Finale Miglior Calcio Italia dopo i rigori contro la Spagna

L’Italia è in finale dell’Europeo dopo che è finito il rigore decisivo di Jorkinho, quasi sepolto in vantaggio con i giocatori della squadra.Immagine AFP

Danny Olmo (over) e Morata (fermo) mancavano agli spagnoli, e la Morata di tutti, in alternativa al pareggio, è stata quindi criticata e talvolta celebrata in Spagna. C’è stata una sola miss da Locatelli all’Italia. Jorkinho ne ha preso uno decisivo con il suo caratteristico salto. L’Italia è finalista.

Italia – La Spagna era un sapore dell’Europa meridionale, ma allo stesso tempo dolce e salato. Tale cibo ha un sapore sempre migliore, anche a stomaco pieno. La Spagna, insieme al diciottenne Petri, era forte come regista di talento. L’Italia ha guardato principalmente al bancone e ha lottato per ogni metro. Il risultato è stato imprevedibile, il prolungamento è stato il buon dolce di una semifinale: avvincente, con stili diversi, armi a bordo, sportivo e tecnicamente avanzato. Con lacrime, gioia e dolore.

Un’ora dopo l’Italia passa in vantaggio, ma il pareggio di Morata è inevitabile. Per il semplice motivo che la Spagna ha giocato il miglior calcio, l’Italia, squadra d’attacco dell’Europeo, è stata costretta a interrompere la routine fino a martedì. La Spagna, i re a loro disposizione, sono quindi tecnicamente dotati. Passare la palla è stato elevato a forma d’arte. Poi, largo ea tratti profondo, soprattutto quando c’è Petri al ballo, il ragazzo che collega la sua bella mente aperta alla classe.

Quasi sempre accetta bene, sta alla larga, gioca al giusto ritmo, davanti all’uomo, ogni tanto aspetta. Come un torero senza paura delle corna, quasi con la palla ai piedi. Ha avuto un’ottima prima stagione a Barcellona, ​​​​una festa per i suoi progressi nel calcio nazionale agli Europei. Accanto ai vecchi maestri di basket c’è un maestro di allenamento, capitano, mentore e leader con la sua eccellente intelligenza sportiva. Tenevano per mano la Spagna.

READ  Fuori pista # 3 | Verstappen ha vinto per fortuna in Italia?

Ma martedì l’Italia ha preso un vantaggio più duro del banale. È trascorsa un’ora da quando il portiere Donarumma ha iniziato rapidamente la partita. Per il contropiede, passa quella palla. La palla è passata velocemente a sinistra, passando poi per il 23enne triplete della Juventus Federico Cisa.

Nell’angolo più lontano

Sisa può tirare ed è più veloce del pallone senza palla. Può eseguire il ping e continuare a correre. Ha fatto rotolare la palla con forza da sinistra a destra, nell’angolo più lontano, mentre ha segnato splendidamente contro l’Austria una settimana fa. Poi sinistra, ora destra. Il portiere Unai Simon Wembley è temuto sull’erba, dove mercoledì verrà annunciato l’avversario in finale: Inghilterra o Danimarca.

L’Italia non ha potuto riempire il tempo. 1-0 dopo che l’allenatore della nazionale Luis Enrique ha portato in Spagna un vero attaccante, Alvaro Morata. Ha segnato con precisione, dieci minuti prima del tempo regolamentare, sulla sinistra, dopo un buon mix con l’ottimo Danny Olmo, attraverso il cuore della squadra, le guardie Bonucci e Sielini di solito non lasciano un topo.

Dal punto di vista calcistico, la Spagna si qualifica per la finale. Ah, far riposare una palla dal petri tra quelle gambe italiane, particolarissime, misurate matematicamente. Ma Oyersapal ha gestito male la palla, altrimenti avrebbe potuto segnare facilmente. Louis Enrique ha inizialmente messo da parte Morata perché sospettava che potesse fare ben poco contro il cemento armato targato Bonucci-Sielini. Ha messo in campo tre attacchi con un’azione individuale, con molta libertà.

Gli italiani non avevano tempo per costruire. La Spagna ha costretto il portiere Donarumma oi difensori centrali sui lanci lunghi, di solito l’Italia ha perso la palla dritta. Quanto agli italiani, c’erano molti occhi puntati su Emerson Palmeri in alternativa all’infortunato Spinassola contro il Belgio. Ha svolto bene il suo lavoro per lungo tempo senza eguagliare la grazia e la profondità del collega. Ma fino all’intervallo era un italiano molto pericoloso.

Entrambi i paesi hanno gareggiato con le proprie armi, che hanno elevato la competizione alla bellezza. Ci sono sempre immagini regolari di soldati italiani che si congratulano a vicenda per una mossa difensiva riuscita. Veramente una squadra, i combattenti che possono interpretare magnificamente i giocatori di calcio, non hanno avuto molte possibilità poiché Wembley era pieno di quasi 60 mila spettatori. Quell’1-1 di qualificazione aveva il sapore di una partita, per un prolungamento, ad esempio, in cui le squadre avevano ancora occasioni, ma erano soprattutto precursori dei calci di rigore. Ha vinto gli italiani tanto per cambiare perché la loro reputazione non è migliorata fino a martedì.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24