Herlings ha battuto Coldenhoff per un’arancia

Subito dopo la fine della classe MX2, ha iniziato a piovere a dirotto a Maggiora, il che ha reso la pista molto diversa dalla prima manche. Nella fase iniziale, questa sembrava essere una buona notizia almeno per gli olandesi, che avevano iniziato la partita molto bene.

Coldenhoff ha preso il comando, Henry Jacobi e Jorge Prado. Herlings inizialmente sembrò lasciarsi ingannare di nuovo da Gajser, che chiuse la porta su The Bullet. Ma gli Herlings hanno rosicchiato e sono arrivati ​​secondi alla terza curva.

Se non lo sapessi troppo bene, penseresti che il Motocross delle Nazioni Coldenhof è andato a Maggiora nel 2018 o nel 2019, ma era davvero la Yamaha azzurra che Huff stava guidando. Herlings non è riuscito a tenere il passo del suo connazionale, ma non era necessario per fare bene per il campionato. Gajser era al decimo posto. Inoltre, come molti dei corridori in questa gara nel fango, ha perso rapidamente gli occhiali. La strada per i nuovi occhiali era affollata e questa strada era molto difficile per alcuni ciclisti. E così Arnaud Tonus cadde proprio davanti all’ingresso.

In attacco, Coldenhof ha continuato a dominare la partita in favore di Herlings, che ha visto Jacoby perdere sempre più terreno. Entrambi gli olandesi sono riusciti saggiamente a rimanere fuori dal traffico, quindi non hanno dovuto andare a comprare nuovi occhiali.

Fuori dalla vista e dal nulla, Herlings superò improvvisamente Coldenhoff. La pista è andata progressivamente peggiorando e questo si è riflesso nei tempi sul giro, che si sono confusi. Cairoli alla fine sarebbe arrivato terzo superando Jacobi nelle fasi finali. Il siciliano, dunque, è arrivato terzo nella classifica giornaliera dopo il duo olandese. Tutti e tre i piloti hanno concluso con 40 punti, ma Hurlings ha vinto la manche finale.

READ  Lunigiana - nascosta dietro la Riviera

Paul Jonas è arrivato quarto, davanti a Jacobi e Gajser. Prado è arrivato settimo, davanti a Jeremy Sior, Alessandro Lupino e Jeremy van Horebeck. A causa dello scarso risultato di Gajser, Herlings e Cairoli recuperano nella lotta per il titolo.

Maggiori informazioni su MXGP per l’Italia:

Risultato MXGP Grand Prix Italia 2:

Van de Moosdijk vicino al podio

Nella classe MX2 è subentrato Mattia Gudajini. L’italiano per la prima volta nella Coppa del Mondo MX2 ha vinto la sua seconda manche, il Gran Premio e si è anche guadagnato la tabella rossa. Ruben Fernandez, che aveva appena conservato la targa rossa per una settimana, ha dovuto riconsegnargliela. Rowan van de Mosdyk ha mancato il podio per un pelo. Il pilota di Eindhoven è arrivato terzo dopo un’ottima seconda gara, ma nel risultato di oggi era a due punti dal podio. È rimasto sesto per molto tempo dietro a Rene Hoover, ma era chiaro che era abbastanza veloce per andare avanti. Alla fine è riuscito a superare l’austriaco e anche Jago Gerts, mentre Jed Peyton è uscito dai primi cinque. Maxime Renaux era inafferrabile al secondo posto. Van de Mosdyk è salito anche al quarto posto in Coppa del Mondo, a 14 punti dal leader Gaudagnini. Kay de Wolff ha concluso al nono posto nel punteggio complessivo dopo un’altra forte manche.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24