Han, 53 anni, di Linschoten, corre ogni mese un triathlon per aiutare i bambini disabili

parola Il 53enne Han Poppema di Linschoten corre da un anno un triathlon ogni mese. Nuota 3,8 chilometri, poi va in bicicletta da centottanta e conclude con una maratona di oltre 42 chilometri. Dodici gare complete, in dodici province, in dodici mesi. Motivo? Un biglietto che ha trovato nei suoi pantaloncini da ginnastica.

Han, 53 anni, di Linschoten, fa un triathlon ogni mese per beneficenza.

Hahn ha partecipato a un triathlon in Italia due anni fa. All’inizio, ha dovuto scrivere in una nota quale fosse il suo peggior incubo. Ha scritto: “L’incapacità di esercitare”. Non potrai mai più allenarti. Alla fine, ha dovuto gettare quel biglietto nel fuoco, spezzando simbolicamente quella paura. In tutta euforia, Hahn se ne dimenticò, il che significa che la nota tornò in Olanda inosservata.

Una volta a casa, Hahn ha scoperto di non essere stato iscritto a un triathlon in Norvegia, che aveva cercato di segnare per anni. A malincuore, si sbottonò la tuta. Mentre svuotava le tasche dei pantaloni della tuta, trovò in tasca un biglietto dall’Italia. Han: “Poi ho pensato: inizierò il mio triathlon e lo legherò a una buona causa”.

Rendere lo sport accessibile ai bambini con disabilità

Quella carità divenne Stichting Het Gehandicapte Kind. Con i soldi raccolti, Han vuole acquistare i cosiddetti “corridoi di pneumatici”. Questo è un tipo di triciclo senza pedali e con supporto toracico. I bambini possono quindi muoversi camminando o correndo.

“Quello che voglio dare a questi ragazzi è la possibilità di provare lo sport”, dice Han. Lui stesso si esercita ogni giorno, diventa anche ansioso quando non può. “Questo è anche il motivo per cui è stato scelto questo obiettivo: mi sembra terribile se non puoi fare esercizio. Lo sport è molto accessibile alle persone fisicamente abili, non ai disabili. Nel mio mondo ideale, ognuno potrebbe allenarsi al proprio livello”.

READ  "Bale vuole lasciare, spera di ottenere il via libera per il Real Madrid e sta valutando un cambio di carriera".

Nessuna bevanda energetica può competere con questo

Ora ci sono otto triathlon su di esso, questa mattina alle cinque è iniziato con il numero nove. Inizia sempre a Woerden con la parte di nuoto, poi va in bicicletta in una contea nei Paesi Bassi e finisce lì con una maratona.

Non ha una parte preferita. Han: “Se hai questo, significa che non ti piacciono gli altri due. E poi un triathlon è difficile da mantenere. Quindi ho tre parti preferite: nuoto, bicicletta e corsa. E l’ultima è la più difficile delle Tutti.”

Durante le precedenti gare di triathlon, Hahn ha avuto occasionalmente un aiuto mentale durante la corsa. Gruppi di bambini disabili con le loro gomme da corsa si sono fermati sulla pista di atletica per unirsi a lui nella corsa. “A volte sono più veloci di me, quindi devo fare del mio meglio per tenere il passo. Ma quando vedi questi bambini divertirsi: nessuna bevanda energetica può competere con questo”, dice Han.
Questo articolo è stato prodotto in collaborazione con RPL Woerden.

Hai un consiglio o un commento? Inviaci le tue notizie o foto tramite Il WhatsApp Oppure invia una mail a [email protected]

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24