Gli elettori si stanno allontanando in massa dalla CDU/CSU e la SPD sembra vincere le elezioni

Non è ancora chiaro quale partito diventerà il più grande in Germania: la SPD è in vantaggio, ma la differenza con CDU/CSU è troppo piccola per dichiarare davvero un vincitore. È già chiaro che la Democrazia Cristiana ha subito una grossa sconfitta: si avvia al peggior risultato di sempre. Più di due milioni di elettori hanno voltato le spalle al partito dopo la partenza di Angela Merkel, questa volta mettendo la croce sui socialdemocratici e sui verdi.

Come si spiega questa enorme perdita? Anche la festa avrebbe senza dubbio cercato le stesse ragioni, ma una delle ragioni che tutti vedevano veniva da chilometri di distanza. Il leader del partito Armin Laschet ora ha commesso enormi errori, ma era chiaro molto prima: semplicemente non attrae abbastanza persone. Anche all’interno della CDU/CSU poche persone ne erano convinte.

La campagna è stata anche pesantemente criticata. All’inizio, non aveva senso e si basava troppo sul presupposto che gli elettori della Merkel sarebbero rimasti comunque con la CDU/CSU. Nel momento in cui è apparso chiaro che il partito non sarebbe vissuto in questa posizione, i democristiani hanno escogitato piani e temi, ma non hanno convinto abbastanza. Nemmeno la miriade di avvertimenti sul “pericolo rosso” che minacciava se il partito socialdemocratico di Schulz diventava il più grande non aiutava.

Elettore Schultz

Più di 1,3 milioni di elettori CDU/CSU hanno disertato per la SPD, che aveva un elettore alla camera bassa con il loro candidato, il cancelliere Olaf Schulz. Secondo un sondaggio ARD, la maggior parte di loro erano persone di età superiore ai 60 anni. Schultz apparentemente è riuscito a presentarsi come il candidato che rappresentava continuità e stabilità.

READ  Frode del vaccino Corona: migliaia di indiani soffrono di acqua salata | all'estero

Questo fa appello a persone di diversa estrazione politica. Quasi la metà degli elettori SPD indica che avrebbe votato per un altro partito senza Schulz.

Finché non viene deciso ufficialmente chi ottiene il maggior numero di voti, non è nemmeno chiaro chi può prendere l’iniziativa nella formazione. Secondo Schulze, questo compito ricade comunque sulle spalle della SPD, perché il suo partito ha vinto rispetto a quattro anni fa, e la CDU/CSU Laschet ha perso molto.

“Il Paese dovrebbe potersi riconoscere nell’esito – ha detto stasera -. Gli elettori vogliono che io sia cancelliere”. Se la SPD resta in testa, Schultz sarà il primo a indagare sulla cosiddetta Traffic Light Alliance, composta da SPD (rosso), FDP (giallo) e verdi.

Lachet vuole la Giamaica.

Le ciglia non si spingono facilmente da parte. Secondo lui, gli elettori hanno detto di non volere un governo di sinistra, ma un governo di centro. Vede un ruolo per se stesso in questo. “Gli elettori ci hanno incaricato di trovare quante più somiglianze possibili. Chiunque diventi consigliere deve riunire diversi gruppi e io sono pronto a farlo”.

Se Laschet diventa il maggiore, non è un segreto che favorisce la coalizione “Giamaica” di CDU/CSU, Verdi e FDP, che insieme compongono i colori della bandiera giamaicana.

Scrivi i numeri tre e quattro davanti a te

In effetti, i due potenziali partner della coalizione ora hanno il maggior potere: il Partito dei Verdi e il Partito liberale democratico. Sono amati sia da Scholz che da Laschet. Se raggiungono un accordo, cosa molto difficile a causa delle divergenze tra le parti, possono, per così dire, “scegliere” un consulente.

READ  Vaccinazioni "sabotate" per infermiere tedesche: quasi 9.000 persone sono costrette a ottenere di nuovo il vaccino contro la corona al di fuori del paese

Richiederanno una grande influenza, ad esempio attraverso la carica di ministro delle finanze. Il leader del partito Christian Lindner dell’FDP ha già indicato di essere molto interessato a questo. Annalina Barbuk dei Verdi preferisce un’alleanza con la Spd, ma il partito non vuole impegnarsi.

In “The Elephant Tour” su ARD, il talk show in cui tutti i leader di partito discutono i risultati nelle notti elettorali, ha detto che tutti coloro che vogliono impegnarsi maggiormente sul clima hanno il loro interesse: “La cosa più importante per noi è che la Germania debba essere climaticamente neutri nei prossimi due decenni. Siamo stati scelti da molti giovani. Non si tratta solo di misure climatiche, ma anche di proteggere un’intera generazione”.

Promettono di essere trattative dure. Nel frattempo, Angela Merkel resterà la cancelliera uscente. Se rimarrà così fino al 17 dicembre di quest’anno, sarà ufficialmente il leader del governo tedesco più longevo di sempre. Il detentore del record rimane uno dei suoi predecessori, Helmut Kohl, che ha ricoperto la carica tra il 1982 e il 1998.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24