I ministri esortano il premier Boris Johnson alle dimissioni: “La situazione è insostenibile”

“Per tutto il giorno, la serie politica si svolge a Westminster”, afferma Senin. “Le gambe della sedia di Johnson sono distese su tutti i lati. Si rifiuta di dimettersi, ma la sua posizione è diventata inaccettabile. Ora anche il suo partito vuole che se ne vada”.

Quaranta membri del partito si sono dimessi

È stata una giornata tumultuosa per Johnson, poiché il ministro delle finanze Rishi Sunak e il ministro della salute Sajid Jaffe si sono dimessi contemporaneamente martedì notte. Quello si è rivelato essere l’inizio di un’uscita di massa dal Partito conservatore di Johnson. Nel frattempo, quaranta ministri e altri membri del partito si sono dimessi, a causa dell’insoddisfazione per la sua performance e per la “cultura dello scandalo” che perseguita il suo governo.

Il mese scorso c’è stato un voto di fiducia sulla sua permanenza in carica. A quel tempo, è stato principalmente accusato del “cancello del partito”, le feste a cui ha partecipato durante il blocco di Corona. Ma Johnson è sopravvissuto a questo voto.

Ora la scienza è completamente diversa, spiega Anne Senen: “Ci sono state elezioni in due distretti che tradizionalmente votano conservatori, ma hanno perso. Questo suggerisce che la popolazione lo sta scandalizzando”.

cattivo comportamento

L’ultimo scandalo è il caso Pincher. Questo vice aveva molestato uomini nella vita notturna in stato di stordimento da ubriaco ed era stato anche accusato di cattiva condotta in precedenza. Johnson gli diede comunque una posizione. In un primo momento, il presidente del Consiglio ha negato di essere a conoscenza delle denunce, ma in seguito ha dovuto ammettere di essere a conoscenza.

READ  Austria: multa di 2.000 euro per non essere stato vaccinato per strada. non pagare? Un anno in prigione privata

Senin: “I residenti lo biasimano ancora per questo. Lo negano sempre, e poi ammettono che ha mentito. Così è stato anche con Bartigit: ha giurato più e più volte di non aver fatto nulla di male, e che alla fine ha deve far suo. Ha confessato.

Secondo Senen, ci sono due opzioni: o stasera Johnson sarà convinto di dover dimettersi, oppure aspetterà lunedì.

Non sembra intendere il primo: “Quando guardo ai problemi che questo Paese sta affrontando, così come alla guerra in Europa, non vedo quanto sia responsabile di allontanarsene”, ha detto il presidente del Consiglio . “L’ultima cosa di cui questo Paese ha bisogno sono le elezioni”.

scarafaggio

Senen spiega cosa gli pende sulla testa lunedì. “Secondo la regola del partito, ci deve essere almeno un anno tra due voti di fiducia. Ma dopo il fine settimana, il partito spera di revocare quella regola. In tal caso, probabilmente prenderanno il nuovo voto lo stesso giorno. “

E questa volta il Primo Ministro del Colore non sopravviverà a questo voto, come prevede il giornalista. “Stasera anche il ministro dell’Interno Patel è qui per parlare con lui. Un altro membro del partito si è definito ‘uno scarafaggio che sopravviverà all’apocalisse’. Bene, questo riassume molto bene l’umore”.

Secondo i media britannici, sarebbero presenti anche i ministri del Galles e dell’Irlanda del Nord e il segretario ai trasporti Grant Shapps, considerato vicino a Johnson.

Cadi nello scudo

La feroce resistenza di Johnson porta a molta incredulità in Inghilterra. “È difficile capire perché continui a mantenere la premiership in questo modo. Saprà anche da solo che non si può tornare indietro”.

READ  Sospetti arrestati dopo l'esecuzione del direttore della fabbrica pakistana

Dice con certezza una cosa: “Il teatro di Westminster sarebbe noioso senza di esso. Per tutto quello che puoi dire a riguardo, non è noioso”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24