I dilettanti scoprono impronte di dinosauri di 200 milioni di anni fa in Galles

Quando le condizioni sono favorevoli, le impronte possono essere lasciate indietro quando gli animali camminano su sedimenti morbidi come fango o sabbia. Queste spore possono quindi essere essiccate al sole e quindi riempite con altri sedimenti. Ciò aumenta la possibilità che diventino fossili archeologici, che sono fossili noti anche come fossili di icnofossili.

“I fossili di tracce sono fossili che registrano aspetti del comportamento o dell’anatomia di un animale che non sono incorporati nello scheletro”, ha detto Barrett. “Questo potrebbe includere tracce di impronte e coproliti [gefossiliseerde uitwerpselen]tunnel, cunicoli e il contenuto del canale alimentare, ed è una rappresentazione delle interazioni di un animale con il suo ambiente o le sostanze che produce”.

“Tracce come queste spesso non sono associate a nessuna specie particolare, tranne in circostanze molto eccezionali, ma possono essere molto comuni in cui cose come le impronte vengono create migliaia di volte durante la vita di un singolo animale”.

Man mano che le rocce si sollevano ed erodono nel tempo, possono apparire tracce sepolte per milioni di anni. Molti scavi archeologici sono stati trovati vicino all’acqua dove le rocce circostanti vengono erose, esponendo i fossili del nucleo.

Tuttavia, esistono anche processi naturali che possono produrre forme che ricordano le impronte delle zampe.

Ad esempio, minerali come il gesso possono sciogliersi e lasciare cavità simili a impronte, mentre piccoli vulcani di fango possono produrre quello che sembra essere il bordo di un’impronta.

READ  Rhett aveva un linfoma a causa di una protesi mammaria ed è una delle 60.000 donne che ora vogliono l'equità

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24