Festival di Cannes: 74a edizione

Una grande sorpresa è stata la Palma d’Oro, il massimo riconoscimento al prestigioso Festival di Cannes – per dire il World Film Championship – alla controversa coproduzione franco-belga. Titanio della francese Julia Ducornu. Nella storia del festival, questa è solo la seconda volta che questo onore viene assegnato a una regista donna.

In precedenza, a Jin Campion era permesso solo di ottenere la Palma d’Oro di il piano Nel 1993 (ex aequo con Chen Kaige). La giuria, guidata da Spike Lee, il primo presidente di giuria nero a Cannes, ha scelto di riempire gli spazi vuoti riservati alla violenza giovanile: il cinema audace e sobrio. Come se l’amministrazione comunale di Kahn avesse intuito qualcosa, l’élite d’oro onoraria è stata assegnata agli anziani: l’attrice Jodie Foster e il maestro italiano Marco Bellocchio. Il direttore tecnico Thierry Fremau si è espresso così: “È sbagliato che a Marco Bellocchio non sia mai stato permesso di avere la Palma d’Oro. Sarà corretto qui!”

Titano / Battaglia Titano

Sporco, ruvido, ruvido, asessuale ed eccessivo, ma allo stesso tempo molto sensuale, intenso, seducente, molto fisico, erotico e implacabile. Questa è la palma d’oro Titanio (Dal 28 luglio nel nostro cinema) Tutto e molto di più. Il titolo ambiguo del film, fortemente carico di simbolismo, fa riferimento, tra l’altro, al titanio metallico, molto resistente al calore, e ai titani della mitologia greca.

Una placca di titanio è stata impiantata sopra l’orecchio di Alexia dopo uno strano incidente d’auto, il che spiega il suo desiderio incontrollabile di dolore e distruzione. È il suo modo di comunicare. Non ci sono parole. Conseguenza negativa di una vita senza amore fino a quel momento? La violenza fisica come risposta alla violenza morale. Per sfuggire alle mani della polizia dopo alcuni omicidi, la giovane donna si trasforma in un ragazzo scomparso dieci anni fa. Fino a quando, nel suo costante viaggio, trova una figura paterna, un capo dei pompieri e si fa male proprio come lei. Lo saluterà? O è suo?

dei greci

Con il suo primo film molto interessante fresco – Una studentessa di veterinaria sviluppa improvvisamente un appetito per la carne (umana) dopo un’iniziazione rituale al suo addestramento – Ducournau ha già suscitato scalpore. Titanio, un racconto ponderato e visivamente composto di amore assoluto e incondizionato, che fa appello alla mitologia greca. Il lussuoso pannello in titanio rende Alexia, dove puoi vedere in un primo momento un nemico freddo, gigante, gigante, gigante, un personaggio forte.

Urano è in realtà il primo discendente a mettere la dea primordiale della terra, Gaia, sulla Terra senza interferenze da parte di un uomo. Proprio come Alexia è rimasta incinta. Nella storia della creazione greca, Gaia (Terra) e Urano (Cielo) sono una potente coppia di dei. Insieme, hanno parecchi discendenti, tra cui dozzine di Titani. Ognuno di loro è originariamente l’inventore di qualcosa che giova all’umanità. Titanio È una persona curiosa film sul fiume, stilizzato grazie all’azione candida e soffocante di Robin Impines. Un cinema a tema davvero unico con una forte spina dorsale. Questo è tutto!

READ  Febbre delle guance Difensore di Witze Jacob Rasmussen: Le finali hanno le loro regole

tabù

Tuttavia, questa edizione entrerà nei libri di storia come un festival con una serie di film in cui sono stati sollevati molti tabù, che richiede il coraggio e la flessibilità necessari da parte dei suoi creatori come nel colpire Le lingue Dove Muhammed Salih Haroun sfida la circoncisione femminile e il divieto di aborto – l’aborto è contro l’Islam e illegale in Ciad – anche se la figlia di una madre single di 15 anni è stata violentata (altro tabù) da un vicino.

Che si tratti di letteratura professionale in Azione Di Alexei German Jr., agli arresti domiciliari in attesa di processo e sotto continue minacce per aver osato accusare di corruzione il sindaco locale. Si difende come Satana in una giara di acqua santa.

in un un eroe Asghar Farhadi racconta la storia straziante di un prigioniero ritratto dai media come un prigioniero modello (una specie di Wiedergutmachung?) per coprire l’alto tasso di suicidi nelle carceri iraniane.

E nell’emozionante civileLa coproduzione belga-rumeno-messicana – vincitrice del Premio Un Certain Regard Courage a Cannes – ritrae Theodora Anna Mihai nei panni di una madre abbandonata dalla polizia, la cui figlia viene rapita da una mafia della droga nel nord del Messico. Una madre deve cercare da sola: instancabilmente, senza sosta, e non senza rischiare la vita.

E ancora più tabù

Altri argomenti sono rimasti tabù nel 2021 per vari motivi: la psicosi, un uomo bipolare che mette molta pressione sulla sua famiglia ogni volta che impazzisce (preoccupazione di Joachim Lavoss).

Il fatto che l’eutanasia è un reato penale in Francia (Tutto andò bene di Francois Ozon), Obesità (forte Scritto da Costanza Meyer).

Bullismo nel cortile della scuolamondo della belga Laura Wandel).

Vuole consapevolmente rimanere senza figli in rovina Julie (in 12 capitoli) Conosciuto anche come La persona peggiore del mondo di Gioacchino Treviri.

suicidio del fratello gemelloMarx può aspettareDocumentario di Marco Bellocchio.

Un giudice sconfessa suo figlio/assassinotre piani Van Nani Moretti).

Lotta con il Patriarcato dell’Ossezia del Nord (sciogliere il pugno Scritto da Kira Kovalenko, Gran Premio Un Certain Regard)

Il sistema omayyade fortemente religioso in Costa Rica (Clara Sola Scritto da Natalie Alvarez Messins).

Ritorno nella storia: L’Olocausto / L’Olocausto si è evoluto Van Cornell Mondrozo.

READ  'Donna dei miei sogni'

Una storia d’amore tra persone dello stesso sesso in un convento di suore nella Toscana del XVII secolo colpita dalla peste (Benedita Scritto da Paul Verhoeven).

E in una bella lirica piccolo corpo Piena di talento, Laura Smani, una giovane madre porta una scatola sulla schiena con il corpo del suo bambino nato morto intorno al 1900 dal Friuli, nel nord Italia, in una zona dove suo figlio può ancora essere battezzato.

Altre sante case demolite con perizia: lo show televisivo del mago/The Press in Francia. Anche se il regista Bruno Dumont non vuole dire di aver presentato alla stampa un quadro desolante.

in un Spedizione francese Wes Anderson prende in giro i capricci del comitato editoriale di una rivista americana fittizia nella Francia degli anni ’50.

JFK, la CIA e Oliver Stone

Una gran parte del giornalismo divulgativo serve Oliver Stone in JFK Revisited: Attraverso lo Specchio. Trent’anni dopo la sua grande epopea politica JFK Più di 55 anni dopo i fatti, Oliver Stone presenta il suo punto di vista sull’assassinio dell’allora presidente degli Stati Uniti JF Kennedy. Il discorso di riferimento di Kennedy all’inizio del suo mandato in cui ha affermato di volere la pace per tutti, non solo per gli americani, è servito come standard. E si scopre che è una brutta rana nella cellula dell’intelligence, la CIA in primo luogo. Così è la massiccia pressione militare-industriale, per non parlare della massiccia e potente lobby degli armamenti.

Ad esempio, Kennedy, che vide i Viet Minh espellere i francesi dall’Indocina, non era interessato ad avere forze americane in Vietnam. Voleva la pace con il leader cubano Fidel Castro e il rilassamento con l’Unione Sovietica, in questo caso Nikita Krusciov. Kennedy voleva anche il rilascio del leader congolese Patrice Lumumba, anche se il predecessore di Kennedy, Eisenhower, aveva ordinato la liquidazione di Lumumba.

persona indesiderata

In altre parole, al tempo dell’attentato a Dallas nel novembre 1963, il messaggero di pace Kennedy era una persona non grata agli occhi della CIA, dell’esercito americano e dell’industria degli armamenti. Due giorni prima che Kennedy fosse insediato come 35esimo presidente degli Stati Uniti, Lumumba fu consegnato ai suoi avversari, incluso Mobutu. E la prima cosa che fece il successore di Kennedy, LB Johnson, fu eliminare la frase di non schierare le forze statunitensi in Vietnam nel decreto presidenziale di Kennedy.

Stone ha anche alimentato il rapporto della Commissione Warren – con Gerald Ford come il perdente – da cui sono stati chiariti tutti i dubbi per poter identificare Lee Oswald come l’unico assassino. Stone confuta questa conclusione e si riferisce in molte parole alla CIA come un ragno nel complotto dell’assassinio. Nella stessa settimana dell’attentato a Dallas, furono sventati altri due complotti contro Kennedy. Secondo testimoni oculari – il giornalista francese Jean Daniel – Fidel Castro ha balbettato quando ha saputo della morte di Kennedy: “Che brutta cosa!” (“Che male!”), Il leader egiziano Nasser era dispiaciuto e Krusciov si asciugò una lacrima in segno di tributo. Stone apporta molti nuovi elementi, rivelando l’intero meccanismo di un complotto della CIA che si chiede perché la stampa americana in particolare non presti più attenzione a queste scoperte di Stone & co.

READ  FabriekPanel: The Journey to Greece

nazismo

In The Revolution of Our Time, lo storico Kiwi Chau ha scritto molto sulle proteste di strada pacifiche a favore della democrazia di 2 (su 7 milioni) residenti dell’ex colonia britannica di Hong Kong, che furono estradati in Cina nel 1997. Iniziarono le manifestazioni di massa nella seconda metà del 2019 La protesta è culminata con l’occupazione di 12 giorni del Politecnico. I giovani manifestanti stanno cercando in tutti i modi di difendersi dalla brutalità sempre più brutale e sproporzionata della polizia. Senza risultato!

Secondo la legge sulla sicurezza nazionale cinese del 2020, gli “attivisti” possono essere arrestati e condannati a 10 anni di carcere. Utilizzando fotografie e testimonianze impegnative, Zhao mostra lo sviluppo della protesta e come la violenza della polizia è degenerata nel caos, con i manifestanti che esprimono la loro rabbia e impotenza presso le banche cinesi. Improvvisamente il concetto di “cinese” è apparso sul muro e un testimone lo ha spiegato così: “La Cina prende prima Hong Kong e poi Taiwan. In questo modo, l’attuale uomo forte Xi Jinping può passare alla storia come il più grande leader cinese. “

Omicidio di massa in Ucraina

Infine, il documento storico è stato fantastico bambino, anno. KontexR di Serge Loznitsa sul massacro di 33.771 civili ebrei a Babi Yar, in Ucraina, il 29-30 settembre 1941, da parte delle Einsatzgruppen tedesche. Non ci sono immagini del massacro. Le autorità naziste hanno vietato qualsiasi telecamera o telecamera sul luogo dell’esecuzione. Il montaggio è il risultato della ricerca di Loznitsa negli archivi tedeschi, russi e ucraini per un lungometraggio sugli eventi di Babi Yar, al quale ha lavorato per 8 anni. Ha guardato dozzine di ore di filmati girati da ufficiali tedeschi nelle terre sovietiche occupate dal 1941 al 1943. Mostra una desolante immagine in bianco e nero di questi bui anni di guerra. Apprendiamo, tra l’altro, che l’ingresso dell’esercito tedesco in Ucraina è stato inizialmente salutato da parecchi ucraini come un’emancipazione da Stalin.

*La maggior parte dei film adattati uscirà nelle sale nei prossimi mesi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24