Gli americani abbandonano la cruciale base afghana a Bagram

L’esercito americano ha compiuto un grande passo nel ritiro dall’Afghanistan: la base aerea di Bagram, per molti anni simbolo della presenza statunitense nel Paese, è stata consegnata alle forze armate afgane.

I dettagli del trasferimento non sono stati resi noti per motivi di sicurezza. Secondo gli ultimi dati, nel Paese vi sono ancora tra i 2.500 ei 3.000 soldati statunitensi. Il cambio di proprietà di Bagram indica che il ritiro sta volgendo al termine.

Anche altre forze Nato hanno lasciato il Paese nei giorni scorsi: con trasferire la bandiera Si era chiuso una settimana fa che dopo vent’anni era cessata la presenza olandese in Afghanistan. Anche Germania, Italia, Belgio e altri cinque paesi della NATO hanno concluso le loro missioni questo mese, spesso con modeste celebrazioni. Ciò significa che la maggior parte dei 7.000 soldati della NATO non statunitensi hanno lasciato il paese.

anomalia complessa

Dopo gli attacchi dell’11 settembre, gli Stati Uniti hanno invaso l’Afghanistan con gli alleati della NATO per porre fine al regime talebano che ospitava il leader di al-Qaeda Osama bin Laden. L’ex aeroporto sovietico di Bagram, a un’ora di macchina dalla capitale, Kabul, è diventato la più grande base militare americana.

Dentro e intorno al complesso di 75 miglia quadrate ci sono due eliporti, hangar rinforzati che possono ospitare centinaia di aerei, un ospedale da cinquanta letti con tre sale operatorie e dozzine di altri edifici. Negli anni vi hanno risieduto circa 100.000 soldati americani. In tutto, più di 800.000 americani hanno prestato servizio nella guerra più lunga che il paese abbia mai visto.

READ  Combattimenti in Myanmar vicino al confine thailandese, la milizia rivendica il sequestro di una postazione militare | proprio adesso

Gli americani hanno anche istituito una prigione a Bagram per sospetto terrorismo, ma in precedenza era stata consegnata agli afgani. Il complesso è diventato famoso a causa di segnalazioni di organizzazioni per i diritti umani di tortura e sparizioni. Centinaia di persone sono ancora detenute.

Torna il 4 luglio

Presidente Trump L’ho promesso l’anno scorso di ritirare le forze statunitensi entro il 1 maggio 2021 in un accordo di pace con i talebani. Il suo successore Biden ha posticipato tale scadenza all’11 settembre di quest’anno, ma il Pentagono ha precedentemente lasciato intendere che vorrebbe avere il maggior numero possibile di cittadini a casa per la pausa del 4 luglio.

Negli ultimi mesi, gli americani hanno lavorato duramente per rispettare tale scadenza. La scorsa settimana è stato annunciato che erano già stati effettuati 763 voli per il trasporto di materiale. Gli afgani vicino a Bagram hanno riferito di frequenti esplosioni, che probabilmente hanno distrutto edifici e attrezzature.

Il ritiro non significa affatto che non ci saranno più americani in Afghanistan. Circa 650 soldati sono ancora schierati per proteggere il complesso dell’ambasciata a Kabul. Devono essere conclusi accordi anche sulla sicurezza dell’aeroporto internazionale della capitale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24