Famoso virologo Peter Piot: È il momento della scala Corona

Giovedì scorso al comitato consultivo hanno discusso vari governi di questo paese Scala Corona. Il commissario Corona Pedro Facon ha proposto un primo modello con tre livelli di allerta, a seconda del numero di contatti nel GP e della situazione negli ospedali. Le misure possono essere attivate su questa base. Divenne subito chiaro che c’era ancora molta resistenza politica, soprattutto da parte delle regioni.

Tuttavia, questa misura dovrebbe arrivare il più rapidamente possibile, afferma Peter Piot (72) in un’intervista a ultime notizieCon la moglie americana Heidi Larson (64). Entrambi sono autorità mondiali in virologia. Piot è stato uno degli scopritori del virus Ebola negli anni ’70, ha guidato il programma delle Nazioni Unite contro l’AIDS ed è ora consigliere della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Larson ha fondato, tra le altre cose, il Vaccine Trust Project, che combatte lo scetticismo sul vaccino.

‘nuova fase’

Secondo Piot, siamo entrati in una nuova fase in Occidente, perché tante persone sono state vaccinate. “Tendiamo a dimenticarcene nelle cose di tutti i giorni, ma immagina se quei vaccini non fossero ancora disponibili. Allora Omicron diventerebbe un disastro completo che inonderebbe i nostri ospedali”, dice.

Ma anche nella sfera sociale e in termini di misure corona, abbiamo attraversato uno sviluppo completo. “Non torneremo a questi rigidi blocchi e troveremo un modo temporaneo per affrontare il virus”, afferma Piot. È tempo di mettere in evidenza un tale barometro, che può determinare quali regole entrano in vigore e quando. Questo dà alle persone, compresi i responsabili della politica, qualcosa a cui aggrapparsi”.

“Non siamo ancora arrivati”.

Nell’intervista, Piot ha ammesso che con l’avvento dei vaccini credeva che la crisi del Corona sarebbe stata messa sotto controllo. Ero un ottimista. Ma il virus è cambiato dopo”. Sebbene la variante omikron possa essere meno dannosa, non ci siamo ancora, secondo il virologo. “I ricoveri ospedalieri sono ancora in aumento”.

Ecco perché lasciare che le cose si sistemino è comunque una cattiva idea, pensa. “È una semplice matematica. Se un omicron ha conseguenze negative la metà di un delta ma è due volte più contagioso di questa variabile, anche la pressione sugli ospedali è grande. Quindi rischiamo che le persone ne diventino vittime perché le cure insoddisfacenti devono cedere il passo. Non non parlarne con quello che basta: terapie antitumorali disabilitanti, interventi chirurgici ritardati.

Piot non si aspetta che il virus si evolva ulteriormente in una variante più patogena. “Penso che la possibilità sia un po’ piccola, ma il Covid-19 mi ha davvero ingannato. È possibile, ma non sono un guerriero. Dobbiamo continuare a vaccinare e mi aspetto che i vaccini migliorino”.

READ  La paura della malaria resistente è in aumento in Africa | Scienza

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24