Gli astronomi pubblicano la più grande immagine nel vicino infrarosso del telescopio Hubble – IT Pro – News

Bello sviluppo di nuovo! Continua il lavoro, NASA!

Cosa mi chiedo (e questi ragazzi sono più intelligenti di me, quindi l’hanno effettivamente disattivato):

– Quante galassie “doppie” ci sono in queste immagini? †
Perché in teoria potrebbe esserci un’immagine di 10 miliardi di anni fa e un’altra versione poco meno di 1 miliardo di anni fa?
O come funziona?

Se ci sono sistemi duplicati nell’immagine, potrebbe essere perché ad esempio sono entrati nel campo visivo del telescopio più volte mentre stavano scattando foto. (ad esempio, il telescopio x day ha fotografato una certa parte e il telescopio day x ha fotografato la parte adiacente con qualche sovrapposizione)

A modo tuo, direbbe che in teoria noi umani abbiamo improvvisamente fatto un salto di 9 miliardi di anni tra lo scatto di una galassia di un miliardo di anni e lo scatto della stessa galassia che ora ha 10 miliardi di anni. Ecco come funziona ID. Non. : Dott

Non possiamo vedere una galassia “diventare grande” oltre il periodo in cui possiamo osservarla, quindi in 10 anni possiamo osservare lo stesso sistema quando ha 10 miliardi + 10 anni.

Pensalo come due punti su un righello molto lungo chiamato “tempo”: tu (noi) siamo in un punto e la galassia è in un punto, molto distante. Entrambi avanzano nel tempo ma la distanza tra loro non cambia (in effetti cambia*, ma non abbastanza velocemente da percepire “improvvisamente” la stessa galassia 9 miliardi di anni più giovane o più vecchia)

Pertanto, la nostra posizione temporale è più o meno la stessa di quella al momento del sistema osservato, e la posizione – o l’età di quel sistema in cui possiamo osservarlo – è determinata dalla distanza tra noi e il sistema (e alcune variabili come l’effetto di lente gravitazionale di oggetti massicci tra l’osservatore e l’oggetto osservato.)

READ  "Gli scienziati sono sotto forte pressione" - Wel.nl

È un po’ semplificato e c’è di più, ma mi piace usare questa analogia perché mostra anche in modo chiaro che tempo e spazio sono intrinsecamente intrecciati…

* L’universo ovviamente non è statico, lo sappiamo da molto tempo, le cose si muovono anche l’una rispetto all’altra e rispetto a noi, e questo può essere visto dal fenomeno del blue shift (avvicinamento) o del redshift (allontanandosi da noi) . A seconda che l’oggetto si avvicini o sia lontano, cambia la frequenza della luce che riflette o irradia all’osservatore (difetto dopple)

Si tratta anche di leggere “l’immagine nel vicino infrarosso” nel titolo dell’articolo. Sono spesso gli oggetti più distanti da noi osservabili nello spettro della luce invisibile e, poiché la maggior parte di essi si allontana ancora da noi, si trovano quindi sul lato infrarosso di questo spettro. Ecco perché avevano bisogno di una macchina fotografica speciale per fotografare queste cose.

(No, non sono un astronomo, ma è una specie di hobby. : Dott

[Reactie gewijzigd door YourMom op 8 juni 2022 16:49]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24