I ‘becchini’ del Belgio: trattative di governo con tanti giochi politici, ma poca sostanza – Notizie finanziarie ed economiche – Tendenze

Durante le lunghe trattative governative, non si trattava di contenuti, ma di intrighi e sfiducia quasi personali tra potenziali partner governativi. Questo è il denominatore comune di tutta la dettagliata storia politica dal 2019 al 2021 scritta dal giornalista di Wetstraat Wouter Verschelden.

La scorsa settimana, il presidente dell’Open Vld Egbert Lachart ha cercato di avviare il dibattito sulla riforma delle pensioni con un appello per un legame più forte tra le prestazioni pensionistiche e gli anni effettivamente lavorati. Questa proposta è stata fredda come una pietra per il partner dell’Alleanza PS. Il dibattito sulle pensioni, una delle campagne del governo de Croo in autunno, è partito male. Non sorprende, se si guarda più da vicino la formazione della coalizione. Durante le lunghe trattative governative, non si trattava di contenuti, ma di intrighi e sfiducia quasi personali tra potenziali partner governativi. Questo è il denominatore comune di tutta la dettagliata storia politica dal 2019 al 2021 scritta dal giornalista di Wetstraat Wouter Verschelden.

L’alleanza viola e verde con CD&V ora ha un senso, vista l’avversione dei vari partiti nei confronti della N-VA. Tuttavia, più volte si è avvicinato alla formazione di una coalizione federale PS-N-VA. Ad esempio, nel marzo 2020, quando è scoppiata la pandemia di Corona e ho favorito un governo di emergenza con i partiti più grandi. Ma il presidente del PS Paul Magnett non ha osato saltare. In estate una seconda possibilità è stata saltata dai liberali e dai Verdi, che hanno cominciato a comportarsi sempre più come il cartello. Non è stato fino alla fine di agosto 2020 quando l’alleanza viola e verde con CD&V era inevitabile.

READ  "La caduta di Verstappen non per Pirelli, ma per Red Bull"

Gli aneddoti rendono il libro facile da leggere. Ad esempio, le conversazioni si sono fermate più di una volta perché il presidente dell’onorevole Georges-Louis Bouches non parla una buona parola in olandese e la capisce a malapena. Anche il presidente francese di CD&V Joachim Keynes ha dimostrato di essere un primitivo. C’è poi la storia pubblicata su P-Magazine di un movimento chat Whatsapp tra Alexander De Croo e un’attrice porno italiana. Secondo Verschelden, ciò ha portato a tensioni all’interno di Open Vld – De Croo temeva che sarebbe diventato nero. Queste voci hanno ritardato i negoziati del governo.

Il libro mostra anche che il Partito Socialista, contrariamente alla retorica ufficiale, non si preoccupa molto del futuro del Belgio. Ad un certo punto, Paul Magnet e il presidente della N-VA Bart de Wever avevano un accordo provvisorio per un “grosso affare” che avrebbe ulteriormente spezzato il Belgio – e senza usare quel termine – l’inizio dell’era della Confederazione.

La scorsa settimana, il presidente dell’Open Vld Egbert Lachart ha cercato di avviare il dibattito sulla riforma delle pensioni con un appello per un legame più forte tra le prestazioni pensionistiche e gli anni effettivamente lavorati. Questa proposta è stata fredda come una pietra per il partner dell’Alleanza PS. Il dibattito sulle pensioni, una delle campagne del governo de Croo in autunno, è partito male. Non sorprende, se si osserva più da vicino la formazione della coalizione. Durante le lunghe trattative governative, non si trattava di contenuti, ma di intrighi e sfiducia quasi personali tra potenziali partner governativi. Questo è il denominatore comune di tutta la dettagliata storia politica dal 2019 al 2021 scritta dal giornalista di Wetstraat Wouter Verschelden. L’alleanza viola e verde con CD&V ora ha un senso, vista l’avversione dei vari partiti nei confronti della N-VA. Tuttavia, più volte si è avvicinato alla formazione di una coalizione federale PS-N-VA. Ad esempio, nel marzo 2020, quando è scoppiata la pandemia di Corona e ho favorito un governo di emergenza con i partiti più grandi. Ma il presidente del PS Paul Magnett non ha osato saltare. In estate una seconda possibilità è stata saltata dai liberali e dai Verdi, che hanno cominciato a comportarsi sempre più come il cartello. Non è stato fino alla fine di agosto 2020 quando l’alleanza viola e verde con CD&V era inevitabile. Gli aneddoti rendono il libro facile da leggere. Ad esempio, le conversazioni si sono fermate più di una volta perché il presidente dell’onorevole Georges-Louis Bouches non parla una buona parola in olandese e la capisce a malapena. Anche il presidente francese di CD&V Joachim Keynes ha dimostrato di essere un primitivo. C’è poi la storia pubblicata su P-Magazine di un movimento chat Whatsapp tra Alexander De Croo e un’attrice porno italiana. Secondo Verschelden, ciò ha portato a tensioni all’interno di Open Vld – De Croo temeva che sarebbe diventato nero. Queste voci hanno ritardato i negoziati del governo. Il libro mostra anche che il Partito Socialista, contrariamente alla retorica ufficiale, non si preoccupa molto del futuro del Belgio. Ad un certo punto, Paul Magnet e il presidente della N-VA Bart de Wever avevano un accordo provvisorio per un “grosso affare” che avrebbe ulteriormente spezzato il Belgio – e senza usare quel termine – l’inizio dell’era della Confederazione.

READ  AFM: più tabù che obbligatorio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24