Gelateria Milano ad Amsterdamsestraatweg

Utrecht ha una ricca tradizione di gelati. Molti italiani sono venuti a Domstad nel corso del XX secolo per aprire gelaterie. È stata una pioniera della famiglia Di Lorenzo a Venezia. Furono presto seguiti dalla famiglia Bindi alla gelateria di Milano e dai Pravisani alla gelateria Roma (originariamente conosciuta come Aroma) a Zuilen.

Guido di Lorenzo, originario del Cadore, si stabilì a Utrecht nel 1928. La sua gelateria era inizialmente in Forerstraat 80, poi in Janskerkhof e dal 1943 in Forstraat 8. Mentre il figlio Carlo vi continuava la sua attività, il fratello Italo (anche campionessa di bob) si è ramificata a Oudegracht nel 1971. Oggi c’è solo la gelateria della figlia Italo Romana, mentre la gelateria Forstrat ha chiuso nel 2011. Ma attraverso Carlina de Lorenzo e suo marito Roberto Coletti, la tradizione è continuata al Poortstraat, con successo internazionale. Gli interni retrò di Voorstraat ora costruito Al Museo all’aperto di Arnhem. Il 6 e il 13 giugno, RTV Utrecht mostrerà un file documentario “La famiglia De Lorenzo, tre generazioni di gelatieri”.

Famiglia Bendick

Guido de Lorenzo è stato per breve tempo l’unico gelatiere italiano a Utrecht. Nel 1934 Ottavio Bindi fondò la propria fabbrica di gelati alla fine di Gruttersdijk. Una fila di magazzini con appartamenti all’ultimo piano è stata appena costruita sul sito di Zeepfabriek ‘t Scheprad dall’architetto Peter van der Wart (1901-1985). Bindi veniva da Bagni di Lucca in Toscana, un’altra regione da cui i gelatieri arrivavano in Olanda, così come la famiglia Tofani nelle gelaterie di Amsterdam. Nel 1935, il 27enne Ottavio Binde sposò Geir van der Steig. Matrimonio privato, fin dalla prima generazione di italiani di solito “portano” le proprie mogli dall’Italia. Ottavio e Gere gestivano insieme la gelateria, inizialmente tramite venditori ambulanti che utilizzavano camioncini dei gelati.

READ  Il Marocco non include i porti spagnoli nell'operazione ciao estate

Fino al 1935, agli italiani fu permesso di stabilirsi liberamente nei Paesi Bassi, ma la situazione cambiò durante la crisi economica. I dipendenti italiani delle gelaterie furono riportati indietro, e gli imprenditori dovettero assumere gli olandesi. I venditori di gelati olandesi spesso imbrogliavano con denaro o qualità, motivo per cui il concorrente De Lorenzo vendeva solo il gelato della loro gelateria. Tuttavia, Bindi non aveva ancora un vero salone e chiedeva esplicitamente “venditori di gelati alla moda” negli annunci pubblicitari.

Nel 1946, Ottavio e Geir Bindi avviarono la propria gelateria in Amsterdamsestraatweg 201, un ex negozio di carta da parati. I clienti possono non solo acquistare il gelato, ma anche gustare una coupé al chiuso dall’atmosfera italiana (fredda secondo alcuni, elegante secondo altri). Originariamente chiamata La Milano, la gelateria è daching come avveniva in famiglia e anche in gelateria, dove si aggiungeva più latte delle ricette italiane. Non fu un periodo facile per avviare un simile salone: ​​subito dopo la guerra, tutti gli italiani furono considerati sudditi di un potere ostile e le loro compagnie furono messe sotto sorveglianza. La conformità, tuttavia, dipendeva dai funzionari locali e dalla buona volontà della famiglia Bindi a Utrecht.

Mario Mascali Zio nel 2001 (Archivio Utrecht)

Nuova generazione

Negli anni ’60 apparve un nuovo gruppo di italiani: lavoratori ospiti nell’industria, come Dimka e Werkspur. Venivano dal povero sud e molti proprietari di gelaterie del nord Italia preferivano che questi lavoratori ospiti non rimanessero a lungo nei loro affari quando venivano per un espresso. Questo non farà altro che scoraggiare i clienti olandesi. Ma le cose sono andate diversamente nel salone di Amsterdamsestraatweg. Mario Mascali Zyo È arrivato a Utrecht da Nicosia in Sicilia nel 1965 per lavorare presso Nederlandse Aluminium Maatschappij (ora Nedal Aluminium). Nella gelateria milanese, “con gli occhi scuri”, ha conquistato il cuore di Gigsbertha Bindi, impegnata negli affari dei suoi genitori. Nel 1969 si fermò in una fabbrica di alluminio per iniziare a lavorare nella “fabbrica di gelati” di suo suocero a Gruttersdijk. Tre anni dopo, Mario e Gigsbertha hanno assunto la gestione della gelateria, poco prima della morte di Otavio nel 1974. Potrebbero festeggiare il loro 50° anniversario nel 1984, quando fu realizzata una targa di vetro con i nomi delle due generazioni e un’immagine di Duomo di Milano.

READ  Le società di bilancio falciano il prato ai piedi del retro dell'Alitalia

Quando Mario e Gigsbertha si avvicinarono alla pensione nel 2001, non c’erano bambini che volessero continuare a lavorare in gelateria. Con il cuore triste hanno offerto in vendita l’opera in Amsterdamsestraatweg. “Grazie clienti”, si leggeva a grandi lettere davanti alla finestra. Mario ha continuato a fare il gelato su piccola scala a Gruttersdijk. Un dramma è accaduto lì nel 2005: sua suocera, Gere Bindi, è stata uccisa all’età di 93 anni, il che è controverso. Cosa che non è stato ancora risolto. Nelle lettere su “Nonna Bindi” viene elogiato il suo carattere sociale, ad esempio, spesso dava il gelato gratuito ai “bambini poveri”.

Amsterdamsestraatweg 102, 2001 (Archivi Utrecht)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24