Grandi preoccupazioni per l’economia italiana: il rischio di credito | Problemi finanziari

Di recente, c’è stato un governo di ampia base in Italia guidato da Mario Draghi, ex presidente della Banca centrale europea (BCE) apartitico. Ha avviato le riforme per ottenere prestiti europei e riformare l’economia italiana. L’economia è cresciuta in modo relativamente lento per anni e l’obiettivo è migliorarla attraverso la digitalizzazione e l’ecologizzazione, tra le altre cose. In questo modo, l’Italia è in grado di pagare meglio il suo esorbitante peso del debito.

Di recente sono sorte divergenze tra i partiti della coalizione di governo, che hanno portato alle dimissioni di Draghi. Nuove elezioni si terranno alla fine del prossimo mese, ma Moody’s vede già un aumento del rischio di non perseguire le riforme a causa del “clima politico”. Potrebbe anche influire sulla capacità dell’Italia di ottenere più prestiti dall’Europa.

Meno rischio disciplina

Moody’s è anche preoccupato per il calo delle forniture di energia, che potrebbe danneggiare la crescita economica. Secondo gli esperti di Moody’s, il rallentamento della crescita economica, gli oneri finanziari più elevati poiché il mercato è meno fiducioso sul prezzo delle azioni italiane e una politica fiscale meno disciplinata sono tutti rischi.

Ci sono preoccupazioni anche all’interno dell’Unione Europea sui costi che l’Italia dovrà pagare per i prestiti del governo. La Banca centrale europea ha acquistato molti di questi prestiti negli ultimi anni nell’ambito della sua politica di acquisto, ma la banca centrale ha smesso di farlo. Di conseguenza, l’Italia paga ancora molto di più per prendere in prestito denaro dalla Germania, il che è standard rispetto a. E poiché l’Italia ha molto debito, potrebbe portare a grossi problemi se le entrate pubbliche non crescono con esso.

READ  L'Italia soffre di bassi tassi di natalità, e in Sardegna si avvicinano così

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24