Grazie a Dmitri K. si fa sempre più chiaro il percorso attraverso il quale la Russia mette le mani sui prodotti delle sanzioni europee

Un soldato ucraino mostra un drone Mavic intercettato dalla società cinese DJI, utilizzato dai russi. Era l’olandese russo Dmitry K. Proverà a trasferirne parti in Russia.Immagine/riimmagini ANP

Otto pacchi di cartone sono stati raccolti il ​​24 agosto da un’autocisterna tedesca di Dmitry K. , un russo-olandese che vive con moglie e figli piccoli in un nuovo e tranquillo complesso residenziale a Gorsel, Gelderland. Il camion li ha portati in un magazzino vicino all’aeroporto di Amburgo. La destinazione sul pacco era Maldive. Ma non ci arriveranno mai.

Martedì K. dovrebbe rappresentare. Di nuovo in tribunale a Rotterdam per la terza udienza preliminare nel primo e unico caso davanti a un tribunale olandese per violazioni delle sanzioni dall’invasione russa dell’Ucraina. I pacchi contengono, tra le altre cose, transistor, chip per computer e parti di droni cinesi, secondo i documenti di esportazione preparati da K. Cose che alla fine finiranno in Russia, forse attraverso uno degli stati baltici.

Circa l’autore
Michael Pearson è un giornalista e commentatore di economia De Volkskrant, incentrato sulla guerra in Ucraina. Come giornalista in America, ha ricevuto il Teagle Award for Journalism.

L’erba non viene più falciata

Ciò è stato proibito da quando le sanzioni europee sono entrate in vigore lo scorso anno dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Secondo la Procura della Repubblica, è chiaro che K. Si rese conto che stava facendo qualcosa di inammissibile: non per niente aveva falsificato la destinazione finale. Per questo è accusato di falso.

Se K si presenterà in tribunale martedì è altamente discutibile. La gente del posto dice che è partito a febbraio con la sua famiglia in un’auto piena di bagagli. Dopo di che non fu mai più visto. Secondo alcuni si trova con la madre a Mosca. La casa appare vuota, i giocattoli ei cappotti dei bambini sono spariti dal corridoio e dagli attaccapanni, e il prato non è stato falciato da secoli.

K. è stato rilasciato. Dalla custodia cautelare a dicembre dopo la prima udienza. Il giudice ha ritenuto minimo il rischio di fuga e ha deciso di rilasciarlo senza ulteriori condizioni. Ciò significa che può viaggiare dove vuole, anche all’estero. Deve apparire ad ogni sessione.

Ma se lo farà o meno, il suo avvocato, Christian Visser, non può dirlo. Anche Viser non ha commentato il caso. “Il cliente non collabora con nulla.”

L’ufficio del Pubblico Ministero ha arrestato K. a settembre e due mesi dopo ha ottenuto il permesso di controllare il suo telefono e il suo computer. E da questo è stato tratto un atto d’accusa piuttosto dettagliato, sulla base del quale questo giornale ha fatto la ricostruzione a febbraio.

Ex compagno del KGB

In termini generali: K., che vive nei Paesi Bassi da diversi decenni e da alcuni anni commercia con la Russia attraverso la sua società Woerd-Tech, sarebbe stato controllato da Alexej Belosochov, il direttore degli acquisti della società russa SPS. Quella società riceverà una licenza speciale dai servizi segreti russi dell’FSB per fornire attrezzature a Rostec, un consorzio di centinaia di aziende di alta tecnologia e difesa che sono tutte di proprietà statale dal 2008. Sono guidate da un ex amico del KGB di Vladimir Putin da quando era a Dresda.

Ma cosa esattamente è stato esportato da K., e in che modo, non è ancora chiaro. Dal database di importazione russo che De Volkskrant Mi sono reso conto che dall’aprile 2022 le cose valgono circa 250.000 euro, comprese le parti del produttore cinese di droni DJI. Sembra inoltre che i “diodi utilizzati nelle apparecchiature elettroniche radio” siano stati trasferiti in Russia dalla società olandese NXP Semiconductors.

“Sfortunatamente, i nostri sforzi da soli non possono impedire ai nostri prodotti di raggiungere luoghi e applicazioni per i quali non erano destinati”, afferma NXP. La società ha interrotto tutti i rapporti commerciali con la Russia, ma afferma di non poter impedire a distributori e altri clienti di rivendere gli articoli a un altro utente finale.

Per inciso, era solo un piccolo carico di diodi (poche dozzine), e la panoramica russa di Woerd-Tech di contrabbando include anche semiconduttori di altri importanti fornitori come Texas Instruments, Analog Devices, Infineon e TDK. A quanto pare K. li ha acquistati in tutto il mondo e li ha spediti da Gorssel alla Russia in scatole di cartone.

Amburgo come centro

Secondo le informazioni doganali russe, quelle operazioni sono finite a Mosca con Telekommunikationsye Technologii e R&D Centrum TechnoAvtomatika, due intermediari il cui obiettivo potrebbe essere quello di accogliere potenziali sanzioni senza intaccare l’utente finale. TechnoAvtomatika è di proprietà dell’oligarca Andrei Molchanov, un protetto dell’ex presidente di Putin a San Pietroburgo (e proprietario del terreno di Mosca su cui lo sviluppatore americano Donald Trump ha progettato di costruire un hotel nel 2015). Gli Stati Uniti hanno già imposto sanzioni a Molchanov, e quindi è intoccabile.

Amburgo sembra essere un importante centro di contrabbando. In caso di recenti sospetti di violazione delle sanzioni, il trasferimento avrebbe dovuto avvenire attraverso la città portuale tedesca. La società greca Nikos B., proprietaria della società olandese Aratos BV, arrestata la scorsa settimana a Parigi, avrebbe fornito agli acquirenti russi beni militari e “doppio uso”, secondo l’accusa (statunitense), senza dirlo ai produttori . “I materiali sono stati inviati dall’Olanda a un corriere ad Amburgo, che veniva spesso utilizzato per spedire merci in Russia”.

Si dice che b. e il suo nastro trasportatore tedesco facevano parte della cosiddetta rete Cernia, dal nome di una società di ingegneria di Mosca, che era un importante centro di approvvigionamento per la macchina da guerra russa. A dicembre, il Federal Bureau of Investigation negli Stati Uniti ha arrestato due degli americani coinvolti. In Estonia, un russo, forse un ufficiale dell’FSB, è stato arrestato mentre tentava di attraversare il confine con la Russia. Anche lui farà parte di questa rete. Portava 35 semiconduttori e migliaia di proiettili per i fucili di precisione del Nebraska. Gli uomini accusati lavoravano anche con il greco Nikos B., che opera dai Paesi Bassi, secondo l’FBI.

Sempre semaforo verde

Le azioni legali sono molto più concrete delle accuse contro l’olandese che la scorsa settimana è stato inserito nella lista delle sanzioni statunitensi, Edwin Ono van Ingen di Hellegum. Gli americani lo accusano di spedire apparecchiature con applicazioni nucleari in Russia per conto dei servizi segreti russi. Ma nessun caso è stato intentato contro di lui, non è un sospetto. Van Ingen pensa di sì effetti collaterali Egli è. Ho sempre richiesto i permessi di esportazione. Anche quando i russi mi hanno chiesto se potevo fornire schede SSD, ho prima chiesto al Dipartimento di Stato se fosse possibile. Ottengo sempre il via libera. E dalla guerra non ho fornito nulla alla Russia, nemmeno con altri mezzi, sebbene me lo chiedessero.

In ogni caso, sembra che i russi lavorino da anni con un gran numero di dealer e broker, acquistando reti che coesistono l’una accanto all’altra. Se il collegamento cade per qualsiasi motivo, c’è sempre qualcun altro che può subentrare. Molti dei contrabbandieri sembrano piccoli calligrafi che possono essere facilmente sostituiti. E se l’acquirente viene effettivamente catturato, come Dmitri K., altre parti della logistica dei trasporti spesso rimangono intatte. Come il suo legame con Amburgo.

‘non è affar mio’

Perché la compagnia di spedizioni di Amburgo che ha ricevuto e spedito gli otto pacchi di Dmitri K. Ad agosto ancora funzionante. Il proprietario, Martin Wolfram, afferma di non essere a conoscenza di questi pacchetti, sebbene il nome della sua azienda, DRAW, sia sui modelli di esportazione.

Non vuole dire come vanno generalmente le sue vie di trasporto da Amburgo. “Questo è un segreto commerciale. Le cose devono andare da A a B, e farò in modo che segua la strada migliore. Non sa chi potrebbe aver cambiato la destinazione delle Maldive a Mosca. Dice a lui non importa dove vanno a finire le cose.” La destinazione finale delle mie spedizioni non è affar mio.”

READ  Massiccio scambio di prigionieri di guerra e la Russia circonda Lysychansk | Attualmente

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24