Gli studenti ricevono più velocemente aiuto extra con la lingua, l’aritmetica e la matematica | proprio adesso

Nel prossimo anno scolastico, gli alunni delle scuole primarie e secondarie riceveranno ulteriore aiuto per migliorare le competenze linguistiche di base, aritmetica/matematica, cittadinanza e alfabetizzazione digitale. Il ministro dell’istruzione primaria e secondaria Denis Wiersma ha riferito che circa cinquecento scuole avrebbero ricevuto fondi aggiuntivi per questo scopo ed era pronto un “team di assistenza di esperti” per le istituzioni educative che non potevano organizzarlo.

Diversi rapporti hanno già dimostrato che un numero molto elevato di studenti è significativamente indietro nella lettura, nella scrittura e nell’aritmetica. “Non importa quanto gli insegnanti facciano del loro meglio, vediamo che le fondamenta devono essere rafforzate. Ecco perché aiuteremo insegnanti e dirigenti scolastici meglio e in modo più specifico per aiutare gli studenti ad andare avanti”, afferma Wiersma.

Con i soldi, le scuole possono, ad esempio, concentrare un’ora in più al giorno sulle competenze di base per studenti specifici nel prossimo anno scolastico.

Per le scuole che non possono organizzare questo con la loro squadra attuale, la squadra ausiliaria deve essere pronta per il prossimo anno scolastico. “Vanno nelle scuole per attuare un piano su misura con il team di insegnanti. Mani in più con il lavoro nella scuola, sotto la supervisione della scuola stessa. Decine di migliaia di studenti possono essere aiutati in questo nel prossimo anno scolastico”.

Non è ancora chiaro chi entrerà a far parte della squadra di soccorso. Un portavoce del ministro ha detto a NU.nl quando gli è stato chiesto che si trattasse di persone con un background educativo oltre che scientifico. Anche gli esperti che sono già in pensione sono un’opzione. La premessa principale è “il bisogno della scuola stessa”.

READ  The Five Wheel ottiene un'alternativa vegetariana: il concentrato di nutrizione è rischioso

Warsma dice in un’intervista a anno Domini Le squadre non mirano a “mettere un piano nella scuola e poi vedere come la scuola lo implementerà”. “Si tratta di un vero aiuto”, ha detto il ministro. Spiega che i team aiuteranno, ad esempio, a ripristinare il piacere della lettura tra i bambini oa ridurre la gestione.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24