“Ho finito in un nuovo mondo”

Denzil Dumfries si occupa dell’Italia
Denzel Dumfries è apparso nell’ultima edizione di ELF Voetbal. Parla dei suoi alti e bassi a Milano negli ultimi sei mesi. Perché non è facile per la gente di Rotterdam: “Sono mesi divertenti, ma seri”, dice Dumfries, che inizialmente ha avuto difficoltà a passare a una specie di vecchio diesel, deve ancora essere più caldo. “All’inizio ero particolarmente duro con altre lingue e culture. Sono finito in una specie di nuovo mondo. Tutto era diverso”.

Il giocatore folk Stephen de Vridge viene in soccorso
Fortunatamente, ci sono sempre persone che possono farti superare i momenti difficili. Per Denzel, Danilo D’Ambrosio, Hakan Calhanoklu e Ivan Perisic sono stati grandi sostenitori. “Ho imparato molto da loro”. Il vero bagnino era il collega di Rotterdam Stephen de Vrij. “Stephen è stato un mentore per me. Mi ha aiutato, mi ha insegnato tutto sul club e mi ha guidato per tutta la città. Grazie a lui sono cambiata molto velocemente. Gli sono grato per questo”.

C’è ancora molto da guadagnare nel campo della lingua, si rese conto Dumfries. “Ho smesso di prendere lezioni di italiano da quando è nata mia figlia, ma continuerò presto. Nel frattempo ascolto e leggo. Cerco di prendere tutto”.

Vuoi saperne di più sul tempo trascorso da Denzel Dumfries a Milano? Parla del suo punto più basso in assoluto, dell’interesse dell’allenatore Simon Inzaki e dei suoi ottimi esempi. La conversazione completa con il terzino destro olandese può essere letta su ELF n. 3, che sarà disponibile nei negozi e nei negozi dall’11 marzo in poi. Negozio online

READ  "L'economia italiana potrebbe crescere di oltre il 5% quest'anno"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24