Fiori danzanti – De Groene Amsterdammer

Kerry James Marshall con vignetta (a sinistra), La caduta di Syd Paul e Barnaba, Utrecht Central Museum


©
Geert Jan van Roijk / Museo centrale Utrecht

Cartoleria Marjoline Bastine O Beatrix Potter, Dresses and Wallpaper di Laura Ashley: un riempimento di carta più leggero in un motivo floreale difficile da immaginare. ‘Niente’ Così scriveva Lili van der Stocker sotto il suo dipinto di fiori dai colori pastello. Fin dall’inizio, l’artista ha dipinto fiori, ricevendo recensioni, critiche e recensioni negative su di loro. “Il fiore era chiaramente un oggetto visivo proibito, almeno nel modo in cui l’ho usato”, ha detto quando il suo disegno del fiore è stato visualizzato in metri su un cartellone pubblicitario a Gand questa primavera.

L’insignificanza dei fiori si è rivelata il passatempo perfetto durante la prima chiusura. Gli olandesi hanno iniziato a coltivare in massa e i garden center hanno registrato vendite record. Quando i presunti negozi sono stati successivamente costretti a chiudere, ai fioristi è stato permesso di mantenere aperte le loro attività. La gestione controllata di fiori e piante sembra soddisfare un bisogno radicato. Gli artisti usano il giardino anche come fonte di ispirazione e come motivo per riflettere sulla natura, come ha fondato qualche anno fa la curatrice Lori Klotmans.

La mostra parla di cosa ne pensano gli artisti e quali forze positive e negative attribuiscono ai giardini rivoluzione botanica Nel Museo Centrale di Utrecht. È il risultato di alcuni anni di ricerca, e si vede. Le opere sono state accuratamente selezionate e la pubblicazione allegata ha dimensioni e struttura quasi enciclopediche. La galleria espone opere di artisti contemporanei, a volte realizzate appositamente per la galleria, accanto a opere di antichi maestri della collezione del museo e integrate con prestiti.

La mostra è organizzata per tema e inizia, come potrebbe essere nel Giardino dell’Eden, o meglio l’espulsione da esso. Un grande dipinto del XVI secolo di Syd Paul e Barnabas dal Museo Bonnefantin mostra Eva che porge la mela ad Adamo in primo piano. Entrambi sono sfacciatamente e sfacciatamente nudi, anche se gli animali intorno a loro trattengono il respiro.

Diagonalmente dietro a questo, in un dipinto di Kerry James Marshall, la bomba esplode e sembrano in fuga: due figure nere che corrono nude nella natura. Creato da Marshall nella serie 2003 breve articolo, Basato sulla serie del XVIII secolo di Jean-Honoré Fragonard Offri amore nel cuore di una ragazza, Ma la somiglianza visiva con Adamo ed Eva è immediatamente evidente. E il passaggio dai nudi bianchi al nero, ravvicinati, funziona magnificamente: anche il visitatore più oscuro non vede più i nudi bianchi raffigurati nelle stampe incolori di Dürer, Goltzius e Bloemaert.

READ  Queste sono le dieci migliori canzoni estive del 1985 - Notizie

L’uomo rappresenta una minaccia per la natura, o cerca invano di limitare e limitare la natura. Il riferimento biblico è corretto, come ha sottolineato Gerrit Comrigg nella sua conferenza a Huizinga nel 1990. Il titolo di quella conferenza, la necessità del giardinaggio, È anche il sottotitolo di questa galleria. Lo scrittore sosteneva che la mancanza di un creatore sarebbe stata drammatica per l’artista moderno dopo la morte di Dio, perché “l’arte vive di leggi e regolamenti”.

Il giardino svolge un ruolo importante nelle religioni. “Non c’era religione senza paradiso.” C’è amore e sepoltura, e allo stesso tempo era “un’auto-creazione della mano umana – c’era di nuovo un’analogia con l’arte”, secondo Komrig.

Artista, creatività e opere d’arte sono anche affiancati e si rispecchiano a vicenda su molti livelli in questa galleria. Le opere sono prive di segni e numeri, e la navigazione avviene con un esauriente libretto esplicativo, ma a volte è difficile da tracciare topograficamente. Il tour audio è rivolto a un pubblico con meno conoscenze di base. Ad esempio, un testo inizia con: “Ho dovuto cercare su Google come è andata esattamente la storia di Adamo ed Eva”.

A Utrecht, il tono religioso può essere visto e sentito per molto tempo. Ad esempio, in un tappeto persiano con un ornamento del paradiso, con un orto progettato dall’alto, alberi, fiori e animali possono essere visti di lato. Il tappeto viene da Parigi ma sembra un po’ trascurato a Utrecht. Per questa mostra i designer dello studio italiano Formafantasma, già di spicco nella Galleria Caravaggio/Bernini al Rijks Museum, hanno creato un sistema modulare su cui sono appese le opere d’arte e su cui poggiano. Ad esempio, ci sono pareti divisorie di blocchi rettangolari bianchi ispirati ai giardini zen giapponesi, secondo i compositori, barre nere come sistema di sospensione per i quadri, e davanti al tappeto un grande tavolino basso in truciolare dipinto di bianco. Non dovrebbe essere così bello.

A Utrecht il tono religioso si fa sentire a lungo. Come nel tappeto persiano con l’ornamento del paradiso

Certo, è rinfrescante vedere un grande dipinto di Vincent Van Gogh Gli orti di Montmartre Su un muro così temporaneo. È anche bello vedere come questo atto popolare assume un nuovo significato grazie a un ambiente diverso. La vista pianificata del lato rurale di Montmartre costituisce la fase di preparazione alla seconda parte della mostra, sul tema “Front Garden/Backyard/Allocation Garden”. Il giardinaggio renderà i lavoratori più felici, e forse anche più tranquilli, era la speranza all’inizio del secolo scorso.

READ  Dopotutto, un vecchio carro non si trova nel Camp Westerbork Memorial Center

Il modo in cui ciò avviene in pratica è ben visibile nel progetto Parla con la Terra e te lo dirà L’artista britannico Jeremy Diller. Nel 2007, per lo Skulptur Projekte di Münster, tutte le 54 associazioni di giardini designate a Münster hanno dovuto tenere un diario della natura per dieci anni. Ogni associazione ha ricevuto un grande libro in cui incollare immagini, testi ed estratti di giornali. Dieci anni dopo, il raccolto è stato così impressionante e versatile, che ha mostrato a ciascuno il proprio mini-libro. Un’associazione ha stampato e incollato le previsioni del tempo per le settimane, un’altra ha fotografato le erbacce e le patate raccolte, e una terza ha attribuito un’importanza particolare al divertimento che il giardinaggio potrebbe portare.

La maggior parte dei bouquet può essere vista nella parte della mostra chiamata The Botanical Revolution: un’esplorazione molto emozionante della storia dietro l’identificazione delle piante. Il libro di Maria Sibylla Merian sulla metamorfosi degli insetti del Suriname del 1705 è aperto alla pagina in cui descrive un fiore i cui semi le donne usano per lavorare. “Gli indiani, che non sono trattati bene quando sono al servizio degli olandesi, portano via i loro figli e non vogliono che i loro figli siano schiavi come loro”, ha detto Merian.

Diventa ancora più doloroso nel nuovo lavoro di Patricia Kersenhout, Altarif e cancellazione dov’è il ‘cancellare’ Si riferisce alla cancellazione del ruolo che le donne, in particolare le popolazioni indigene del Suriname, le donne nere e le donne giavanesi, hanno svolto nella creazione degli inventari merian. Queste donne raccolsero fiori e insetti disegnati da Merian e li portarono in Europa senza menzionare quella data. Kersenhout ha preso (repliche del) libro di Merian come punto di partenza per una serie di lavori in cui colora le stampe in colori quasi monocromi e dipinge ritratti e sagome di dipendenti anonimi nella pagina accanto. Il fiore è ancora vivo da maestri olandesi del XVII secolo come Roelant Saverij e Johannes Bosschaert è quasi divertente su una striscia orizzontale – qui sono classificati i dipinti stessi.

Questo può sembrare un po’ pesante e leggendario, ma il tono principale rimane ottimista. ‘Il nostro giardino deve essere piantato’, Voltaire ha già scritto nel suo libro Candido. Dobbiamo migliorare la nostra terra perché non accade da sé. Così, “Giardinaggio nell’Antropocene” mette in luce il cosiddetto “nuovo ambiente”, dove persone, natura e tecnologia lavorano insieme per garantire che ci sia un futuro per tutti. Henk Wildschut è stato filmato per la sua serie radicato I cespi e le piante che, in fondo, sono tanto amati nei campi profughi di Calais, in Giordania o in Tunisia. Persijn Brorsen e Margit Lukas hanno realizzato un film straordinario con cinque fiori danzanti animati digitalmente. Performance modellate perfette nei libri di Linneo, che reagiscono alla musica del pianoforte come ballerine.

READ  Chris Pratt risponde alle critiche dopo essere stato scelto come "Mario"

Henk Wildschut, opera della serie Rooted, Centraal Museum Utrecht


©
Henk Wildshot

La mostra si concentra su Sicuramente esteriormente. Ad esempio con il giardino di Maria Therza Alves nella piazza antistante il museo, fatto con semi che ho trovato intorno ai grandi porti. Così, nelle prossime settimane, la televisione locale trasmetterà una serie di programmi su piantine speciali, alberi che sono riusciti a nidificare e crescere accidentalmente in città e che ora hanno un posto speciale nella vita dei residenti di Utrecht. Gli anelli possono essere visualizzati anche sul soppalco del museo e possono essere posizionati poster speciali per posizionare le piantine desiderate su una mappa virtuale nella tua zona.

Oltre a ciò, allo spazio artistico Nest a L’Aia, la rivoluzione botanica continua in una mostra con più arte contemporanea. Titolo della mostra È possibile essere rivoluzionari come i fiori?, Si basa sull’opera omonima dell’artista francese Camille Henrot, che, come i famigerati generali giapponesi, usava la composizione floreale, o ikebana, per fornire sollievo durante un periodo difficile.

Non tutto a Nest è ugualmente accessibile, l’interpretazione indispensabile è così vagamente progettata che rimarrà un mistero per la maggior parte dei visitatori, e gli artisti e le opere d’arte sono forse in qualche modo versatili. Uno dei contributi più diretti è di Gluklya, nata a Leningrado, che lavora con il suo progetto fiori pubblicitari Registra storie e leggende sui fiori con significati politici. Ad esempio, sull’Eternal Protea, che in Sudafrica è diventato un simbolo del governo della bellezza del paese, prima e dopo l’apartheid. Gluklya disegna un fiore con ogni taglio intrecciato con un volto umano accanto, in questo caso dal fiore appare un personaggio con i capelli bianchi.

L’opera floreale di Lily van der Stocker è appesa alla parete di fondo dello spazio espositivo all’Aia. ‘Niente’ Ha sicuramente acquisito un significato diverso dopo aver visto tutti i fiori e l’arte del giardino pesantemente caricati.


Rivoluzione botanica fino al 9 gennaio al Museo Centrale di Utrecht,centraalmuseum.nl. È possibile essere rivoluzionari e amare i fiori?, t / m 19 dicembre Big Live a Den Haag,nestruimte.nl

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24