Gli investitori privati ​​devono fare di più per affrontare il cambiamento climatico

Può essere più ambizioso con i tuoi requisiti climatici. Quello incoraggia un gruppo di investitori istituzionali, Uniti nella Net-Zero Asset Owner Alliance (NZAOA), giovedì per le società di private equity. Il gruppo, che rappresenta collettivamente 11 trilioni di dollari (10,5 trilioni di euro) di investimenti, chiede ai gestori di private equity di agire maggiormente contro il cambiamento climatico. Raccomandano una serie di misure, dalla divulgazione di quanto siano “verdi” i loro attuali investimenti alla definizione di obiettivi per la riduzione delle emissioni di gas serra.

Le 80 aziende dietro la stessa NZAOA hanno concordato che non avranno alcun investimento “inquinante” nel loro portafoglio entro il 2050. Gli investimenti in aziende o industrie che ancora emettono gas serra dovrebbero quindi essere eliminati.

Questo non si basa esclusivamente sul desiderio di un mondo vivibile. Il cambiamento climatico sta diventando un rischio di investimento, secondo gli investitori dietro NZAOA, fondata sotto la bandiera delle Nazioni Unite. Il gruppo comprende, tra gli altri, gli assicuratori Aviva e Swiss Re.

turni di investimento

C’è un motivo per cui il gruppo si sta impegnando in modo specifico con investitori privati ​​sulla loro mancanza di ambizioni climatiche. C’è il rischio che si impossessino degli investimenti “contaminati” venduti dalle società quotate. Con questa transizione in mani private, ci saranno meno regolamentazione e supervisione. Gli azionisti possono facilmente rivolgersi alle società quotate per considerazioni di sostenibilità, quindi tali società sono sottoposte a forti pressioni.

La chiamata NZAOA fa eco ai commenti del CEO di BlackRock Larry Fink. Con un patrimonio gestito di circa 8.800 miliardi di euro, questa società di investimento è il più grande investitore al mondo. Al vertice sul clima in Scozia lo scorso anno, Fink ha già messo in guardia su questi spostamenti di investimenti dal pubblico al privato. In questo caso, secondo Fink, nulla cambierà in meglio – È solo vetrinistica e greenwashing. L’inquinamento non si risolve, si trasmette solo agli investitori privati.

READ  Dispensa di successo di antidepressivi con la psicoterapia

Leggi anche: Il gigante degli investimenti BlackRock: Caro CEO, guarda oltre i prezzi delle azioni

Fink parla da tempo dei rischi per le aziende che non riescono ad affrontare il cambiamento climatico. Nella sua commovente lettera annuale ai vertici aziendali, critica i manager che credono che gli azionisti siano interessati solo al profitto a breve termine. Anche gli azionisti lo vogliono Svolgono un ruolo nella riduzione delle emissioni globali, afferma Fink. “Ogni azienda e ogni settore subiranno una trasformazione a seguito del passaggio a un mondo climaticamente neutro. La domanda è: guiderai o seguirai?” […] Se il tuo dominio cambiasse, sceglieresti la via del dodo o quella della fenice? “

NZAOA avverte inoltre che gli investitori privati ​​non possono più “nascondersi nell’ombra”, ha detto un coautore della chiamata all’agenzia di stampa finanziaria Bloomberg. Pertanto, gli investitori dietro NZAOA chiedono che il private equity sostenga obiettivi “net zero”, inclusa la riduzione dell’uso di combustibili fossili e delle emissioni di gas serra.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24