I “laghi sotterranei” di acqua liquida su Marte stanno diventando più probabili

La smectite sembra una roccia normale, ma è stata formata dall’acqua molto tempo fa. Smith e il suo team hanno posizionato diversi campioni di smectite in un cilindro progettato per misurare il modo in cui i segnali radar interagiscono con esso.

Ha anche congelato i campioni in azoto liquido a meno 50 gradi Celsius, una temperatura vicina alla temperatura del polo sud di Marte.

Dopo aver congelato i campioni, il team ha determinato che la risposta delle smectiti ai segnali radar corrispondeva quasi esattamente alle osservazioni di MARSIS.

Successivamente, gli scienziati hanno esaminato se esistessero smectiti su Marte vicino al punto in cui sono stati individuati i forti segnali radar originali nel 2018. Hanno utilizzato i dati del Mars Reconnaissance Orbiter, che trasporta uno strumento a bordo, il Compact Imaging Spectrometer (CRISM), in grado di rilevare smectiti su Marte. Mappa di metallo.

Ha pagato. Sebbene la tecnologia CRISM non possa vedere attraverso il ghiaccio, il team ha trovato alcuni piccoli oggetti sparsi sulla superficie vicino alla calotta glaciale. Quindi sembra probabile che anche la smectite fosse sotto la superficie e che probabilmente abbia causato forti riflessioni lì a circa 1,5 chilometri sotto la superficie.

“La smectite è molto comune su Marte e copre circa la metà del pianeta, specialmente nell’emisfero meridionale”, ha detto Smith. “Questo fatto, combinato con le proprietà di riflessione radar della smectite a temperature estremamente basse, le rende la spiegazione più probabile per questo mistero”. Pertanto, secondo gli autori, non è necessario ipotizzare la presenza di acqua liquida, che richiederebbe quantità improbabili di calore e sali.

Tuttavia, gli scienziati avevano precedentemente sperato di trovare laghi. Il coautore Dan Lalish della Cornell University ha dichiarato: “Sfortunatamente, questo è un po’ deludente, perché i laghi sotto la calotta glaciale sarebbero molto eccitanti. Tuttavia, pensiamo che l’ipotesi della smectite sia più probabile e più coerente con altre osservazioni”.

READ  Il celacanto "fossile vivente" sorprende ancora: un pesce gigante di 100 anni e una gravidanza di 5 anni

Non c’è modo di confermare forti segnali radar senza atterrare al polo sud di Marte e perforare chilometri di ghiaccio, il che è attualmente impossibile. Ma studi recenti hanno offerto spiegazioni plausibili che hanno più senso dell’acqua liquida.

“Nella scienza planetaria, spesso ci avviciniamo alla verità in centimetri e centimetri”, ha detto Plott. “Lo studio originale non ha dimostrato che fosse acqua, e questi nuovi studi non dimostrano che non fosse acqua. Ma stiamo cercando di restringere la gamma di possibilità il più vicino possibile per arrivare a un consenso”.

studi Kholer sulla trama, A partire dal Guidato da Pearson e guidato da smith pubblicato in Lettere di ricerca geofisica. Questo articolo si basa sui comunicati stampa della NASA, della Cornell University e del Planetary Science Institute.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24