Feste bollenti e colonne sonore cinematografiche nell’ultimo giorno di Fifty Lab – Party Reports

Fifty Lab è all’altezza del suo nome come festival di scoperta del terzo e ultimo giorno. Kabeaushé ha portato una festa bollente dal Kenya a Bruxelles, mentre Promis3 ha dimostrato di saper fare rave anche vicino a casa. Il francese Enfant Sauvage ha firmato il break point più bello.

Abbiamo iniziato il nostro viaggio musicale con il polistrumentista Z in the Clouds (****), un gatto jazz italiano che era circondato da tre musicisti. È stata una mossa intelligente dell’organizzazione programmare questa performance all’accogliente l’Archiduc, perché in questo modo ci siamo sentiti subito in un vero jazz bar. Il gruppo ha avuto un inizio brusco – pensavamo che il quartetto stesse ancora controllando l’audio – ma il gruppo era chiaramente impaziente di vederlo e presto il pubblico è stato in grado di prenderne la mano.

Abbiamo iniziato il nostro viaggio musicale con il polistrumentista Z in the Clouds (****), un gatto jazz italiano che era circondato da tre musicisti. È stata una mossa intelligente dell’organizzazione programmare questa performance all’accogliente l’Archiduc, perché in questo modo ci siamo sentiti subito in un vero jazz bar. Il gruppo è iniziato bruscamente – pensavamo che il quartetto stesse ancora controllando l’audio – ma il gruppo non vedeva l’ora e presto il pubblico è stato in grado di farlo. Ma il gruppo è sempre riuscito a trasformare quel caos organizzato in un numero gestibile. Un trucco di cui i musicisti erano chiaramente orgogliosi, come dimostrano i sorrisi che si scambiavano. Il chitarrista in particolare aveva un volto sorridente che non poteva nascondere la sua soddisfazione. Tuttavia, la nostra attenzione è stata principalmente rivolta al batterista, che ha fatto a pezzi la sua pelle in un accordo furioso senza rovinare l’atmosfera del jazz. Altri elementi interessanti, come suoni di animazione distorti o un sintetizzatore che suonava come se stesse cercando di comunicare con gli alieni, lo hanno trasformato in uno spettacolo jazz con un’angolazione. Retrofuturismo Poi abbiamo visto il duo pop elettronico belga Promis3 (****) in azione all’AB Club. C’è qualcosa di molto strategico nel loro lavoro: negli anni ’90 probabilmente pensavano che tutta la musica mainstream avrebbe suonato così. Frammenti di trance, chiacchiere, pop e danze spietate volavano intorno alle nostre orecchie. È tutto molto vecchia scuola, ma la solida produzione gli ha dato qualcosa di molto contemporaneo. Kind of Milk Inc per chi cerca un valore aggiunto. Miglior esempio: una cover di Eiffel 65s Blue (Da Be Dee) fornita con una produzione gelida e patetica dell’era Myspace. Il cantante Brent Dielen sembrava che Lady Galadriel fosse un personaggio di Matrix e faceva molti passi di danza, tuttavia, lo spettacolo ha continuato a diventare un po’ distaccato. Non è una critica: Promis3 è rimasto inaccessibile come un avatar digitale di un simulatore sociale degli anni 2000 e si adattava perfettamente alla musica accattivante e accattivante suonata dal duo. I ritmi dell’anno 2000 sono stati tra i successi più sexy che abbiamo ascoltato al Fifty Lab 2021. Strawberry About Kabeaushé (****) è piuttosto raro su Internet e, per quanto ne sappiamo, l’artista ha pubblicato solo una canzone. Tuttavia, era uno dei must di questa versione di Fifty Lab perché era il rappresentante di Nyege Nyege, l’etichetta e festival ugandese che ha sfondato molto nella scena online negli ultimi anni. Quando siamo entrati nella sala del teatro del Brussels Viage, è suonato uno spaventoso suono di campane e abbiamo visto Kabeaushé, vestito con un costume da cabaret arancione, muoversi sul palco come una bambola posseduta. Tuttavia, l’atmosfera fiabesca si è presto frantumata. Apparentemente Kabeaushé è venuto per organizzare una festa e portare la colonna sonora perfetta. Come spesso accade con Nyege Nyege, i battiti emozionanti e le percussioni contagiose erano centrali, ma l’artista keniota lo ha illuminato con molti fronzoli. Accordi teatrali, corni midi, rap orecchiabile,… A un certo punto ha fatto portare allo staff del festival vassoi pieni di fragole e cioccolatini, perché in Kenya non hanno fragole, quindi ora sono qui voglio rischiare su di esso per condividerlo con voi.” Kabeaushé ha dimostrato che Non solo qualcuno che fa ottimi riempitivi per la pista da ballo, ma anche un artista nato. Nessuno tra il pubblico poteva essere a conoscenza delle canzoni che venivano suonate, ma l’entusiasmo altamente contagioso che esploso dal palco ha assicurato la partecipazione di tutti.Durante le ultime canzoni, Kabeaushé è saltato tra il pubblico stesso e ha creato “dance loop” in cui gli spettatori eseguono i loro migliori passi di danza uno per uno. Il pubblico era così eccitato che stava ballando senza maschere la scorsa notte , o è a causa della personalità carismatica del performer? Scommettiamo entrambi, ma soprattutto il secondo. In un certo senso, Kabeaushé organizza una grande festa come Promis3 nella direzione esattamente opposta: non un fantastico rave elettronico, ma una vivace festa da ballo.Cinema colonne sonore Dopo quella pazza esperienza, abbiamo preso un pezzo da Schnellertollermeier (***) all’AB Club dove era il più Un po’ stabile. Il nome della band suona come un gigantesco ottovolante, ma all’inizio non era male. Il trio ha suonato musica rock simile all’improvvisazione che ricorda una versione ritagliata di Dans Dans. Le melodie giocose hanno penetrato il fascino del tappeto atmosferico che è stato tessuto, ma a volte l’insieme è rimasto troppo per la decorazione piuttosto che attirare l’attenzione. Anche se dobbiamo dire che il muro di rumore che è stato costruito alla fine è uscito piuttosto duro. Anche Enfant Sauvage (****), metà del duo The Blaze, stava dipingendo paesaggi sonori cinematografici quando siamo tornati sul suo set per Viage. Il progetto si concentra molto sui video, ma sorprendentemente lo spettacolo non aveva davvero un aspetto visivo. Dietro i suoi bottoni, il francese ha lasciato che la musica parlasse da sola. Ha funzionato meravigliosamente: con un numero minimo di elementi, il prodotto è stato in grado di emettere un suono sorprendentemente completo. I bus profondi e l’elettronica atmosferica ricordavano in qualche modo il lavoro più oscuro di Trentemøller, poiché Enfant Sauvage girava costantemente nella stessa atmosfera notturna, ma offriva una varietà sufficiente per evitare che la notte diventasse troppo monotona. Ad esempio, a volte ha raggiunto il microfono per creare una nuova ondata di malinconia con voci liberatorie. Altre volte, c’era un notevole ritmo leggero, che faceva ballare il suo lavoro che ricordava il triste fratello di John Hopkins. Enfant Sauvage ha lavorato sulla transizione tra il sonno e la veglia, ed è stato bello essere lì. E si è subito capito che le temperature si sarebbero alzate anche lì quando la cantante sarebbe salita sul palco con i suoi due ballerini. Stivali al ginocchio, tute di pelle, capezzoli nastrati… lo spettacolo ha chiaramente qualcosa di feticista in esso, quindi è stato piuttosto sorprendente come la musica si sia effettivamente comportata bene. Dolly Bing Bing ha iniziato il gruppo con parole come “Bacia qui, bacia là” che sembravano quasi sarcastiche nella loro dolcezza per la natura della performance cattiva. L’artista è specializzato in musica pop accattivante e cool. Attraente, ma a volte troppo giovane: nell’esecuzione è una scelta consapevole, non musicale. Questo non ha potuto rovinare il divertimento, perché le canzoni sono state eseguite con grande entusiasmo e fiducia in se stessi. Inoltre, l’ultimo singolo di Ready è stata la migliore canzone dello show, quindi è promettente per il futuro.

READ  Sander Van de Bafert: Le battute sulla prostituta Bilal Waheeb dovrebbero essere consentite | stelle

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24