I fact-checker inviano un messaggio di avviso a YouTube per fare di più contro la disinformazione – IT Pro – Notizie

Più di 80 gruppi di accertamento dei fatti ritengono che YouTube dovrebbe fare di più contro la disinformazione sulla piattaforma. Stanno chiedendo alla piattaforma video di reprimere i video con informazioni errate e di modificare l’algoritmo in modo che tali video non siano consigliati così spesso.

Si sono riuniti più di 80 gruppi di accertamento dei fatti, provenienti da più di 40 paesi in un messaggio Rivolto a Susan Wojcicki, Presidente di YouTube. Le organizzazioni includono Fact Checker del Washington Post e il belga Knack Magazine.

I fact-checker ritengono che YouTube stia facendo uno sforzo insufficiente nell’attuazione di misure per risolvere il “problema della disinformazione”. Infatti, YouTube permette alla sua piattaforma di essere armata da attori senza scrupoli per manipolare e sfruttare gli altri, organizzarsi e guadagnare soldi”, hanno scritto nella lettera.

Il messaggio richiede quattro modifiche. Ad esempio, i gruppi vogliono che YouTube finanzi ricerche indipendenti sulle campagne di disinformazione sulla piattaforma e sui modi più efficaci per contrastare la disinformazione. Inoltre, i video in cui viene diffusa la disinformazione dovrebbero essere dotati di collegamenti che forniscano un contesto e confutino informazioni errate e possano essere letti nel messaggio.

I fact-checker vogliono anche che YouTube modifichi il suo algoritmo. Quando è chiaro che un utente ha pubblicato ripetutamente informazioni errate, i suoi video non dovrebbero più essere consigliati ad altri utenti, dicono. Infine, YouTube deve fare di più sulle imprecisioni nei video non in inglese, fornendo “dati specifici per paese e lingua” e progettando servizi di trascrizione che funzionino in qualsiasi lingua. Secondo i gruppi, la maggior parte della disinformazione sulla piattaforma video si verifica in America Latina, Asia e Africa.

READ  Tribunale israeliano: torna in Italia un bambino sopravvissuto a un disastro in funivia | All'estero

In precedenza YouTube già annunciato Rimuovere alcuni tipi di disinformazione, ad esempio sui vaccini, dalla piattaforma. Dice di aver già rimosso 130.000 video di vaccini contro il coronavirus per aver violato le regole. Portavoce di YouTube Dice al Guardian Che i video di disinformazione “al confine” non siano attualmente rimossi, ma difficilmente consigliati. “Meno dell’uno percento” di tutte le visualizzazioni su YouTube proverrà da video premium con contenuti simili alla disinformazione. Secondo il portavoce, lo 0,21% delle visualizzazioni proviene da video di disinformazione che sono stati successivamente rimossi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24