G7: 1 miliardo di vaccini per i Paesi poveri, niente fatica per il clima | all’estero

Il Gruppo dei Sette miliardi fornirà i vaccini Corona ai paesi poveri il prossimo anno. Durante un vertice di tre giorni questo fine settimana, ci sono state anche le necessarie critiche dalla Cina. E le organizzazioni ambientaliste deluse.




I leader delle sette più importanti nazioni industrializzate occidentali avevano un’intera agenda nella località balneare inglese di Corbis Bay. Si trattava di Corona, del clima, della Cina, della Russia, delle tasse e di tanti soldi. La questione più scottante è stata quanti vaccini le nazioni ricche del G7 (America, Regno Unito, Canada, Giappone, Italia, Francia e Germania, più l’Unione Europea) daranno alle nazioni povere.

Alla fine il contatore si è fermato a 1 miliardo. Quel numero è in circolazione da un po’, ma non era chiaro se includesse anche promesse precedenti o se fosse circa un miliardo in più. Si è rivelato il primo. Le dosi sono programmate per essere suddivise l’anno prossimo. Secondo l’OMS, sono necessarie 11 miliardi di dosi per invertire la rotta.

Cina

I paesi africani, in particolare, riceveranno 100 miliardi di dollari per rafforzare le loro infrastrutture e le loro economie. Il progetto è stato chiamato “Build Back Better for the World”. Ricevono quei soldi non solo perché ne hanno un disperato bisogno, ma anche per bilanciare la nuova Via della Seta in Cina. Inoltre, sta investendo miliardi nei paesi (poveri) per garantire che le merci cinesi raggiungano i mercati occidentali nel modo più agevole possibile. La Cina presta a questi paesi ingenti somme che difficilmente riescono a restituire e che restano quindi nella sfera di influenza di Pechino.

READ  I paesi dell'ASEAN chiedono la fine delle violenze da parte della giunta in Myanmar

Senza mezzi termini, la Cina è stata ulteriormente messa in discussione dal “rispetto delle libertà fondamentali”. In particolare, il trattamento degli uiguri, molti dei quali secondo le organizzazioni per i diritti umani sono costretti a svolgere i lavori forzati nei campi di lavoro, e le pressioni antidemocratiche su Hong Kong preoccupano il G7. Secondo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, questo era puro profitto, perché, secondo lui, non era mai stato così apertamente rimproverato dalla Cina. La Cina, non presente a Corbis Bay, non si è mostrata sotto pressione: “la politica mondiale non è determinata da un piccolo gruppo di Paesi”, così è parso a Pechino.

battuta d’arresto

È stata una battuta d’arresto che non siano stati raggiunti accordi concreti per fermare le centrali elettriche a carbone. I gruppi ambientalisti hanno riposto le loro speranze su questo, perché l’uso del carbone nell’industria è una delle principali cause del riscaldamento globale. Tuttavia, il G7 non fornirà più fondi per progetti sul carbone che non utilizzano tecnologie in cui l’anidride carbonica può essere immagazzinata. “Questo è molto deludente”, ha detto Jennifer Morgan, direttore di Greenpeace. Questo era il momento in cui il G7 poteva dimostrare una leadership storica. Hanno però lasciato un vuoto enorme».Anche qui, per vendetta perché la Cina non fa parte di questo ristretto gruppo, il Paese produce più di un quarto dei gas serra.

Guarda i video delle notizie più popolari di seguito.

READ  Il bilancio delle vittime del crollo di un hotel in Cina sale a 17

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24