivendicato la morte, sono rimasti uccisi almeno 13 soldati statunitensi. Quindi questo includeva Max Soviak dello stato dell’Ohio, “un bravo studente che era attivo nello sport e in altre attività durante i suoi giorni di scuola. Era ampiamente rispettato e apprezzato da tutti quelli che lo conoscevano”, riferisce la Edison High School, dove ha frequentato Sofiak.

Max Soviak.

La sorella del giovane soldato sta piangendo. “Non sono mai stato in politica e non voglio parlarne ora. Quello che voglio dire è che il mio fratellino bello, intelligente, fastidioso e affascinante è stato ucciso ieri mentre salvava altre vite”. “Era solo un bambino. (…) Il mio cuore si è spezzato.”

Suo fratello Max ha postato una foto quest’anno con altri due soldati in missione in Afghanistan. Commento espressivo:Uccide o viene uccisa, proverà sicuramente a stare dalla parte dell’uccisione“.

Steve Nikoi, il padre di Karim residente in California che è stato schierato in Afghanistan, sapeva a che ora i Marines si sono presentati alla sua porta. Ha detto al Daily Beast di essere “ancora sotto shock. Non riesco ancora a capire tutto quello che sta succedendo”. Secondo Nikoi, suo figlio “ha sempre voluto essere un marine” e amava il suo lavoro. Non aveva dubbi sull’invio.

READ  Un altro furto in una scuola nigeriana, 200 bambini rapiti

Inoltre, il ventenne David Lee Espinosa non è riuscito a tornare vivo dall’Afghanistan. Era del Texas.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24