Gasly ha motivo di essere deluso dopo la bocciatura della Red Bull?

Nel terzo round del Gran Premio d’Italia, una settimana e mezza fa si è conclusa una striscia positiva del team AlphaTauri Formula 1. Pierre Gasly ha dovuto fermare l’AT02 ai box per problemi, mentre il compagno di squadra Yuki Tsunoda non ha potuto partire per problemi ai freni. Questo ha reso AlphaTauri il primo punteggio zero della stagione nella sua gara di casa. Fino al Gran Premio d’Italia, la squadra è stata l’unica squadra corse a segnare punti in tutte le gare di quest’anno.

Con tutti questi punti di fila, l’AlphaTauri può lottare per il quinto posto nel Campionato Costruttori di quest’anno al fianco di Alpine e Aston Martin. La stragrande maggioranza dei punti conquistati finora, la scuderia faentina torna a Gasly, grande detentore del team Franz Tost di quest’anno. Il francese interpreta così anche il ruolo che Tost aveva assegnato al suo pilota prima della stagione. Accanto al giovane titolare Tsunoda, Gasly deve fornire esperienza, risultati costanti e regolarità dei punti che vanno a finire all’interno della squadra.

Il 25enne Gasly si è distinto più volte quest’anno, sia in gara che in qualifica. Il terzo posto in Azerbaigian è stato il momento clou, ma anche il quarto posto a Zandvoort è stato emozionante. Quindi è strano a dir poco strano che il nome del pilota di Rouen non sia mai stato menzionato una volta nella ridicola stagione annuale di F1 Il francese avrebbe dovuto semplicemente rimanere e l’anno prossimo potrebbe essere rilasciato di nuovo per l’AlphaTauri. Un ritorno alla Red Bull o un passaggio ad un’altra scuderia non è stato preso in considerazione per un momento. Quindi non è stata una sorpresa quando è stato annunciato il 7 settembre che Gasly avrebbe guidato anche la squadra da Faenza l’anno prossimo, soprattutto dopo che Sergio Perez aveva già firmato un nuovo contratto per la Red Bull per il 2022 pochi giorni prima.

Gasly vuole una seconda possibilità alla Red Bull

Questo ci porta a chiederci quali saranno le opzioni per Gasly in futuro. Qualcosa che i francesi avevano già chiesto. Ha spesso detto ad alta voce che pensava di meritare una seconda possibilità con la Red Bull. Sicuramente dopo aver battuto il Monza un anno fa, la fame di altre vittorie è aumentata. Questa fame – francamente – non soddisferebbe una squadra come AlphaTauri.

READ  La borsa di New York guadagna nettamente dopo i dati trimestrali delle banche

In una conversazione con il connazionale Jean Alessi – proprio come un vincitore del Gran Premio di Formula 1 Gasly, Gasly ha recentemente dichiarato davanti alle telecamere Canale + La sua insoddisfazione: “Con i risultati che ho ottenuto quest’anno, per tutti i piloti della Toro Rosso e dell’Alfa Touri sto correndo la migliore stagione da quando il team ha iniziato in Formula 1 quindici anni fa. E non sono ricompensato per questo, ” ha detto Gasly. “È vero che da un lato è un po’ vergognoso e frustrante, ma dall’altro è così. Non ho alcun controllo su questo genere di cose. Purtroppo non dipende da me”.

Il testo continua sotto l’immagine.

Pierre Gasly, AlphaTauri, Max Verstappen, Red Bull Racing

Foto di: FIA Pool

Questa frustrazione è alimentata principalmente dal fatto che Helmut Marko ha trovato Gasly troppo leggero nel 2019 come compagno di squadra di Max Verstappen alla Red Bull Racing dopo dodici gare. Il francese è stato sostituito dopo la pausa estiva da Alexander Albon, che a sua volta ha dovuto far posto all’arrivo di Sergio Perez lo scorso inverno. Il fatto che il messicano abbia già in tasca un nuovo contratto per il 2022 fa pensare che il pilota di Guadalajara sia all’altezza delle aspettative della Red Bull. Tuttavia, Gasly lo ha pensato di recente: “Quando vedi la sua prestazione, specialmente a Zandvoort dove è morto nel primo quarto ed è finito ottavo dietro al suo compagno di squadra domenica e ha preso il titolo di pilota della giornata, ci sono alcune cose. abbastanza capirlo.Gasly ha detto della prestazione e dell’estensione di Perez.Contratto.

Perez, a sua volta, ha ammesso pubblicamente più volte di avere difficoltà con l’RB16B. Il gioco instabile della Red Bull richiede uno stile di guida feroce senza pari in Max Verstappen, ma come Gasly e Albon, anche il più esperto Perez fatica a dominarlo. Ovviamente dai un’occhiata al numero di punti segnati a favore di Perez. Nelle prime dodici gare del 2021, il messicano ha segnato 104 punti e una vittoria a Baku. Al Gasly, il contatore era a 63 punti nel 2019 quando ha dovuto liberare il campo dopo dodici gare.

READ  Novità Corona: il settore giovanile minaccia con nuove misure

Perez e Gasly sono uguali?

Tuttavia, non è del tutto giusto confrontare la situazione di Gasly con quella di Perez. Ad esempio, quest’anno ha un’auto sotto il posteriore che reagisce in modo più prevedibile e dovrebbe anche finire tra i primi quattro ogni fine settimana, ed è questo il vantaggio di Red Bull e Mercedes quest’anno sul resto del gruppo. Quando ha guidato Gasly alla Red Bull nel 2019, anche la Ferrari è stata coinvolta nella lotta davanti, così che il francese – in teoria – aveva più concorrenza nella lotta davanti. Anche il confronto con i risultati di Max Verstappen la dice lunga. Il Limburger sta lottando per il titolo mondiale quest’anno, è stato il più veloce in qualifica cinque volte nelle sue prime 12 gare e ha vinto metà delle gare. È stato tre volte secondo e nelle altre tre gare (Azerbaigian, Silverstone e Ungheria) ha avuto almeno la possibilità di salire sul podio. Nel 2019, dopo dodici gare, Verstappen ha ottenuto un solo posto, due vittorie e altri tre podi.

Mentre annunciava la sua estensione del contratto, Christian Horner ha elogiato il modo “liscio” in cui Perez ha collaborato con Milton Keynes. Il messicano è stato anche elogiato come giocatore di squadra. Era già in grado di svolgere questo ruolo in modo eccellente durante il Gran Premio di Francia, ed è stata anche l’unica altra gara in cui Perez è finito sul podio in questa stagione oltre alla sua vittoria a Baku. In altre gare, proprio come Gasly nel 2019, Verstappen ha avuto poca utilità per i servizi del messicano.

Il testo continua sotto l’immagine.

Pierre Gasly, AlphaTauri AT02, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B

Pierre Gasly, AlphaTauri AT02, Sergio Perez, Red Bull Racing RB16B

Fotografia: Andy Hoon / foto di sport motoristici

Con l’avvicinarsi delle nuove regole per il 2022, secondo lo stesso Perez, c’è una “grande possibilità” il prossimo anno. Poi tutti i piloti ripartono da zero con vetture nuove, mentre il carattere capriccioso e capriccioso della Red Bull (forse) appartiene anche al passato. Potrebbe essere un altro schiaffo in faccia per Gasly, che dovrà aspettare pazientemente le sue possibilità anche il prossimo anno ad AlphaTauri. Tuttavia, il 2022 offre anche le opportunità necessarie per il francese. Se può anche prendere per mano AlphaTauri nella battaglia competitiva nella classe media il prossimo anno, ha il diritto di parlare ancora nella speranza di promuovere in Red Bull nel 2023, o forse in un’altra squadra se si presenta l’opportunità. Inoltre, il tempismo di un ritorno in Red Bull nel 2023 potrebbe essere perfetto: l’auto potrebbe essere un po’ più facile da guidare, mentre Gasly è molto più anziano ed esperto di quanto non fosse durante il suo primo periodo a Milton Keynes.

READ  La polizia italiana arresta i leader del partito di estrema destra dopo le proteste di Corona

Sperando pazientemente in una nuova opportunità nel 2023

Lo stesso boss della Red Bull Christian Horner ha già dichiarato di non voler escludere il ritorno di Gasly. “Sta guidando ad un livello molto alto. È ancora molto giovane e sta facendo bene. Abbiamo diverse opzioni per il 2023, ed è esattamente quello che vogliamo se ti trovi nella situazione in cui ci troviamo”, ha detto Horner.

Se quell’opportunità non si presenta alla Red Bull, sarà una grande sfida per Gasly mettersi sotto i riflettori con altri top team, che spesso hanno investito anni nello sviluppo dei propri talenti. Tuttavia, in AlphaTauri è attualmente il più brillante e si mostra anche ad altri team come leader della squadra e vincitore della gara che può esibirsi in modo coerente.

Per ora può essere frustrante non premiare questi traguardi, ma nel prossimo futuro potrebbero aprirsi le porte che il giovane francese spera così disperatamente. Fino ad allora può solo fare del suo meglio, ma lo stesso Gasly lo sa benissimo: “Alla fine è proprio così. Non dipende da me e posso concentrarmi solo sulla mia missione e continuare a fare del mio meglio per la squadra e per me stesso”. Sono sicuro che prima o poi pagherà con un’opportunità in una squadra di alto livello”.

Leggi anche:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24