Forte calo dei prezzi dei generi alimentari dopo l’accordo sul grano, ma rimane alto | Attualmente

I prezzi alimentari globali sono ulteriormente diminuiti a luglio. All’inizio di quest’anno, hanno raggiunto livelli record a seguito della guerra in Ucraina. Il prezzo del grano in particolare è diminuito, dopo che le navi di grano dai porti ucraini hanno nuovamente navigato attraverso il Mar Nero verso la Turchia. Tuttavia, i prezzi dei generi alimentari restano elevati. Di conseguenza, una quota crescente del reddito disponibile delle persone viene spesa per il cibo e i paesi poveri sono minacciati da una crisi alimentare.

L’indice globale dei costi alimentari delle Nazioni Unite è sceso di quasi il 9% il mese scorso. L’indice è sceso al livello più basso da gennaio, un mese prima dell’invasione russa dell’Ucraina. I prezzi alimentari globali sono saliti alle stelle dopo l’invasione di febbraio, con Ucraina e Russia entrambe importanti esportatrici di grano.

I due paesi in guerra insieme rappresentano circa un terzo delle esportazioni mondiali di grano. Dopo l’invasione, molti paesi iniziarono a boicottare le merci russe, mentre merci come il grano non potevano più lasciare l’Ucraina a causa del blocco dei porti.

Su iniziativa del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, e dopo mesi di trattative, è stato raggiunto un accordo tra Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite sulla ripresa delle spedizioni da e per i porti ucraini. Da allora, molte navi mercantili hanno lasciato i porti ucraini nell’ambito di questo accordo internazionale sul grano. Anche i raccolti di mais migliori del previsto in Argentina e Brasile hanno contribuito a ridurre i prezzi a luglio.

L’indice alimentare delle Nazioni Unite si basa sui prezzi all’esportazione del mercato mondiale di materie prime come il grano e non tiene conto dei prezzi che i consumatori devono pagare nei negozi. Ad esempio, il produttore alimentare svizzero Nestlé ha aumentato i suoi prezzi nel secondo trimestre a causa dell’aumento dei costi energetici e di trasporto.

READ  Il presidente Erdogan segnala la possibilità di concludere accordi tra Mosca e Kiev | All'estero

Quindi i consumatori devono ancora fare i conti con i prezzi elevati nei negozi per i loro prodotti alimentari. Decine di milioni di persone affrontano la fame nei paesi poveri e la regione del Sahel sta affrontando la peggiore crisi alimentare degli ultimi dieci anni.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24