I dinosauri della neve hanno sofferto per l’oscurità e le temperature gelide dell’Artico

Le prospettive del ricercatore Greg Erickson sulle rive del fiume Colville nel nord dell’Alaska. I dinosauri non si limitavano a passare, vivevano lì in modo permanente, nonostante le dure condizioni.Foto AFP

Era molto più caldo nell’era dei dinosauri di quanto lo sia ora, ma dove sono stati trovati i fossili studiati, l’inverno era buio e freddo anche allora – non esattamente l’ambiente in cui si vedono i dinosauri che vagano, gli scienziati sono stati anche inizialmente sorpresi quando sono stati scoperti a metà dei primi scavi nell’Artico e nell’Antartico nel secolo scorso. Erano specie itineranti che sfuggivano ai rigidi inverni o potevano sopravvivere qui in modo permanente?

Troppo piccolo per i viaggi

Ricercatori americani e canadesi Ora ho trovato prove forti per quest’ultimo. In Alaska, vicino al Polo Nord, 70 milioni di anni fa, hanno trovato ossa e denti di dinosauri e cuccioli appena nati di meno di un anno. Hanno scritto che è improbabile che gli animali molto giovani crescano abbastanza velocemente da migrare verso regioni più calde.

Inoltre, i ricercatori hanno notato differenze distinte tra i denti e i crani dei dinosauri nell’Artico e le specie strettamente correlate trovate nel sud. Se questi animali avessero viaggiato avanti e indietro, come uccelli migratori, ti aspetteresti di trovare i loro resti anche a sud.

Anne Schulp, professoressa di paleontologia all’Università di Utrecht e affiliata a Naturalis, è rimasta colpita dal gran numero di specie da cui i ricercatori hanno trovato una giovane donna. Questi includono i tirannosauri carnivori ed erbivori strettamente imparentati con il Triceratopo a tre corna. “E sono così giovani che non si muoveranno subito.”

Ecco quanto erano piccole le ossa e i denti dei minuscoli dinosauri trovati nell'Alaska settentrionale.  La moneta ha un diametro di 1,8 cm.  Foto AFP
Ecco quanto erano piccole le ossa e i denti dei minuscoli dinosauri trovati nell’Alaska settentrionale. La moneta ha un diametro di 1,8 cm.Foto AFP

Il suo collega Niels de Winter, che studia i cambiamenti climatici passati all’Università di Utrecht e alla Libera Università di Bruxelles, afferma che probabilmente non c’erano calotte polari nel periodo studiato. Basandosi in parte su fossili di piante trovati in Alaska, i ricercatori hanno concluso che probabilmente si è congelato in inverno. Inoltre, il sole non sorge da più di cento giorni all’anno.

Secondo lui, è molto difficile determinare se c’è neve sulla base degli scavi. “Ma se può scendere sotto lo zero in inverno, possiamo presumere con quasi certezza che ad un certo punto la neve sia caduta lì”.

ibernazione

I ricercatori hanno scritto che lì crescevano piante, tra cui conifere e felci, ma la mancanza di luce in inverno avrebbe potuto impedire che l’approvvigionamento alimentare fosse grande. Non è facile dedurre dal taglio delle ossa come i dinosauri siano stati in grado di adattarsi alle dure condizioni. Suggeriscono che potrebbero imprecare.

I ricercatori non hanno trovato tracce di piume, ma è noto che specie strettamente legate a tutte le famiglie di dinosauri dell’Alaska hanno piume. Gli scienziati hanno scritto che è molto probabile che i dinosauri innevati vagassero con una spessa copertura di piume contro il freddo. “Ha perfettamente senso per me”, dice Schulp.

Inoltre, questa è un’altra indicazione che i dinosauri erano animali a sangue caldo, dice, “nel caso qualcuno avesse dei dubbi”. Nessuna traccia di animali a sangue freddo come lucertole e coccodrilli è stata trovata.

Schulp: “Quello che trovo speciale è che non si tratta di una singola persona con una strategia di sopravvivenza completamente unica. C’era un’intera comunità di dinosauri in quella regione fredda e oscura”.

READ  Un leggero aumento del numero di test positivi, soprattutto al sud, molti infortuni | proprio adesso

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24