I ciliegi vengono raccolti in Puglia, in Italia

Più di mille alberi di ciliegio sono stati distrutti in due giorni nella regione Puglia in Italia. Da un frutteto di Biskeglie, con un totale di sei varietà, dal Picaro precoce al noto ciliegio Ferrovia, oggi rimane solo un grande appezzamento di terreno incolto. Maurizio Di Piero (Guarda la foto qui sotto), agronomo e proprietario di azienda agricola.

“In passato, in questa regione, molti frutteti di ciliegie sono stati distrutti. Non sono il primo e non sarò l’ultimo. Ma queste sono decisioni dure che non corrispondono a ciò che dovrebbe fare un’azienda di coltivazione. Ma rabbia per ciò che successo nelle passate stagioni e preoccupato per quello che mi aspetta nei prossimi anni, il mio “ho deciso di distruggere 2 ettari di ciliegi”, dice l’imprenditore pugliese.

“Il settore delle ciliegie del sud Italia è in grave crisi. Da anni si registrano problemi strutturali, confermati la scorsa stagione. Il margine di profitto diminuisce di anno in anno. Il prezzo che gli agricoltori ricevono per le loro ciliegie rimane lo stesso. Non è così importa se i costi aumentano del 30-40% quest’anno, le stesse ciliegie si trovano al supermercato, in negozio le vedi vendere a 6 o 7 volte il prezzo del produttore, mentre la maggior parte del lavoro è richiesto. stagione di crescita e durante la vendemmia. Quest’anno, a parte un grande raccolto di ciliegie italiane che sono arrivate sul mercato in poco tempo a causa del clima, abbiamo visto sugli scaffali una quantità significativa di ciliegie straniere. commodities. merce è stata scambiata a prezzo spot.”

“A causa delle pessime condizioni di vendita e del generale aumento dei prezzi, ho pensato di concludere la stagione in anticipo. La mancanza di manodopera è un altro problema. Quest’anno abbiamo avuto un periodo molto difficile in quella zona. Il reclutamento per la vendemmia non è stato proprio facile .Per assumere lavoratori: molti si sono rifiutati di venire a lavorare, altrimenti perderebbero i loro benefici.

READ  Zoe allunga l'avventura dell'Italia: trasloco e nuova scuola

Escavatore durante l’operazione di raccolta

“Sradicare un raccolto non è certamente un bello spettacolo, soprattutto quando è fatto mentre i frutti sono ancora sugli alberi, ma volevo liberarmene per non dovermi preoccupare. Anche le perdite economiche. Sarebbe sarebbe meglio se continuassi. Questo sito rimarrà per il momento non sviluppato, ricerche di mercato e un’attenta pianificazione della coltivazione. In attesa. Ci concentreremo prima su altre colture come l’uva che l’azienda coltiva e vende direttamente al mercato”.

Alberi raccolti di specie Ferrovia

“Noi agricoltori siamo responsabili della crisi delle ciliegie in Puglia. Ci mancava la cooperazione e una visione a lungo termine. Siamo rimasti soddisfatti dei buoni risultati raggiunti da tutti individualmente. Non ci siamo riusciti in tutti questi anni. Abbiamo dimostrato di lavorare insieme e istituendo programmi per promuovere le nostre ciliegie in tutta Europa e come altre regioni possono commercializzare con successo i loro famosi prodotti. Avremmo dovuto vederlo fatto”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24