Henny è andato ad allenarsi in Belgio e di certo non è stato ringraziato per questo

Heini van Raemdonck (57) è belga, ma ha vissuto quasi tutta la sua vita a Poti, solo nei Paesi Bassi. Un’ora di fitness a Calmthot, sul lato belga del confine, ha portato a una telefonata arrabbiata del proprietario della palestra, che ha rifiutato l’ingresso ai membri olandesi a causa di Corona. Heaney è rimasto sbalordito: “Non credo sia normale iniziare a escludere persone di un altro Paese”.

Henny vive a Poti, nel comune di Voendrecht, da quando aveva quattro anni. Si sente a casa in entrambi i paesi. Quasi ogni giorno viaggia su e giù dall’Olanda al Belgio, e anche per il suo lavoro in una compagnia di dragaggio ad Anversa.

Le cose sono diventate un po’ più complicate dalla pandemia. “Si tratta di osservare da vicino le regole della corona”, dice. “Ogni Paese ha le proprie normative e cambiano spesso. Ogni tanto mi brontolo un po’”.

Attualmente, le misure della corona nel nostro paese sono molto più severe di quelle di questi belgi. I Paesi Bassi sono in gran parte chiusi a causa del blocco, ma negozi e caffè sono aperti nei nostri vicini meridionali. Continuano a funzionare anche le palestre. Il primo ministro Rutte e il governatore di Anversa la scorsa settimana hanno invitato gli olandesi a non andare in Belgio.

Henny – un maratoneta e un atleta appassionato – ha deciso di andare in palestra per un’ora venerdì all’Anytime Fitness di Calmthot, a circa quindici minuti da casa sua. “Sono membro da molto tempo e di solito mi alleno nella sede di Hoogerheide”, dice.

“La cosa grandiosa è che hanno un abbonamento internazionale al fitness club. Sono sparsi in tutto il mondo e questo significa che posso sempre allenarmi, anche quando sono in vacanza in Messico, America o Italia”.

READ  Giant Topper all'Eau Rouge durante le Qualificazioni Europee per la Le Mans Series

Quando è arrivato in palestra, Heini ha dovuto scansionare il suo codice QR sul dispositivo, dopodiché è potuto entrare. Il proprietario non era presente in quel momento. “Ho appena fatto sport, ma ho visto dei fogli appesi al muro che dicevano ‘Vietato agli olandesi’. Mi sono detto: ho la cittadinanza belga e perché non posso allenarmi qui, cosa mi importa? ?”

Dopo che Henny ha sudato, è uscito di nuovo. “Poi ho ricevuto una chiamata arrabbiata dal padrone di casa. E se a volte non riuscissi a leggere e perché pensavo che le regole non si applicassero a me. Era così arrabbiato che non potevo intervenire. Era così brutto e maleducato. “

Solo persone che Registrato a Calmthot, puoi venire ad allenarti in palestra. “Non credo sia normale escludere persone da un altro Paese. In linea di principio, questo non è assolutamente consentito, perché non esiste una legge nazionale in Belgio che impedisca agli olandesi di attraversare il confine”.

Heaney è così sconvolto dal modo ostile di comunicare che ha cancellato la sua iscrizione in palestra. “Lavorerò in un’altra palestra quando riapriranno qui nei Paesi Bassi”, dice. Si dice che l’aria tra Heini e Anytime Fitness si sia schiarita dopo una nuova telefonata dal proprietario della palestra.

Kim Bruns, portavoce di Anytime Fitness Benelux, ha dichiarato in risposta: “C’è la possibilità che i club belgi non siano in grado di rispettare le regole del Corona a causa del grande afflusso di atleti olandesi. Può diventare molto impegnato, con il rischio che i club belgi dovranno chiudere i battenti”.

“Proprio come si dice ad Anversa, per favore non venire qui pesantemente per fare acquisti o usare la nostra industria alimentare, stiamo facendo quella chiamata ora”, ha detto la portavoce. “Capiamo che le persone vogliano fare sport, ma non a spese delle società sportive che sono ancora aperte”.

READ  De Boer non può competere con Van Gaal: Frank è una persona meravigliosa

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24