Gli anelli di Saturno si sono formati dallo schianto della luna

Ci sono più pianeti con lune di quanti non ci siano pianeti. Ma anche quanti anelli? Saturno ha dovuto fare a meno di lui per molto tempo. Finché qualcuno non ha perso lo stomaco.

E se il nostro pianeta, come Saturno, avesse degli anelli? Sarebbe uno spettacolo meraviglioso. La nostra familiare vista lunare svanirà. Alla nostra latitudine, avremmo una visione costantemente inclinata degli anelli, giorno e notte, perché poi si allineerebbero ordinatamente attorno all’equatore. Insieme formeranno un enorme arco bianco brillante che illumina il cielo. Puoi anche vedere un LP bianco come la neve.

Si scopre che l’idea di un anello terrestre non è pazza nuova ricerca Agli anelli di Saturno apparsi sulla rivista di settore la scorsa settimana Scienze. Perché gli anelli conosciuti potrebbero essersi formati dopo che la luna di Saturno si è avventurata vicino al suo pianeta genitore ed è stata ridotta a brandelli nel processo. Si dice che da allora alcuni resti della Luna abbiano fluttuato intorno a Saturno, in sette anelli concentrici. Inoltre, si dice che gli anelli siano relativamente recenti, con un’età al massimo di duecento milioni di anni. Questo mentre Saturno, come la Terra e il resto del sistema solare, ha un orologio di 4,6 miliardi di anni.


Come sarebbe la terra con gli anelli.

Foto: rr

Torniamo sulla Terra per un momento, perché lo scenario della formazione dell’anello ci ricorda un evento simile nella storia del nostro pianeta. Secondo la cosiddetta teoria di Theia, un protopianeta errante (Theia) si sarebbe scontrato con la giovane Terra 4,5 miliardi di anni fa, all’inizio del sistema solare. Durante questo impatto, grandi quantità di materiale dalla Terra (e da Thea, che non è sopravvissuta all’impatto) sono state lanciate nello spazio. La luna sarebbe stata creata da esso. Ma: se questo materiale non si fosse raggruppato nel nostro satellite naturale, avrebbe potuto anche formare degli anelli. Anche se questo non è il caso in Scienzearticolo, ma ci sembra una conclusione corretta. E mentre siamo sulla via della speculazione, ciò che non è possibile può ancora arrivare. Se un giorno la Luna diventa sbilanciata e comprime la Terra, gli anelli possono ancora formarsi, anche se non è una buona cosa per tutti noi sopravvivere.

Ghiaccio non rocce

Ma Saturno. L’età degli episodi è sempre stata dibattuta. Un’ipotesi afferma che gli anelli siano sempre esistiti – leggi: dalla nascita del pianeta – e che siano stati i luoghi di nascita di molte delle lune più piccole del pianeta (a proposito, Saturno non ha carenza di lune con 53 lune confermate). Un difetto in questa ipotesi è che gli anelli oggi sono costituiti in gran parte da grandi e piccoli blocchi di ghiaccio, mentre la formazione della Luna richiede che ci siano anche molti pezzi di roccia tra di loro. L’altra ipotesi afferma che gli anelli sono molto più piccoli, al massimo alcune centinaia di milioni di anni, supportati dalle misurazioni della quantità di polvere di meteoriti che hanno raccolto. Questa seconda ipotesi è ora in fase di attuazione Scienze Una forte spinta alla schiena. Perché una delle conclusioni dell’articolo è che gli anelli hanno al massimo 200 milioni di anni. Ma lo scenario in esso descritto è sostanzialmente decisivo. In essa non nascono lune dagli anelli, come nella prima ipotesi, ma, al contrario, nascono dagli anelli dalle lune. O meglio: da una luna.

pendenza raddrizzata

Tuttavia, gli autori dell’articolo, ricercatori planetari americani, si sono concentrati non direttamente sugli anelli, ma sull’angolo di inclinazione con cui Saturno ruota sul suo asse rispetto al piano orbitale della sua orbita attorno al Sole. Quell’angolo è di circa 27 gradi, un po’ più inclinato della Terra, ma potrebbe non essere sempre così, secondo un nuovo modello che i ricercatori hanno sviluppato per Saturno, basato in parte sui dati della missione Cassini sul pianeta. . Quando si era appena formato, Saturno era inclinato di meno di 10 gradi. Ma la combinazione della lenta fuga di Titano, la cui orbita attorno al suo pianeta genitore si sposta di dieci centimetri all’anno, e le fluttuazioni nell’orbita del lontano pianeta Nettuno, avrebbe spinto Saturno sempre più lontano indirettamente. Fino a quando il contatore non ha raggiunto i 36 gradi e qualcosa deve aver causato uno spostamento drastico: Saturno ha improvvisamente iniziato a strisciare all’indietro in posizione verticale. Secondo i ricercatori, l’inversione è stata causata dall’eclissi lunare. Ciò ha causato instabilità nel sistema finemente sintonizzato del pianeta e delle sue lune, consentendo a Saturno di sfuggire all’influenza di Nettuno.

La Luna Perduta era simile per dimensioni e composizione a Giapeto, una delle più grandi lune di Saturno fatta quasi interamente di ghiaccio. La palla di ghiaccio potrebbe essere volata nello spazio, ma è anche caduta preda della gravità del gas gigante. Alcuni dei detriti della luna di Saturno sono scomparsi, quindi un’altra parte potrebbe aver ricevuto nuova vita come anello del pianeta.

READ  Mike ha vagato per settimane con la scabbia: "Piangeva ogni notte per il prurito"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24