Gli Stati Uniti, il Regno Unito e Israele accusano pubblicamente l’Iran di aver attaccato la petroliera, cosa che Teheran nega

Il primo ministro israeliano Bennett e i ministri degli esteri britannico e statunitense hanno identificato l’Iran come l’autore dell’attacco Attacco a una petroliera Ad Amman. Ma l’Iran nega ogni coinvolgimento, descrivendo queste accuse come infondate.

La petroliera Mercer Street è stata colpita da un’esplosione giovedì sera. Nell’attacco sono morti due membri dell’equipaggio, uno dalla Romania e uno dal Regno Unito. La nave è di proprietà dei giapponesi e batte bandiera liberiana, ma è gestita da una compagnia di navigazione britannica di proprietà di un miliardario israeliano.

Dalla primavera si sono verificate diverse esplosioni su navi associate a Israele nel Golfo di Oman, nel Mar Arabico e nell’Oceano Indiano. Non c’erano morti prima. Anche con attacchi precedenti Si riferiva all’Iran.

“Invia un messaggio all’Iran”

Secondo Israele, Regno Unito e Stati Uniti, questa volta l’attacco è stato effettuato da un drone, che ha praticato un buco nella fusoliera. Il primo ministro israeliano Bennett ha affermato che “gli iraniani che hanno attaccato Mercer Street con un drone avevano l’intenzione di colpire un obiettivo israeliano”.

Ha aggiunto che “il comportamento criminale dell’Iran è una minaccia non solo per Israele, ma anche per la libertà di navigazione globale e il commercio internazionale”. Bennett minaccia ritorsioni: “Almeno sappiamo come inviare un messaggio all’Iran a modo nostro”. Ad aprile si è verificata anche un’esplosione A bordo di una nave iranianaForse per rappresaglia contro Israele.

Gli inglesi hanno risposto tramite il ministro degli Esteri Raab: “Il Regno Unito condanna questo attacco illegale e ragionevole. Riteniamo che sia stato un attacco mirato dell’Iran e una chiara violazione del diritto internazionale”.

READ  Ricerca di viaggio: ecco gli olandesi che pagheranno la tua tariffa | Per viaggiare

Anche il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha condannato l’attacco e ha affermato di essersi consultato con i governi della regione e altrove per una “risposta adeguata”.

accuse infondate

Anche Israele e l’esercito britannico comunicavano tra loro. L’esercito israeliano ha dichiarato in una dichiarazione di aver discusso “degli ultimi sviluppi nella regione e delle sfide comuni tra i due paesi”.

L’Iran ha negato tutte le accuse: “Questa non è la prima volta che il regime sionista che occupa Gerusalemme lancia accuse così infondate contro la Repubblica islamica dell’Iran”, ha detto un portavoce del ministero degli Esteri. “Chi semina vento mieterà tempesta”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24