Glaciologo sul dramma valanghe Italia: il caldo record ha dato l’ultima spinta

Un luogo in cui i cambiamenti climatici possono essere visti più chiaramente sono le montagne. I ghiacciai stanno diventando più piccoli e c’è meno ghiaccio e neve. La temperatura continua a salire.

Un ghiacciaio è una grande massa di ghiaccio che si è formata in molti anni sulle montagne. “Più sali in alto, più fa freddo. Ecco perché puoi avere ghiacciai a quella quota”, spiega il glaciologo Altena.

Ma le temperature più calde della media spesso causano problemi. Ovviamente se queste temperature persistono troppo a lungo, c’è un rischio maggiore di “ghiacciai pensili instabili”, come li chiamano gli esperti.

Molti alpinisti e alpinisti hanno immortalato il dramma delle valanghe in Italia:

Escursionisti intrappolati in una valanga dopo la rottura del ghiacciaio in Italia La ricerca deve ancora determinare cosa sia successo ieri nelle Dolomiti, ma ci sono buone probabilità che il cambiamento climatico abbia avuto un ruolo, pensa Altena.

“Di solito la temperatura è gelida. Ma negli ultimi giorni le Alpi sono state molto calde con una differenza di dieci gradi. Sembra che l’acqua di disgelo abbia costretto questo ghiaccio a uscire dalla montagna. È possibile. L’ultima spinta deve essere l’arrivo del ghiacciaio fuori uso.”

Vediamo il cambiamento nel corso degli anni

Jelle Staleman è un’esperta guida sciistica e alpina ed è in montagna da oltre vent’anni. Anche lui ha visto gli effetti del cambiamento climatico negli ultimi anni. “La ritirata del ghiacciaio ne è l’esempio più ovvio.”

Secondo Stallman, lo si può vedere chiaramente, ad esempio, nei rifugi di montagna. “Quelle capanne sono state costruite sul bordo di un ghiacciaio tra il 1850 e il 1900. Non ci sono più”.

READ  Il Twente può prenotare i biglietti per l'Italia dopo una semplice vittoria in Serbia

La guida alpina era ancora sulle Dolomiti una settimana e mezza fa, a mezz’ora di macchina dalla Marmolada. Lì ha presentato uno dei suoi corsi, in cui si è sempre concentrato sui cambiamenti climatici. “Sto cercando di rendere le persone più consapevoli al riguardo. Alcune persone non si rendono conto della velocità con cui i ghiacciai si stanno sciogliendo”.

“Una volta ho lavorato con studenti in Austria per stimare quanto il ghiacciaio si fosse ritirato in quella zona”, dice. “Sono necessari circa dieci metri di ghiaccio per fare un metro di ghiaccio. Quindi 200 metri di ghiaccio corrispondono a circa 200 inverni in cui il ghiacciaio si è ridotto di 200 metri in pochi anni”.

Ben preparato per la strada

Dopo un dramma come quello delle Dolomiti, sorge sempre la domanda: si sarebbe potuto prevenire? “Ci sono alcuni ghiacciai noti per essere pericolosi”, afferma Altena. “Quindi sono chiusi o monitorati molto da vicino”. Non così con la marmellata.

“Come escursionista, devi sempre considerare se è sicuro andare”.

Stallman può confermarlo. “Ad esempio, guardi in anticipo il bollettino delle valanghe e del tempo, analizzi la pendenza del pendio, vedi cosa fa la neve. Ci sono tutti i tipi di fattori che determinano se qualcosa è pericoloso o meno, e devi crearne uno buono . Una decisione in merito. Anni di formazione.

Ma anche un alpinista esperto sa che, nonostante anni di allenamento, una valanga ti sorprenderà sempre. “La valanga della Marmolada è stata una valanga di neve e difficile da prevedere anche con molta esperienza e conoscenza”.

READ  Italia v Regno Unito: sei paesi per le donne 2021 - Lunga vita! | Gli sport

Stallman, infine, fa notare che, nonostante gli eventi in Italia, non c’è da preoccuparsi. “Le montagne sono spesso nelle notizie quando accade qualcosa di tragico. Ma se si considera che milioni di persone camminano e scalano montagne ogni anno, non è così male. Le montagne sono molto sicure se sai cosa stai facendo. Ma la sicurezza al 100% può non essere garantito.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24